IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI CHIOMONTE: LABORATORI A PORTE APERTE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

RICEVIAMO DAL TEAM UNIVERSITARIO DEL “PROGETTO BIODIVERSITÀ”

CHIOMONTE – Il Museo Archeologico di Chiomonte (Val di Susa, Piemonte) ha aperto oggi le porte ai cittadini per scoprire insieme fauna, flora e ambiente locali in occasione del “BioBlitz”.
I ricercatori dell’Università di Torino, guidati dalla prof. Simona Bonelli, che stanno conducendo studi sulla biodiversità locale, hanno accompagnato appassionati grandi e piccini in un’esperienza di educazione naturalistica e scientifica, alla scoperta di piante, farfalle e pipistrelli.
L’attività di studio sulla biodiversità dell’Università di Torino ha il quartier generale proprio presso il Museo Archeologico di Chiomonte e qui gli studiosi hanno accolto i visitatori nei loro laboratori, coinvolgendo i cittadini attivamente nelle loro ricerche.

Nella mattinata, un’escursione nelle aree limitrofe al Museo Archeologico ha consentito ai partecipanti di sperimentare attività e attrezzature utilizzate e di individuare direttamente alcune specie oggetto di studio.
Nel pomeriggio, al Biodiversity Lab presso il museo si sono svolti laboratori didattici che hanno coinvolto i partecipanti per approfondire i temi accennati in campo.

Il progetto Biodiversità dell’Università riguarda la salvaguardia delle moltissime specie animali e vegetali che vivono sul territorio della Val Clarea.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Ormai al museo Archeologico , purtroppo, sono rimaste solo piu le biodiversita’ ,( e, secondo ma ancora per poco , poi spariranno anche quelle come la parte archeologica) poichè tutta la zona archeologica è stata distrutta dalle ruspe, così finirà anche la “parpaiola”

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.