IN ARRIVO UNA STANGATA PER LE SOCIETÀ DEGLI IMPIANTI DI SCI: DOVRANNO PAGARE L’IMU

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di MARCO BUSSONE

“Mi auguro che la sentenza della Cassazione relativa all’obbligo per i gestori degli impianti di risalita di pagare l’Imu sugli impianti a fune sia una svista sulla quale è necessario un immediato intervento che chiarisca la situazione. Si tratta di una sentenza che condannerebbe la montagna a pagare l’ennesima volta un’imposta ingiusta, negando la funzione di natura pubblica degli impianti. Metterebbe in ginocchio centinaia di imprese del comparto della neve. Non possiamo permettere questa nuova imposta ai danni di chi lavora e investe sulla montagna”.

Così il parlamentare Enrico Borghi, presidente dell’Intergruppo parlamentare per la Montagna e presidente Uncem a seguito della sentenza 4541 della Corte di Cassazione riferita al ricorso dell’Agenzia delle Entrate contro contro la società Funivia Arabba Marmolada – Sofma Spa.

“La sentenza – evidenzia Enrico Borghi – ci preoccupa per diversi motivi. Obbligare a pagare l’Imu sugli impianti a fune, definiti di arroccamento e legati al comparto del trasporto pubblico almeno in Piemonte e in altre regioni alpine, crea un precedente pericoloso per tutto il sistema montagna italiano.
Molti sindaci hanno già richiamato, nelle ultime ore, l’assurdità della sentenza accostando gli impianti a fune alle rotaie delle ferrovie. Di certo lo Stato non pagherebbe mai l’Imu sui binari. Le conseguenze sarebbero gravissime, ridicole. E così è per gli impianti di risalita”.

Secondo i giudici, infatti, nel caso di un impianto di risalita “funzionale alle piste sciistiche” non sussiste il presupposto del classamento catastale come “mezzo pubblico di trasporto”. “Impropriamente – prosegue Borghi – viene scritto nella sentenza che l’impianto di risalita svolgerebbe una funzione esclusivamente commerciale di integrazione delle piste da sci e non sarebbe ipotizzabile, nemmeno parzialmente, un suo utilizzo come mezzo di trasporto pubblico. Così non è per moltissime Regioni che considerano gli impianti a fune assimilati al trasporto pubblico, come è corretto”.

“L’Intergruppo parlamentare per lo Sviluppo della Montagna – conclude Borghi – si è immediatamente attivato per un chiarimento e per evitare che la sentenza blocchi di fatto l’intero comparto della neve, già colpito più di altri dalla crisi economica. Non abbiamo certo bisogno di ulteriori imposte, piuttosto di sgravi fiscali e burocratici sui quali stiamo lavorando, e faremo maggiormente nei prossimi mesi, d’intesa con le associazioni di categoria e del sistema turistico alpino e appenninico”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.