GRAVE INCIDENTE AUTO – MOTO IN VAL SUSA: GRAVE MOTOCICLISTA, PORTATO AL CTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  

Grave incidente poco fa in bassa Val Susa, con uno scontro tra auto e moto, all’altezza del rettilineo di San Valeriano, tra Borgone e Condove. Le dinamiche dell’impatto sono ancora da accertare, sul posto ci sono i carabinieri con i vigili del fuoco. Lo scontro è stato violentissimo: ad avere la peggio è il motociclista, un uomo di circa 40 anni, che è stato portato via con l’elisoccorso al Cto di Torino. È in gravi condizioni, un codice rosso con parecchie ferite e trauma cranico. Dopo l’incidente ci sarebbe stato anche un diverbio tra il guidatore dell’auto, un anziano, e gli amici motociclisti della vittima dell’incidente. La moto avrebbe tamponato la macchina, mentre questa stava probabilmente svoltando a sinistra. Una prima moto l’avrebbe schivato, mentre il secondo, con a bordo il 40enne ferito, l’ha preso in pieno. 

  

  

  

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

15 COMMENTI

  1. Scusate perché non precisate che in quella strada l auto non avrebbe potuto svoltare a sinistra??quel signore stava per imboccare una stradina in contromano!!!siate precisi nei vostri articoli. Grazie

    • Se il signor Dado ha ragione (non mi è chiaro dove è avvenuto di preciso l’incidente),la colpa va a entrambi.
      Una parte all’autista perché come dice Dado, non avrebbe potuto svoltare a sinistra.
      Ma non dimentichiamo che i motociclisti, se andavano alla velocità di codice, incolonnati (la linea di mezzeria è continua!!!!) l’incidente non avrebbe luogo. Ma si sa, i motociclisti quando sono in Valle di Susa sorpassano alla velocità ben superiore, indipendentemente dal tipo di linea di mezzeria. Quindi…al ferito auguro una buona guarigione ma anche prenotare un corso di guida 🙂

      • Io eviterei di fare del sarcasmo in questo momento e credo che invece del corso di guida qualcuno dovrebbe fare quello di educazione…ci sono i parenti del motociclista che leggono e sinceramente certe frasi in certi momenti andrebbero evitate…grazie

  2. I motociclisti (non tutti ma Buona parte) sono delle teste di cazzo……ci tengo a precisare che io appartengo alla schiera delle teste di cazzo perché ogni tanto esagero… se facessi un incidente non rispettando il codice della strada sarebbe giusto che i miei parenti sapessero che io sono una testa di cazzo punto e basta! E nessuno dovrebbe piangere ne tantomeno compatirmi.. Dada ha oggettivamente ragione… e fa bene a fare del sarcasmo… è inutile dire che certe persone non sanno guidare (anche se è vero) se poi sulla statale torino bardonecchia si va come i pazzi a toccare il ginocchio… e sappiamo benissimo tutti che è così.. motociclisti………… amici del ragazzo che si è fatto male.. tutti! dada compreso siamo dispiaciuti del fatto che una persona si sia fatta male!!!… ma non bisogna difendere cause perse.. se si rispettasse il codice della strada non ci si farebbe così male… e non bisogna giustificare una persona incosciente.. tantomeno davanti agli occhi dei parenti! Troppi caduti sulle strade stanno diventando eroi.. perché, dicono i giornali: “le auto non badano alle moto”… no! I motociclisti devono badare a loro stessi! E chi va a 300 all ora per strada col ginocchio che gratta non lo fa… e non è un eroe.. solo un incosciente…

    • È butto leggere commenti da persone che non conoscono questo ragazzo, sempre prudente e con una grande passione per la moto. Piuttosto che condannare , giudicare, sentenziare, pensate che si è fatto male e uniamoci tutti con i parenti nella speranza che si riprenda presto e possa tornare a cavalcare la sua passione. È un ragazzo d’oro, prudente e amante delle moto, per chi lo conosce ogni parola in più è superflua. Forza Corrado i tuoi amici sono tutti con te, ti vogliamo presto in piedi!!

      • Bravo Ermes, belle parole…
        Evitiamo commenti in questo momento inutili…
        Forza Corrado, non ti conosco, ma sono con te e la tua famiglia

        • Bcs150 che tu sia una testa di cazzo non lo metto in dubbio….sai una sega te come è questo ragazzo….non giudichiamo senza sapere per favore…si parla solo di motociclisti qui quando c’è gente molto più pericolosa al volante che mette a repentaglio la vita della gente….non ho parole….solo un gran dispiacere per quel ragazzo che è in coma un caro abbraccio

  3. Chi è senza peccato scagli la prima pietra! Vorrei tanto sapere chi non h mai superato il limite di velocità, fatto un sorpasso con la continua e altre cvolate! L’incidente c’è stato ed è uno, la velocità c’era e non lo metto in dubbio… Il tipo ha cercato di girare a sinistra e non lo i mette in dubbio! Vorrei solo ricordare al tipo che si stava lamntando che nel codice della strada la striscia continua non vieta il sorpasso se non oltrepassata… Se il tipo in auto era esposto sulla destra e magari andava ai 50( e non dittemi che non ne avete mai beccato uno) io prendo e lo sorpasso e così hanno fatto loro! Se poi lui ha gorato era tardi… Avrebbe dovuto rendersi conto non appena ha sentito le moto e rintrare di colpo e non proseguire! Ps: un consiglio a tutti i fratelli: mai superare prima degli incroci… Non si sa mai cosa vuole fare l’automobilista… E voi automobilisti guardate sti cavolo di specchi mettendo le frecce…. Non vi costa nulla

  4. Solo in Italia esistono gente che giustificano comportamenti scorretti e incivili.
    Non m’interessa se il ferito è una persona stimatissima o meno, ha torto e basta. Punto. Ogni altri ragionamenti/giustificazioni lasciamo alle chiacchiere da bar.
    Io non conosco le dinamiche dell’incidente, il codice dice che non si sorpassa quando c’è una linea continua. (in condizione normale, cioè senza che la vettura sia a molto a destra…Poi che la vettura stava per svoltare a sinistra si può supporre che la vettura si trova più alla linea di mezzeria che quella del delineamento a destra) quindi o siete analfabeti o sapete che avete torto a difenderlo.
    Per carità, anche io non rispetto il codice, ma quando faccio così io sono perfettamente cosciente di aver torto in ogni caso se succedesse qualcosa. Sia in mezzo un incidente sia qualsiasi altra cosa, mi assumerò ogni responsabilità, indipendentemente se l’attribuzione della colpa è mia al 100% o al 0%. Indipendentemente dal tipo di mezzo.
    Se il ferito fosse mio fratello o mia moglie, o una persona sconosciuta, non mi cambia.
    Responsabile al responsabile.
    Non vi è chiaro questa cosa?

  5. Conosco bene la dinamica dell’incidente mi dispiace moltissimo per quel ragazzo posso confermare che è in coma farmacologico al C.T.O. di Torino . Gli auguro una pronta guarigione ed un recupero totale .

  6. qui in fondo vedo scritto : cosa ne pensi ? penso che se non si entra nelle situazioni si possono solo fare illazioni e vomitare sentenze non ha davvero senso. Giusto o sbagliato che sia il proprio sentire, ci vuole leggerezza ed attenzione verso gli altri. Ci sono sedi opportune dove è importante testimoniare ciò che si è visto. Il resto, pur in buona fede, sono ferite inferte gratuitamente a chi sta già soffrendo. Ho perso il mio unico figlio così, sulla strada, ad opera di due pazzi furiosi che sono tra voi motociclisti e che con la coscienza insaguinata corrono ancora veloci sulle strade della Valsusa. Nello zaino portano tutte le menzogne che hanno avuto il coraggio di sparare, nella mente terranno per sempre gli occhi di Luca, sbarrati dietro a quel casco. Prima o poi l’esistenza chiederà loro di pagare il conto. Ogni giorno che passa, per loro, il debito aumenta e si accumula un carico interiore che non permetterà mai più di vivere liberamente, senza rimorsi. Solo un rigurgito di onestà e di verità potrebbe liberarli. Ma tacciono ed il tarlo lavora dentro di loro. Funziona così.Ci vuole pazienza. Mi fa male leggere i commenti che sono apparsi. Non si può entrare nel dolore degli altri senza avere il minimo sentore di cosa sia la lacerazione che c’è nel cuore di un genitore, di una moglie, di un parente che è in certe situazioni. Io sono una madre che vive nelle strade dell’inferno tutti i giorni per ciò che è stato e per ciò che provo. Per questo comprendo delle cose che l’esperienza mi ha insegnato e che, forse, guardando superficialmente alle situazioni, non è possibile immaginare.

  7. Grazie per i commenti pacati e per la testimonianza della mamma, sarebbe bello che tutti ci facessimo un serio esame ed evitassimo parole sopra le righe; follie sulla strada se ne vedono sia in auto che in moto e certo questi ultimi esagerano davvero nella valle, solo ieri a Serre la Voude ho rischiato un frontale con due motociclisti in piega al limite (bisognerebbe ricordargli che non è una pista), quindi aldilà delle parole grosse mi domando dove siano i controlli delle forze di polizia che ogni anno dicono che verranno intensificati.

  8. ieri sul rettilineo di Caprie verso l’una e mezza mi ha passato uno che andava come un treno (200Km/h?) e ho pensato che in caso di un uccello che traversava la strada non sarebbe stato buono nemmeno come donatore di organi.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.