IN ARRIVO 112 PROFUGHI IN BASSA VAL SUSA: AVIGLIANA FIRMA L’ACCORDO IN PREFETTURA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

AVIGLIANA – Come annunciato per la prima volta dal nostro giornale circa un mese fa, è pronto al via il nuovo progetto di accoglienza di profughi in Val Susa.

Il protocollo per l’avvio di un progetto di micro-accoglienza dei profughi richiedenti asilo e rifugiati è stato sottoscritto alla prefettura a Torino dal prefetto Paola Basilone e dal sindaco di Avigliana, Angelo Patrizio, anche a nome di altri 19 comuni della bassa Val di Susa.

I venti comuni si sono impegnati ad accogliere quote di migranti ritenute “sostenibili” in relazione alla loro entità demografica ed ai servizi disponibili sul territorio, nell’ottica di un coinvolgimento diretto e responsabile delle amministrazioni locali nel governo e nella gestione dell’accoglienza, e della creazione di solidi presupposti di integrazione sociale dei migranti nelle comunità.

«Solo la micro-accoglienza diffusa nei territori locali, permette un’adeguata considerazione delle persone rispetto all’impatto sociale delle grandi concentrazioni» ha commentato Basilone. Il progetto non comporterà alcun onere per i bilanci comunali, perché i costi dell’accoglienza saranno in carico al ministero dell’Interno e alla prefettura.

L’intesa prevede l’affidamento diretto della gestione dei profughi ai comuni, i quali individueranno l’ente gestore con una gara europea. «Questo patto è un salto di qualità» ha precisato il prefetto auspicando anche un effetto contagio ad altri comuni del torinese, perché l’intesa «inaugura un rapporto di collaborazione molto stretto fra Stato e comuni ed è la dimostrazione che le amministrazioni locali non devono avere alcun timore, in quanto saranno loro a controllare l’ente gestore e a governare la situazione».

I comuni aderenti non saranno interessati da ulteriori afflussi oltre quelli stabiliti nel protocollo. Avigliana ospiterà fino a 12 persone, ed i comuni più piccoli da 8 a 2, per un totale di 112 persone in tutto il territorio interessato.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Mia madre é morta dopo 7 anni di Alzheimer…..senza ricevere l’accompagnamento….e questi spendono 760.000 euro per 15 persone…..
    traete voi le conclusioni….

Rispondi a Antonio Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.