IL PARCO DEI LAGHI DI AVIGLIANA COMPIE 40 ANNI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’ENTE DI GESTIONE DEI PARCHI DELLE ALPI COZIE

AVIGLIANA – Il Parco Naturale dei Laghi di Avigliana compie 40 anni. Un parco piccolo piccolo sull’anfiteatro morenico di Rivoli, alle porte di Torino, in un territorio fortemente antropizzato. Il Parco Naturale dei Laghi di Avigliana è stato istituito con Legge Regionale n. 46 del 16/05/1980, ha un’estensione di poco meno di 410 ha, in un’area intermorenica situata allo sbocco della Valle di Susa in cui convivono a stretto contatto l’uomo moderno e tre biotopi diversi, ma intimamente interconnessi, costituiti dai due bacini lacustri di origine glaciale, dai rilievi collinari e dalla zona umida dei Mareschi.

Il parco non si propone solamente di proteggere un significativo angolo di natura, ma vuole anche realizzare una stretta simbiosi con la città di Avigliana fondata sul rispetto degli equilibri naturali.

La sua istituzione ha rappresentato al tempo stesso un traguardo e una sfida. I motivi principali sui quali si basa l’attività del Parco sono la salvaguardia della zona umida dei Mareschi, il ripristino delle condizioni idrobiologiche dei laghi, il controllo e la disciplina del territorio, la valorizzazione dell’area e l’incentivazione delle attività produttive rispettose delle integrità ambientali.

Numerosi i servizi che nel tempo sono stati predisposti per la fruizione delle aree protette, dai sentieri attrezzati alle pubblicazioni tematiche. In particolar modo si è instaurato un continuo rapporto divulgativo e didattico con il pubblico e le scuole (visite guidate, conferenze, proiezioni) incentrato sulla conoscenza e valorizzazione dell’ambiente naturale e culturale e si sono realizzate infrastrutture rivolte ai portatori di handicap (piste ad accesso facilitato, leggii in braille, tavoli e parcheggi accessibili).

L’importante patrimonio ambientale e faunistico è tutelato e studiato grazie a numerose ricerche scientifiche condotte dal personale dell’Ente in collaborazione con varie università e trova supporto economico in ambito europeo grazie a progetti transfrontalieri.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.