IN VAL SUSA UNA NUOVA VOCAZIONE SACERDOTALE: MATTEO AMMESSO AGLI ORDINI SACRI IN CATTEDRALE / FOTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Matteo Anselmetti con il vescovo durante il rito di ammissione agli ordini sacri (foto del Seminario di Torino)

CAPRIE – In Valle di Susa, dopo anni di attesa, è sbocciata una nuova vocazione sacerdotale. Sabato pomeriggio a Susa, durante la messa celebrata a conclusione dell’assemblea diocesana della Diocesi, il giovane valsusino Matteo Anselmetti ha ricevuto in cattedrale l’ammissione agli ordini sacri. 

Matteo Anselmetti in cattedrale (foto del Seminario di Torino)

L’ammissione agli ordini sacri è il primo passo che un seminarista compie per diventare prete, il primo gradino importante, caratterizzato da uno studio maggiore della teologia, e da un cammino con due tappe intermedie negli anni successivi (il conferimento dei ministeri di lettorato e accolitato). Per poi conseguire l’ordinazione da diacono, e infine da sacerdote.

foto del Seminario di Torino

Matteo Anselmetti vive a  Caprie. Dopo essersi diplomato al liceo scientifico Norberto Rosa di Bussoleno,  dal 2013 ha scelto di studiare teologia a Torino e di vivere appieno il suo percorso spirituale, passo dopo passo, iniziando l’anno di propedeutica: un periodo di  discernimento, per cercare di capire meglio quale fosse la sua vocazione.

Passati questi primi anni di riflessione e studio, sabato a Susa Matteo ha espresso  la prima risposta “pubblica” alla chiamata vocazionale, e ha pronunciato il primo importante “Eccomi”. 

Manifestando, di fronte alla sua famiglia e alla comunità diocesana della Val Susa, la scelta di offrire la sua vita a Cristo e alla Chiesa, con il rito di ammissione agli ordini sacri, officiato dal vescovo Badini Confalonieri. 

Un passo importante per Matteo: un ragazzo speciale e con grandi qualità, a cui vanno i migliori auguri da tutta la redazione di ValsusaOggi.

Matteo Anselmetti con papa Francesco (foto dell’Osservatore Romano)
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.