GIAVENO, SCONTRO IN COMUNE SU TASSE E RIFIUTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di LUCA CALCAGNO

GIAVENO – Accenno di scontro sulle commissioni, quella Bilancio partecipato e quella Rifiuti Zero, nell’ultimo Consiglio comunale di venerdì 29 aprile. Motivo i punti inerenti alle aliquote I.M.U., Irpef e quello in merito alla Tari.
Come rilevato dall’Assessore al Bilancio Vladimiro Colombo rispetto al gettito dell’anno scorso prodotto dalla tassa sui rifiuti,quello del 2016 è inferiore per circa 20 mila Euro per il 2016. Un risparmio pro capite per i circa 10 mila contribuenti “che non c’è in bolletta”, come ha commentato la Consigliere Daniela Ruffino (Per Giaveno).

“Dopo quasi due anni mi sembra che il piano di una razionalizzazione della raccolta dei rifiuti sia fallito e con esso il lavoro della Commissione Rifiuti Zero” commenta il Consigliere Stefano Tizzani (Per Giaveno). Cui risponde il Sindaco Carlo Giacone ponendo l’accento su come “in tempi di crisi è già positivo che non ci sia stato un aumento”.

Altra critica, sempre di Tizzani, in merito alla questione I.M.U. A fronte delle aliquote invariate rispetto all’anno scorso, Colombo mette in luce la possibilità dettata dalla Legge di Stabilità di dare con una tassa dimezzata del 50% un secondo immobile in comodato d’uso a un figlio. Un dato positivo, fa notare Tizzani, “ma che arriva dal Governo e non dalla Commissione Bilancio Partecipato. Che a quanto mi dicono è poco partecipata, se non da cittadini già politicizzati”.
Da parte sua la Commissione aveva svolto un lavoro lo scorso anno che aveva portato sull’addizionale comunale all’Irpef a “una piccola riduzione – riconosce la Consigliere Vilma Beccaria (Pd, Sinistra per Giaveno e Medici per l’Ospedale di Giaveno) – ma comunque un primo passo”.

I tre punti, l’approvazione delle tariffe Tari e la conferma delle aliquote I.M.U. e Addizionale Irpef passano senza problemi le votazioni, con una maggioranza compatta e una minoranza oscillante nei numeri: Per Giaveno contrario in tutti e tre i casi. Mentre voto contrario di Federico Giovale Alet (M5S) sul punto Tari: “Riteniamo non corretto un sistema di calcolo basato sulla superficie” e di Beccaria: “Con la Commissione Rifiuti Zero occorre lavorare per abbattere i costi”. Sugli altri due punti Alet si astiene sul punto I.M.U., mentre Beccaria favorevole. Entro pro sul punto Irpef.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.