IL TRICOLORE SUL MUNICIPIO DI GIAVENO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ DI GIAVENO

GIAVENO – Da ieri sera mercoledì 25 marzo la sede del municipio (Palazzo Marchini) è stata illuminata con il Tricolore. La bandiera italiana è un simbolo di appartenenza e di unità che può essere un forte messaggio di speranza. Si ringrazia per l’omaggio la Ditta Proietta del giavenese Cristiano Pigino.

In questo momento di grande emergenza è necessario sentirsi tutti parte di una unica grande comunità. L’Italia sta reagendo con grande orgoglio nazionale alla crisi, riconoscendosi nei valori Costituzionali dell’unità e della solidarietà.

La Città di Giaveno vuole dare un segnale tangibile di appartenenza e di ringraziamento per tutto il personale sanitario che con grandissimo sforzo e sacrificio sta facendo il possibile, rischiando la propria vita, per la Salute di ogni cittadino.

Un doveroso grazie anche a tutti coloro che stanno operando in prima linea in questa battaglia, come le Forze dell’ordine, la Polizia locale, i volontari della Protezione Civile e della Caritas, i lavoratori delle attività ancora aperte come i supermercati e i negozi di alimentari, i dipendenti delle Poste o delle Banche e Assicurazioni e che forniscono un servizio fondamentale per tutta la comunità.

E per ultimo il ringraziamento va a tutti quei cittadini che stanno rispettando le regole e che stanno facendo un grosso sacrificio in queste settimane in cui, con l’attività commerciale chiusa, vedono diminuire il loro reddito e sono preoccupati per il futuro.

“Non è un’attrazione notturna, ma una luce di speranza per affrontare insieme la crisi che stiamo vivendo – commenta il Sindaco Carlo Giacone – Nella speranza di tornare presto al Festival delle Luci, poiché significherà che siamo tornati alla normalità. È in questo momento di enorme difficoltà che con la solidarietà e lo spirito di sacrificio possiamo dimostrare che siamo una grande comunità e un grande paese. Insieme siamo più forti”.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.