GIRO D’ITALIA, ARU SI ALLENA A SESTRIERE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn


SESTRIERE – A meno di due settimane dal via del Giro d’Italia 2015, Fabio Aru, terzo classificato nell’edizione 2014, prepara l’assalto alla maglia rosa sulle strade delle montagne olimpiche piemontesi.  La punta di diamante dell’Astana al Giro d’Italia ha raggiunto Sestriere  venerdì 24 aprile dove resterà sino al 4 maggio. A breve sarà raggiunto dai compagni di squadra Paolo Tiralongo, Dario Cataldo e Diego Rosa. 

Gli scalatori dell’Astana si alleneranno sulle strade delle montagne olimpiche piemontesi ospiti di Sestriere, traguardo della 20° tappa del giro la Saint Vincent-Colle delle Finestre-Sestriere in programma il 30 maggio. Aru e compagni avranno modo di allenarsi sulle ripide salite a cavallo tra Italia e Francia rese epiche da memorabili tappe di Giro d’Italia e Tour de France.

Potranno inoltre studiare quella che sarà la tappa decisiva del Giro d’Italia 2015, eccezion fatta perl’ultimo tratto del Colle delle Finestre ancora “seppellito” sotto 2 metri di neve. Pedaleranno sulle strade che dal Colle del Sestriere, portano in Val Chisone, in Val Susa ed anche oltreconfine in Francia.

L’obiettivo è di prepararsi al meglio in vista del Giro d’Italia che scatterà sabato 9 maggio con la cronometro a squadre San Lorenzo al Mare-Sanremo. Oltre a pedalare sulle strade delle montagne olimpiche piemontesi avranno a disposizione, grazie alla disponibilità dei gestori, la palestra annessa al Palazzetto dello Sport di Sestriere per sedute di allenamento specifiche lavorando sempre a 2.000 metri d’altitudine.    

“Sono venuto ad allenarmi per la prima volta a Sestriere lo scorso anno – ha dichiarato Fabio Aru appena giunto al Colle –prima del Giro d’Italia. Poi sono tornato un mese a luglio ed ancora una decina di giorni ad agosto, in preparazione per la Vuelta di Spagna. Devo dire che è un luogo perfetto per allenarsi con le salite impegnative di Giro e Tour che sono a due passi da Sestriere. Mi riferisco all’Isoard, al Galibier, al Monginevro, al Colle delle Finestre, al Colle della Scala e a quello del Moncenisio e del Sestriere. Fare base a Sestriere, oltre ad essere logisticamente un comodo punto di partenza, rappresenta anche un valore aggiunto per la preparazione in quanto si soggiorna a 2.000 metri d’altitudine, una condizione atmosferica che stimola l’organismo. Ringrazio gli amici di Sestriere per l’ospitalità. L’obiettivo è di ricambiare la loro fiducia con un grande Giro d’Italia!”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.