GIAVENO PREMIA GLI STUDENTI E “I BUONI CITTADINI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
di CARLO GIACONE (Sindaco di Giaveno)
GIAVENO – Alcuni mesi fa il CONISA ha lanciato un progetto rivolto ad alcune scuole della Valsusa e della Val Sangone per fare in modo che gli alunni di diverse classi delle scuole medie si esprimessero, attraverso degli scritti, su dei “Buoni Cittadini”.
Hanno partecipato al progetto le classi della scuola media della Gonin e da Giaveno sono stati presentati più di 70 elaborati. Una giuria ha poi selezionato i migliori elaborati e ha premiato tre “Buoni Cittadini” e i tre alunni che hanno meglio interpretato il progetto. Il coordinamento dell’iniziativa è stato seguito dal CONISA insieme a degli esponenti del giornalismo locale ed esperti del settore.
Sono molto contento di aver partecipato alla cerimonia di premiazione al cortile della Gonin insieme ad altri colleghi Sindaci, all’Assessore Cataldo, la Dirigente dell’Istituto Comprensivo Gonin Sandra Teagno e ai tanti esponenti del CONISA e del comitato tecnico.
Ringrazio tutti quanti ma soprattutto ringrazio gli alunni e le alunne delle classi che sono state coinvolte. Hanno fatto tutti quanti un ottimo lavoro e son certo che ognuno dei loro “eroi” raccontati negli elaborati meritasse l’appellativo di “Buon Cittadino”.
I premiati sono stati:
1° classificato: Lorenzo Ermetici, che ha nominato Nestor Kouadio.
2° classificato: Letizia Giustat, che ha scelto Giuseppe Gioana.
3° classificato: Emma Tolomelli, che ha nominato Paola Allais.
Bravi tutte e tutti, questo progetto ci aiuta a dedicare maggior tempo per pensare e raccontare le tante piccole buone azioni che esistono nelle nostre comunità. Bisogna prenderle come esempio non solo dalle giovani generazioni, ma anche da tutti noi adulti.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.