IL GOVERNO: “SI PUÒ FARE LA SPESA FUORI DAL PROPRIO COMUNE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DELL’UNIONE NAZIONALE COMUNI COMUNITÀ ENTI MONTANI

ROMA – Domanda: È possibile fare la spesa in un Comune diverso da quello in cui si abita? Risposta: È possibile spostarsi in ambito regionale per situazioni di necessità, come, ad esempio, fare la spesa, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro. Di norma la spesa deve farsi in esercizi ragionevolmente prossimi alla propria abitazione, pur non essendo più previsto il territorio comunale quale limite territoriale degli spostamenti; un maggior allontanamento è consentito solo in presenza di specifiche ragioni che lo rendano necessario.

Questa la nuova FAQ sul sito del Governo che risponde a una sollecitazione di Uncem e di molti Amministratori di Comuni montani. L’aveva sottoposta, nei giorni scorsi, Uncem al Viminale. Oggi arriva on line la risposta, insieme con un’altra FAQ che Uncem aveva stimolato, relativa alla manutenzione dei sentieri. Il decreto del 26 aprile ha espressamente autorizzato le attività con il codice 81.30, relativo alla cura e manutenzione del paesaggio. Sono dunque autorizzate la cura e manutenzione di parchi e giardini pubblici e privati e del paesaggio agrario e rurale.

Questa risposta, per la manutenzione dei sentieri da parte di associazioni e terzo settore, si deve incrociare con un’altra FAQ. Eccola: “Non sono iscritto al registro delle imprese. Posso continuare a svolgere la mia attività produttiva?” Risposta: “Dipende dal codice Ateco di appartenenza dell’attività effettivamente svolta. Infatti, occorre sempre fare riferimento ai codici Ateco espressamente autorizzati dall’allegato 3 del Dpcm 26 aprile 2020 e dalle eventuali successive modifiche apportate con decreto ministeriale”.

Due nodi sciolti, a a seguito delle richieste Uncem e dei territori. FAQ che permettono ai sindaci di dare delle risposte ai cittadini.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

9 COMMENTI

  1. Come ala solito. Non chiarisce un cacazzo di niente , lasciando alle “forze dell’ordine ” la possibilità interpretativa; e di dare arbitrarie multe .

  2. Praticamente : Si può circolare all’intero della regione; ma se vai a fare la spesa in un’altro comune ti danno la lta. Mer*e !

  3. Ah! Praticamente: Si può circolare all’interno della regione; ma, se vai a fare la spesa in un’altro comune , ti danno la multa .MER*E !

  4. Speriamo che i punti fedeltà non siano una “situazione di necessità” tale da giustificare il sospirato (spasmodicamente) via libera ai centri commerciali.

    • Bisogna continuare a farsi derubare nel proprio comune ? Mai sentito di raddoppi di prezzi , in questo periodo ? Ho, a disposizione , scontrini “ante , e “ora ” per fare paragoni . La pensione è sempre la stessa. Non me la dà; nè conte, nè Cirio , la differenza.

      • Vero, ma ringrazia che la pensione ce l’hai sempre uguale, perchè i lavoratori attivi (che pagano le pensioni) sono più precari che mai e con stipendi erosi dalla mancanza di lavoro.

  5. Ma, per una volta tanto, mettetevi d accordo, cari politici Fantozziani, avete la peculiarità di confondere soltanto le idee alla gente

  6. La pensione mi viene data, perchè ho pagato 45 anni di contributi. Soldi che sono stati usati per pagare le babi pensioni . Non parliamo di adesso; che li usano ,per redditi di cittadinanza , e ” risorse ” in hotel . Oltre tutto : non capisco, perchè non si possano ( come dicevano ) mandare nei campi , i percettori del ” reddito ” ,invece di dare la cittadinaza a 600 000 fancazzisti, invece di rimandarli a casa loro, dove non ci sono guerre .

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.