GIAVENO, PRIMA UNIONE CIVILE: AUGURI A SILVIA E CONCETTA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA MUSACCHIO

GIAVENO – L’amore non ha forme. L’amore è libero e potente. L’amore è per tutti e di tutti, e ripeterlo non è mai scontato. Lo scorso 4 giugno Silvia Comis e Concetta Avellino Fiorino si sono giurate amore eterno nel Comune di Giaveno, davanti agli occhi commossi dell’assessore Anna Cataldo e degli ospiti presenti alla cerimonia. Una data storica per il Comune della Val Sangone, che celebra per la prima volta un’unione civile sul suo territorio. Una data storica per Silvia e Concetta, che hanno potuto consolidare il loro amore vero.

Per la comunità di Giaveno rappresenta senza dubbio un momento di crescita – afferma l’assessore Anna Cataldo, che ha celebrato il rito – Durante la celebrazione ho fatto riferimento agli articoli 2 e 3 della nostra Costituzione, ma poi non ho potuto che parlare del diritto di poter amare. Un diritto concesso a tutti, senza restrizioni. Ho vissuto, abbiamo vissuto, tante emozioni. Nel finire della cerimonia, ho voluto dedicare alla giovane coppia le parole del libro Un ponte sull’eternità, di Richard Bach. E’ stato un momento molto commovente. Mi sono sentita testimone di un evento importante“.

Parole e pensieri anche del sindaco di Giaveno, Carlo Giacone: “Il 4 giugno si è svolta la prima unione civile della nostra comunità. Un momento di crescita nel rispetto dei diritti di tutti i cittadini e di tutte le coppie che si amano. Auguri a Silvia e a Concetta da parte di tutta l’amministrazione comunale“. E dell’assessore Luca Versino: “Un momento sicuramente importante e di crescita, un passo avanti, nel nostro piccolo, per i diritti non solo della comunità LGBTQ+, ma di tutte le coppie che si amano“.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

    • Ormai in questa povera Italia, la famiglia normale e le coppie normali non sono piu considerate!! Tra un po i gay e lesbiche otterranno più diritti e tutele delle coppie normali.
      Basta guardare l’esempio del Grande Fratello, il grande Signorini che si spacciava per il moralista e giudice di tutti, però se gli facevi una piccola critica, “apriti cielo”….
      Viva la coppia normale, cioè: uomo e donna….W

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.