I NO TAV: “SFIDIAMO SALVINI NEI LAVORI DI ALLARGAMENTO DEL CANTIERE DI CHIOMONTE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DEL MOVIMENTO NO TAV

La votazione in Senato sulle diverse mozioni Tav presentate quest’oggi si è conclusa da poco. Quelle dei 5 stelle, contrarie all’opera, sono state bocciate. Approvate, invece, quelle a favore del partito del tondino e del cemento, che ha ricevuto un quanto mai scontato appoggio bipartisan.

Di questa sceneggiata ne avremo fatto volentieri a meno, lo abbiamo dichiarato giorni fa, poiché l’esito era scontato e non ci interessa francamente spenderci troppo parole. Giochi di palazzo e poltrone, equilibrismi e fanatismi li lasciamo volentieri ad altri. La storia, lo sappiamo, relegherà ognuno al posto che merita.

Questo teatrino costruito sulla nostra pelle si svolge mentre decine di fogli di via vengono notificati ancora in questi minuti da carabinieri e polizia a tanti della valle che quotidianamente si spendono nelle iniziative di contrasto all’opera devastatrice.

Continuiamo da noi. Da un cantiere di fatto fermo da oltre 400 giorni grazie alla nostra opera costante di presidio ed iniziativa, da dei lavori di allargamento che sfidiamo Salvini a far partire, così da poter toccare con mano cosa significa cantierizzare un territorio ostile.

La nostra storia, sui sentieri e nelle piazze, nei presidi e nelle assemblea, nei mercati e tra la gente la scriviamo noi.

Ci vediamo nella valle che Resiste!

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

15 COMMENTI

  1. “Da un cantiere di fatto fermo da oltre 400 giorni grazie alla nostra opera costante di presidio ed iniziativa,…”
    Direi più che altro “cantiere fermo per fine lavori appaltati”. Ora cominciano i lavori di una seconda gara d’appalto ossia nicchie di sicurezza in galleria…La vostra “iniziativa” si traduce in raccontare un sacco di palle ai Valligiani che in quest’opera ci credono e vi assicuro che sono tanti!

  2. IL MINISTRO SALVINI che bacia il rosario e i fogli di via scritti inviati, non vedo scritto nulla a riguardo la Madonna che chiude le porte alle persone nella Bibbia…sicuro fosse un rosario perche’ ne Gesu’ ne la madonna ne Dio hanno mai chiuso le porte.

    • nella Bibbia il signore Iddio ha mandato piaghe, distrutto città, ucciso primogeniti, mandato il diluvio… massacri, eccidi, stermini… però non ha chiuso le porte, vero, bravo

  3. “Da un cantiere di fatto fermo da oltre 400 giorni grazie alla nostra opera costante di presidio ed iniziativa,…” — ahahahahahh, è incredibile quante balle siano capaci di partorire pur di convincere qualche stolto che non vive in Valsusa. Il cantiere di Chiomonte è “fermo” perchè lo scavo del tunnel geognostico di 7021m è stato terminato nel Febbraio del 2017 e si attendono i nuovi appalti per allargarlo e iniziare lo scavo del tunnel principale. Nel cantiere di Saint Martin la Porte viceversa si scava dal 2016 a gran ritmo la prima canna del tunnel di base che oramai è già arrivato a 8485m sui 9000m totali. Questi comunicati sono solo il testamento di un movimento in dirittura di arrivo.

  4. Come previsto: tutto si è fatto affinchè nulla cambi, come sempre. L’utopia di un mondo diverso resta utopia. Viaggeranno, forse tra 20 anni… le merci da e per Lione con una mezzoretta in meno, mentre noi per spostarci di 100 km continueremo ad impiegare, in alcune tratte, tre o quattro ore. La lega, nel proprio eliocentrismo politico, ha fatto dell’argomento TAV un esproprio al proprio partner di governo, dove la velocità e i tempi dovrebbero renderci tutti più felici, dimenticando che non si tratta altro che del “manico della cavagna”. Già: i tempi, la premura… però se prenoti una visita la centro del sonno delle Molinette ti rimandano a dicembre 2020… Siamo e saremo sempre nella stessa melma, da buone pecore made in Italy, a belare con le madamine, col campanaccio al collo per farci riconoscere…diretti ovviamente al soccorso del più forte.

  5. Eppure gli italiani hanno votato un uomo che non ha mai bollato la cartolina ne tesi di laurea ne apprendistato…. ne ne ne.
    Alla fine anche lui era un no.
    Poi ha visto che la cadrega conceniva ed è diventato un si. Oggi in tv parlavano di responsabilità delle scelte. Politici state muti. Che di responsabilitá a mandare del culo il paese ne avete tutti. Democrazia non vuol dire mi faccio i cazzi miei. Vuol dire lavoro per la collettivitá. Sarebbe ora che la procura indagasse sui traffici dietro l’opera piuttosto che sulle manifestazioni non violente. Sottolineo non violente perchè ogni insulto o sasso è un regalo alla Ndrangheta. Mai vorró diventare complice di reati verso gli agenti o verso la gente della valle dicendo si tav.

  6. Vorrei rispondere a quel signore molto gentile che in un altro articolo riguardo l’alta velocità ha espresso in modo civile le sue opinioni parlando della Tav dell’impatto ambientale e della sedicenne che parla riguardo questi temi. Non posso negare che con meno tir che girano potrebbe esserci meno inquinamento, ma quella non è la soluzione visto che poi andiamo a mettere mano comunque all’ambiente. E le chiedo è mai passato a San Giorio di Susa per esempio. Ci passi e vedrà che come in altri paesi in Italia riutilizzano la plastica per mettere vasi di fiori, le ruote vecchie delle auto, le biciclette come anche a Bussoleno, se parlasse con i vecchi di un tempo capirebbe che litigavano pure per le foglie degli alberi che cadevano a terra con le quali facevano materassi e cuscini, le spiegherebbero pure i vecchietti italiani, non solo val susini, che una volta i fiumi , i monti ecc. venivano puliti direttamente dai cittadini , poi scoprirebbe pure che è compito di ogni cittadino spazzarsi la neve, non solo del comune, scoprirebbe che partiti a parte anche facendo la Tav non risolviamo il problema delle immondizie a cielo aperto(es. Napoli, Roma ecc. che pure inquinano) perché è un problema di menefreghismo civile, sia italiano sia straniero. Se siamo onesti uno stranierO che vede un adulto italiano buttare la cicca a terra potrà semplicemente pensare che vanno buttate a terra. Consiglio ,Tav a parte di pensare davvero all’ambiente consumando meno e riutilizzando di più e se nel 2018 una ragazzina è SALTATA FUORI x sensibilizzare la gente ben venga, ma prima che tutto diventasse patrimonio del demanio, i vecchi tenevano tutto curato e buttavan via poco, perché i soldi non c’erano e riusavan tutto. Voglio dire che ai vecchi la signorina non serviva perchè già curavano l’ambiente. E se mai avessi pensato di lasciare un a carta a terra i miei genitori avrebbero fatto una predica infinita .Noi venivamo educati dai genitori a pulire con loro l’enorme giardino in comune. Le dico ciò perché il suo pensiero ha un senso ma non salva il mondo se il mondo non vuole salvarsi. E la Tav purtroppo riguardo la tutela ambientale non c’entra un piffero, per l’ambiente si può seguire l’esempio della COSTA RICA che usa fonti rinnovabili e è il primo paese a ” carbon neutral” che definisce una situazione in cui le emissioni rilasciate nell’atmosfera è minore o uguale a zero. La carbon neutrality viene raggiunta tramite riduzioni delle emissioni di CO2 combinate con l’uso estensivo di energie rinnovabili. il 93% DELL’ENERGIA ELETTRICA IN COSTA RICA è prodotta da energie rinnovabili. INOLTRE per il 2015 si stimava un’importazione dell’1% , si immagini , anzi immaginatevi tutti che risparmio economico. QUINDI io sono no TAV non perché non voglio che si facciano delle opere ma perché non sono utili, inoltre la COSTA RICA è partita molti anni fa in questo progetto e pure la TAV ha molti anni e ne passeranno altri, quindi se la signorina GRETA TUMBERG è stata davvero ascoltata, credo che tutti noi abbiamo udito che non c’è più tempo…le pare quindi a lei e ai signori politici che possiamo attendere ancora tutto quel tempo li, mantenendo il problema delle immondizie che bruciano in alcune zone Italiane? O corsi d’acqua non puliti per impegnare i soldi nella TAV?

    • “La carbon neutrality viene raggiunta tramite riduzioni delle emissioni di CO2 combinate con l’uso estensivo di energie rinnovabili” ovvero passare da trasporto merci su camion che vanno a benzina a treni che vanno a corrente elettrica

  7. …ricordo bene il primo passo della TAV (tra l’altro non capisco perchè nessuno affermi definitivamente che il progetto è rivolto al trasporto merci, Treni ad Alta Capacità), siamo attorno al 2000 – 2002, quando al ministero delle infrastrutture c’era il ministro Lunardi. Se non erro vi fu la prima gara per il progetto e l’inizio dei lavori della prima parte, gara vinta da soggetti italiani e “girata” ai francesi, dove già s’era piazzata la moglie del prelodato ministro! Il futuro si svolgerà sulla stessa falsariga, camberanno i personaggi, ma per il resto niente di nuovo sotto il sole. Pecunia non olet… lo dicono le madamine di piazza Castello, rappresentanti delle moderne signorie dei duchi degli affari.

    • “tra l’altro non capisco perchè nessuno affermi definitivamente che il progetto è rivolto al trasporto merci, Treni ad Alta Capacità” — perché è una delle tante stupidaggini ripetute a pappagallo da NoTav e grillini in cerca di consensi. La NLTL sarà una linea a traffico misto viaggiatori e merci percorsa dalle seguenti categorie di treni:
      • Treni viaggiatori alta velocità (V): velocità massima di esercizio 220 km/h sulla tratta Saint-Jean-de-Maurienne – Torino.
      • Treni viaggiatori regionali veloci (VR): velocità massima di esercizio 220 km/h sulla NLTL.
      • Treni viaggiatori della montagna (V TM) che potranno percorrere la NLTL solo in alcuni giorni della settimana e periodi dell’anno per collegare i grandi centri urbani (Parigi, Roma, Venezia e località intermedie con le località sciistiche con fermata a Susa Internazionale e Saint-Jean-de-Maurienne).
      • Treni Viaggiatori Notturni (VN) con velocità massima di esercizio di 160 km/h che percorreranno la Linea Storica
      • Treni Regionali e suburbani (VR): velocità massima di esercizio 160 km/h
      • Treni di Autostrada Ferroviaria a grande sagoma (AF): velocità massima di esercizio 120 km/he massa rimorchiata di 1.600 t.
      • Treni di Autostrada Ferroviaria Modalohr (AFM): velocità massima di esercizio 120km/h e massa rimorchiata di 1.600 t.
      • Treni merci convenzionali (M), velocità massima di esercizio 100 o 120 Km/h

  8. ” Fogli di via notificati a tanti della valle………….” I fogli di via si applicano a gente non desiderate in un dato posto per rimandarli a casa loro ; quindi , a gente che non ha niente a che fare con la valle se non disordine. I fogli di via non sono applicabili ai residenti . Smettetela di raccontare balle !

    • Infatti pareva anche a me, perche’ in negozio a Vicenza era venuta una donna giovane che non era vicentina e era sospetta e mi diassero la stessa cosa…mah!

  9. Ancora una volta Maalox illumina il mondo con le sue contraddizioni:

    “Il cantiere di Chiomonte è “fermo” perché lo scavo del tunnel geognostico di 7021m è stato terminato nel Febbraio del 2017 e si attendono i nuovi appalti per allargarlo e iniziare lo scavo del tunnel principale.”
    Testuale.
    Ci spieghi allora come mai un’opera indifferibile, che ci dovrebbe connettere al mondo rompendo un isolamento fatale per i ridicoli confindustriali piemontesi, che dovrebbe impedirci il ritorno alla preistoria e che dovrebbe essere il miglior strumento per salvare il Pianeta dal surriscaldamento in atto, riesce a stare ferma per due anni e mezzo perché “si attendono nuovi appalti”.
    Attendono!!!
    C’è un motivo per questa attesa?
    C’è un responsabile per la mancata emanazione dei bandi di gara e per gli affidamenti?
    E chi sarebbe costui, un traditore della Patria? C’è un volontà nascosta nel rimandare così a lungo l’avvio dei lavori? Annunciati nel 1990, non sono già rimasti abbastanza fermi senza che nessuno ne sentisse la mancanza?
    Allargarlo!!!
    E perché mai?
    E’ forse stato progettato e costruito troppo stretto?
    E’ stata un’astuta strategia per farcelo pagare il doppio?
    La conoscenza (gnosi) delle viscere dell’Ambin non è stata adeguata al livello superiore che il termine implicherebbe rendendo necessaria un’altra tornata di scavi?
    Lo scavo per oltre sei chilometri su sette in rocce del tutto estranee al percorso dell’agognato tunnel ha per caso penalizzato questo doveroso obiettivo di conoscenza?

  10. Magari i post leggili per intero e non solo parzialmente: la costruzione dell’opera non è mai stata affatto ferma visto che si scava dal 2016 a Saint Martin de la Porte. Ergo la tua filippica è pura spazzatura. Il cantiere di Chiomonte è fermo perché lì era previsto solo lo scavo del tunnel geognistico e null’altro. È l’ultima variante di progetto ad aver resuscitato e trasformato il cantiere di Chiomonte in un nuovo punto di scavo del Tunnel di Base in sostituzione del cantiere di Susa. Pregasi studiare prima di digitare in libertà. Riguardo l’urgenza delle cose, mi risulta che 12 mesi fa si riteneva urgente anche la ricostruzione del ponte di Genova, con illustri politici anche del M5S che sparavano cifre di ricostruzione “urgente” come 5-9 mesi. A distanza di un anno sono stati giusto abbattuti i piloni restati in piedi. Evidentemente il concetto di urgenza quando si parla di opere di questo tipo copre un panorama temporale di anni, a differenza della facile e frivola retorica di contestazione fine a sé stessa.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.