IL COMUNE DI SUSA RIDUCE LA TARI DEL 25%

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI SUSA

SUSA – Martedì prossimo Susa vedrà un Consiglio Comunale particolarmente ricco di argomenti; tra i tanti punti all’ordine del giorno si approverà anche il Bilancio di Previsione 2020-2022, quindi le tariffe e le aliquote del 2020.

Le tariffe rimarranno tutte invariate, senza alcun aumento, mentre ci sarà una forte riduzione pari al 25% della tassa rifiuti 2020 a beneficio delle utenze non domestiche, comprendenti molti esercizi commerciali e artigianali che, per l’emergenza sanitaria, hanno dovuto sospendere/chiudere temporaneamente o ridurre l’attività lavorativa.

Giuliano Pelissero, assessore al Bilancio: “Su indicazione prescrittive di Arera (Agenzia di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) andremo incontro anche alle famiglie in condizione di fragilità ed in possesso dei requisiti per usufruire del bonus sociale con la riduzione della tassa rifiuti pari al 50%.

Tali consistenti sconti si applicheranno sull’intero importo (parte fissa e parte variabile) dovuto nell’anno 2020.

Questa importante manovra di riduzione della tassa sarà possibile attraverso l’approvazione di una modifica ad hoc del Regolamento IUC – Sezione TARI puntuale, introducendo due appositi articoli.

Una manovra significativa e giusta! La riduzione nel suo complesso supera i 70.000 euro. come minor gettitodi cui 60.600,00 euro. per le utenze non domestiche (artigiani, commercianti etc…) e 10.000,00 euro. circa per le utenze domestiche svantaggiate economicamente. Tale minor gettito sarà coperto mediante l’applicazione di una quota dell’avanzo di amministrazione 2019, ai sensi del comma 660 dell’articolo 1 della Legge n. 147/2013. Le richieste per usufruire del beneficio dovranno essere presentate al Comune entro il 31 ottobre.

Tuttavia per alcune categorie di utenze non domestiche quali ad esempio ristoranti, trattorie, pizzerie, pub bar, caffè, pasticcerie, attività artigianali tipo botteghe quale falegname, idraulico, fabbro, elettricista, parrucchiere etc…… non occorre trasmettere nemmeno l’autocertificazione in quanto lo sconto sarà applicato direttamente dall’Ufficio Tributi del Comune. Per altre utenze non domestiche sarà necessaria l’autocertificazione che dichiari il periodo di chiusura dell’attività. Il consiglio è quello di rivolgersi all’Ufficio Tributi, scaricarsi, per chi può, gli atti o seguire la comunicazione istituzionale dell’Amministrazione”.

L’altra importante novità, per tutti i contribuenti, è rappresentata dalla posticipazione dei pagamenti della TARI (acconto entro il 31 marzo 2021 mentre il saldo entro il 30 settembre 2021). Anche tale scelta è volta ad andare il più possibile incontro ai cittadini, sempre compatibilmente con il rispetto della tenuta degli equilibri di bilancio”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.