GLI OSPEDALI DI SUSA E BRIANÇON LAVORERANNO IN RETE CON LA TELEMEDICINA: IN ARRIVO FONDI EUROPEI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALL’UFFICIO STAMPA DELL’ASL

SUSA / BRIANÇON – Tele-dermatologia, Tele-cardiologia, Tele-radiologia e percorso diagnostico-terapeutico integrato nel paziente cardiologico: ecco le azioni approvate che saranno, a breve, implementate e operative grazie al progetto ProSantè. Questo quanto deciso durante la Cabina di Regia tenutasi il 17 gennaio a Briancon, con l’avvallo dei due direttori, Flavio Boraso (ASL TO3) e Le Bras (CHB), finalizzato a procedere verso una sanità europea.

Sono queste le direttrici operative su cui si continuerà a lavorare in modo non solo multidisciplinare, ma anche tra le proprie esperienze professionali sul versante italiano e francese. Le altre linee strategiche tracciate nel corso dell’incontro a Briançon riguardano la gestione del paziente: diabetico o con problemi di tiroide, con scompenso cardiaco e per la chirurgia, una forte e stretta sinergia nelle attività di Ortopedia, Urologia e/o Anestesiologia/Rianimazione.

Tali attività vedranno nei prossimi mesi un forte investimento, grazie proprio al finanziamento dedicato dall’Unione Europea, per favorire lo scambio tra i 2 Paesi, sul versante del personale sanitario, delle tecnologie che saranno implementate ed adottate (telemedicina, attrezzature sanitarie, rete, ecc.) e di offerta sui territori di confine.Ma oltre a queste azioni sul fronte sanitario è stato progettato e, a breve, sarà operativo, anche  il nuovo sito internet “Transfrontaliero” (www.prosante.eu), che oltre a essere fruibile nelle tre lingue (Italiano, Francese, Inglese) avrà la finalità di informare ed aggiornare tutti i cittadini interessati dello stato di avanzamento dei lavori. Inoltre sarà disponibile il servizio “FAQ” quale contatto interattivo con gli utenti, una Newsletter per tenere costantemente informati gli utilizzatori e una specifica piattaforma denominata “Cittadini” con tutte le informazioni specifiche sul progetto transfrontaliero, sulla rete, le News, i relativi contatti nonché la presenza di una vasta foto-gallery di tutto quello che riguarda il progetto “Prosantè”.

La Cabina di regia si è poi “arricchita” di un documento di analisi, effettuato dal Mot (Mission Opérationnelle Transfrontalière), in collaborazione con l’Asl TO3, fruibile sul suddetto sito, relativo al territorio transfrontaliero, ai relativi profili socio-demografici, comparati a scale differenti, all’accessibilità e mobilità, alle dinamiche economiche e turistiche nonché all’analisi dell’offerta di cure e di attrezzature sanitarie nel territorio dell’ASL TO3 e del Briançonnais. Con l’occasione si è provveduto ad effettuare un collegamento in teleconferenza con la MOT per definire meglio le linee di integrazione transfrontaliera per i territori oggetto di studio. Questo anche alla luce degli stretti contatti che il MOT ha con le Ambasciate e con altri progetti internazionali in corso, come ad esempio quello tra l’Ospedale di Mentone, l’ASL Imperiese e il Principato di Monaco.

 “Stiamo procedendo con grande determinazione e spirito di integrazione europea – ha sottolineato Flavio Boraso – dopo una prima fase conoscitiva tra l’area italiana e quella francese sia in termini di offerta sanitaria, sia di condivisione delle pratiche sanitarie ed amministrative, siamo pronti a partire con azioni concrete sul territorio italo-francese, attraverso appunto una reale sinergia delle migliori professionalità che i due ospedali, Susa e Briançon, possono mettere in campo per qualificare ulteriormente un territorio di frontiera che, dai suoi limiti di “confine”, saprà invece sviluppare una sanità europea innovativa. Per questo un grazie va non solo ai colleghi francesi, che hanno creduto insieme a noi a questo importante progetto, ma anche a tutti gli operatori della Valle di Susa che in questi mesi sono stati i veri protagonisti nel realizzare un nuovo modello assistenziale integrato”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.