IMPRENDITORE DELLA VAL SUSA DENUNCIA LA BANCA PER USURA / LA BATTAGLIA DI GIULIANO BESSON

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  
SAUZE D’OULX – Imprenditore della Val Susa in guerra contro la banca che gli ha finanziato le varie attività, con l’ipotesi di averlo fatto con tassi d’usura. La Procura di Torino sta indagando nei confronti della Unicredit: l’imprenditore vive a Sauze d’Oulx ed è  Giuliano Besson, già famoso negli anni passati come eccellente sciatore della nazionale,  che faceva parte della “valanga azzurra”.

Insieme ad altri cinque imprenditori piemontesi, il valsusino Besson ha deciso di denunciare la banca: grazie a questo, il pm Parodi ha avviato  l’inchiesta per usura nei confronti di Unicredit. Istituti che da tempo vuole sequestrargli case e attività, accusandolo di non aver adempiuto agli impegni presi, dopo aver sottoscritto mutui e finanziamenti. 

E la sua denuncia non è finita nel vuoto, anzi, la Procura sta cercando di capire se davvero Besson è stato vittima di usura da parte della banca. Non si tratterebbe dell’unico caso, visto che altri imprenditori hanno denunciato di essere stati vittima del medesimo trattamento. E alla fine del 2015, nel mese di dicembre, la polizia giudiziaria ha sequestrato database e computer dagli uffici dove vengono elaborati i tassi di interesse dell’Unicredit, presso la sede di Bologna.

L’Unicredit non è l’unica banca ad essere finita nel mirino della magistratura: in tutta Italia procedimenti analoghi sono stati già avviati contro altri istituti, come Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi o Bnl. In realtà sono numerosi i casi di cittadini e imprenditori che, dopo essersi accorti di non riuscire più a reggere il peso di un mutuo o un prestito, e di fronte a decreti ingiuntivi e pignoramenti dei propri beni personali, scelgono la carta estrema della denuncia per usura, contro la banca di cui sono clienti. 

Negli ultimi anni ci sono stati tribunali che hanno assolto le banche, e altri che hanno invece condannato gli istituti a risarcire gli imprenditori che hanno fatto denuncia.

Tutto inizia alla fine degli anni ’90, quando Besson firma con l’Unicredit un finanziamento a interessi calmierati, che però contiene derivati. Iniziano ad arrivare le varie ingiunzioni di pagamento, che diventano sempre più alte e non sostenibili per l’imprenditore di Sauze d’Oulx. I problemi con la banca non si risolvono, al punto che partono i pignoramenti delle varie proprietà, toccando anche i beni personali di Besson. Non gli resta che giocare l’ultima carta: quella della denuncia per usura. Nei prossimi mesi si scoprirà se l’imprenditore è stato quindi vittima di chi avrebbe dovuto aiutarlo nelle sue imprese economiche, oppure no. 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

5 COMMENTI

  1. L’imprenditore non tiene fede ai suoi impegni , magari non rispetta le rate , forse non paga i fornitori , spende più di quanto guadagna. E nell’abitudine tutta italiana di cercare il responsabile delle proprie azioni in qualcun altro, come ultimo escamotage per non pagare non trova di meglio che provare a denunciare chi in realtà l’aveva finanziato e gli aveva dato fiducia.

  2. io personalmente poco conosciuto in valle ma in 34 paesi nel mondo si , il spaolo mi ha finanziato 320000 euro nel 2005 a fronte un valore di 1490000 euro dopo promessa da un anno, metà di quanto chiesto,.. in tribunale a torino al giudizio di 2 grado sta scritto che avrei chiesto il finanziamento il giorno stesso che mi è stato consegnato il capannone, sarei stato cosi stolto? ora mi hanno rubato il valore di 2 milioni di euro.. e non finisce qui…uniamoci contro questi fuorilegge e ancora qualcuno li protegge?

  3. lo faccio per lavoro quotidianamente….se viene riscontrata usura Le banche vengono condannate al risarcimento di tutti gli interessi pagati, quindi caro Andrea Che hai scritto sopra prima di giudicare informati…magari ne devono pure a te

  4. penso che tanti imprenditori integerrimi, che pensano di essere gli unici a saper fare di conto, e che, gli altri, siano o tutti disonesti, o imbecilli, prima di sparare sentenze, come il sig. Andrea, farebbero bene a farsi controllare i loro conti correnti, mutui, finanziamenti, leasing o qualsiasi altro prodotto finanziario che utilizzano…..potrebbero avere delle sorprese….tra l’altro il controllo è gratuito!!!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.