GREEN PASS E CRISI ECONOMICA: IN VALSUSA L’INCONTRO CON PARAGONE E I SINDACI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SALBERTRAND – Sabato 26 febbraio, alle ore 9.30, si terrà in località Deveys l’incontro “Valsusa, avamposto delle libertà” promosso dal partito Italexit di Paragone, a cui parteciperanno i sindaci di Salbertrand e Mattie (Pourpour e Pittau) oltre a Franco Trivero, responsabile provinciale del partito. Qui sotto pubblichiamo il comunicato dei promotori dell’iniziativa.

COMUNICATO STAMPA DI “ITALEXIT CON PARAGONE”

“Una classe governativa completamente alienata dal Paese reale e succube dei diktat dell’Unione Europea e delle multinazionali sta usando il pretesto del Green Pass per creare enormi fratture economiche, sociali e psicologiche: licenziamenti, sospensioni e soprusi verso quei lavoratori che non hanno ceduto al ricatto, ma anche una silenziosa condanna nei confronti dei giovani costretti ad una vita di precarietà ed instabilità.
Draghi pensava di trovare il pieno supporto degli amministratori locali in queste prove generali di «epoca del controllo permanente»? Si sbagliava. Ogni giorno decine di sindaci e consiglieri comunali capiscono che non è più tempo di restare indifferenti e, tra mille difficoltà, si scagliano contro queste derive liberticide.
Il conto dopo 30 anni di tagli alla scuola, alla sanità, ai servizi, ai diritti sociali rischiano di pagarlo i deboli e gli indifesi: noi non intendiamo permetterlo, noi non intendiamo essere complici silenziosi. E’ il momento di organizzarsi, incontrarsi e ritrovare la fiducia intorno a quei principi e a quelle libertà fondamentali che hanno reso grande questo Paese: ripartire dalla centralità del lavoro, restituire la dignità agli ultimi, ricostruire quel legame indissolubile con le nostre radici e con i nostri territori d’appartenenza.
Con orgoglio, vogliamo ricordare ad una società sempre più isolata ed anestetizzata che non tutti hanno già deciso di arrendersi”.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

17 COMMENTI

  1. Le altre elezioni sono state l’auge dei grillini che dicevano di voler aprire il Palazzo come una scatola di tonno.
    Poi abbiamo constatato che vogliono semplicemente sguazzare nell’olio come tonni, nonostante la loro totale incapacità
    (e i contratti sui vaccini rimangono segreti): 5 anni buttati.

    • La correggo:la scatoletta l’hanno aperta e ci hanno trovato il tonno,non quello dell’Eurospin,ma marca Consorzio.E quindi si sono fiondati a pappardelle.Poi ci hanno preso gusto…

      • I grillini si sono adeguati e adagiati come i nipotini di Mubarak, i nipotini del fu e meno male duce, dei nipotini di Stalin, dei nipotini di Mao, dei nipotini Roma ladrona e di tutti i nipotini che succhiano il sangue agli italiani. Questo paese non cambierà mai.

      • In effetti Di Maio docet, non confondiamo però Paragone coi grillini perché questo è uno dei tanti trasformisti della politica; prima leghista poi 5 stelle e adesso si è fatto il suo partito. Chissà com’è che mi ricorda tanto un Matteo di Firenze.

  2. Forse il greenpass un po’ di utilità l’ha anche avuta, ma se nessuno ce l’ha invasivo come in italia.
    Ma certamente l’euro è la pietra tombale per l’economia del popolo italiano.

  3. Ognuno è libero di decidere cosa fare della propria vita ma a quel che ne so la maggioranza della popolazione non organizza incontri per dire: sono vaccinato e mi va bene il green pass! Quindi perché solo i contrari desiderano a tutti i costi protestare e far sentire la propria voce? Possono stare sulle loro posizioni senza disturbare la pace altrui.

    • Libero dove???
      Senza Green Pass non è possibile far nulla, nemmeno lavorare per certe categorie… allora sig. Vaccinato dov’è la libertà di cui tanto parla?
      Non tutti vogliono comprare la libertà o la pace col vaccino.

    • forse perchè vengono demonizzati? forse perchè l? Art. 32. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario….. così solo per dire;

  4. Gent.mo dott Paragone, io che la stimo moltissimo, vorrei, senza essere fraintesa da nessuno, suggerirle di non caricarsi, i pesi morti della politica che spero affondi al più presto
    Faccia un attenta analisi di chi si porta dietro, perché è importante per tutti noi
    Auguri di tutto cuore sperando che lei possa fare una puntata in Alta valle

  5. Lockdown punitivi, certificati vaccinali usati come “obbligo vaccinale” e discriminante per poter lavorare, assegni famigliari e detrazioni resi faragginosi, bonus “renzi”, cancellato, aumenti combustibili e carburanti a livelli insostenibili. Tutti segni d’incapacità gestionale (per essere buonisti e non dire parolacce) con presa in giro dei cittadini. Fregature ricoperte di green.

  6. Cari sindaci, invece di pensare alle cagate come il green pass, datevi da fare per i due referendum bocciati. Queste sono cose importanti.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.