IL FIGLIO DI VIDAL A BARDONECCHIA, INSIEME AD ALTRI BAMBINI, PER SCONFIGGERE IL DIABETE CON UNA CURA INNOVATIVA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di CORINNE NOCERA

Coinvolge 32 bambini dai 5 agli 8 anni, affetti da diabete di tipo 1, la prima sperimentazione a livello mondiale di pancreas artificiale in eta’ pediatrica, che è già in corso in questi giorni, proprio a Bardonecchia.
11 di questi bimbi provengono da Torino, e necessitano di un trapianto di pancreas per combattere la malattia: tra di loro, anche Alonso, il figlio di 6 anni del calciatore Arturo Vidal. Il piccolo è stato tre giorni insieme agli altri bambini, per poi tornare a casa con la mamma.

Si tratta del progetto “PEDerPAN a Bardonecchia”, coordinato dalla dottoressa Daniela Bruttomesso, dell’azienda ospedaliera di Padova.

Cinque centri di diabetologia pediatrica sparsi in tutta Italia (Milano, Verona, Torino, Roma e Napoli) sono i portavoce di questa importante e delicata sperimentazione, la prima a livello mondiale che coinvolge bambini così piccoli.
Durante il soggiorno di una settimana, i piccoli dovranno sperimentare il pancreas artificiale, un’infusione continua, governata di insulina. “E’ uno studio autofinanziato – spiega la dottoressa Ivana Rabbone, specialista in endocrinologia e diabetologia pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino – e permettera’ l’evoluzione di questa importante ricerca. E’ la prima volta al mondo, che riguarda bambini cosi’ piccoli e può essere una tappa importante della diabetologia pediatrica a livello internazionale”.
Vidal, in un tweet di qualche giorno fa, spiega: “Oggi – scrive – comincia la prima sperimentazione a livello mondiale di pancreas artificiale in eta’ pediatrica. Viene chiamata #PederPan a Bardonecchia, in Italia. Li’ i bambini, incluso nostro figlio, saranno seguiti da medici e ingegneri del Centro Diabete di Torino, Milano, Roma, Napoli. Speriamo che questo esperimento vada bene. Vamos Guerrero”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.