GIAVENO NO TAV, I 5 STELLE REPLICANO A RUFFINO A TIZZANI: “SONO INFANTILI E POLITICANTI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image
di FEDERICO GIOVALE ALET (Movimento 5 Stelle Giaveno)

Leggo in questi giorni le farneticazioni del gruppo “Per Giaveno”, secondo cui l’uscita dall’Osservatorio e la mia elezione come rappresentante di minoranza nell’Unione dei Comuni siano frutto di inciuci o accordi sottobanco.

Il loro modo di comportarsi in queste settimane è comprensibile per quanto infantile, provate a togliere un giocattolo ad un bambino e questo vedrete che inizierà a piangere, lo stesso sta accadendo a loro.

L’essere usciti dall’Osservatorio lo giustificano come un’occasione persa per poter conoscere meglio il proseguimento dei lavori: panzana clamorosa, non essendoci infatti un’informazione e un confronto oggettivo, come abbiamo dimostrato in Consiglio; il permanere all’interno serviva solo ai politicanti di professione (diploma che i consiglieri di “Per Giaveno” si sono ampiamente conquistati in 20 anni di mala politica), per racimolare qualche decina di migliaia di euro sottoforma di compensazioni per il territorio al fine di dare vigore alla prossima campagna elettorale promettendo, come al solito mare e monti.

Votando a favore dell’uscita e la rinuncia alle compensazioni complica non di poco il loro percorso alle elezioni 2019, iniziato già all’indomani del ballottaggio di un anno e mezzo fa, perché aveva ragione De Gasperi, se lo statista pensa alle future generazioni, opponendosi per esempio all’utilità di una grande opera; il politico di professione pensa già alle prossime elezioni e quindi fa di tutto per annientare l’avversario, ricorrendo spesso alla fantasia oppure cerca di stare all’interno di un tavolo che promuove un’opera sciagurata che neanche attraversa il suo territorio, pur di poter alimentare la futura propaganda elettorale.

Sull’Unione dei Comuni e la mia elezione come componente di minoranza e sulla denuncia di inciuci, hanno ben poco da starnazzare o urlare allo scandalo. Infatti il Consigliere Tizzani ha ottenuto ben 4 voti, contando che il suo gruppo è composto da 3 membri e che la consigliera Zurzolo, anche lei candidata, ha ottenuto un voto (presumibilmente il suo) e vedendo difficile un voto della Beccaria a Tizzani visto l’astio che scorre tra loro durante i consigli comunali, rimane ovvio che il voto in più l’abbia ricevuto da un membro di maggioranza che poi non è neanche così difficile da individuare visti i rapporti di amore e accordo che ormai da un anno a questa parte intercorrono tra il Consigliere Cappuccio del gruppo di maggioranza “Cambiamo Giaveno” e il gruppo “Per Giaveno”.

Dovremmo quindi gridare all’inciucio? Probabilmente sì, ma ai giavenesi sappiamo che queste sterili polemiche non interessano, quindi possiamo solo ribadire a questi politicanti che se gli diamo fastidio, perché così è, si devono mettere il cuore in pace perché non demorderemo anzi….e i bruciori di stomaco se li facciano passare con lo stesso medicinale antiacido che noi del M5S prendemmo dopo le europee del 2014, con noi ha funzionato.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.