IN VALSUSA E VALSANGONE I TAMPONI RAPIDI: “AL VIA LA SETTIMANA PROSSIMA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA MUSACCHIO

BARDONECCHIA – Tamponi rapidi in tutta la Val di Susa e Val Sangone. Dopo l’ottimo risultato ottenuto a Bardonecchia, il progetto a cura dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Avato e della Croce Rossa bardonecchiese, in collaborazione con l’Asl e le amministrazioni comunali del territorio, verrà esteso anche in tutti i Comuni delle due valli: la data di inizio è prevista per settimana prossima.

Il sindaco Francesco Avato

Verranno effettuati direttamente sui vari territori – conferma Francesca Garnier, dottoressa e presidente della Croce Rossa di Bardonecchia a ValsusaOggi – Saranno i sindaci dei vari Comuni a fornirci le specifiche informazioni sui casi positivi. Loro decideranno se sottoporre ai test rapidi un numero basso o alto di popolazione e se farli gratuitamente oppure con un piccolo contributo. L’unico paese che sarà ad accesso diretto è Villar Dora: tutti potranno sottoporsi al tampone previa prenotazione“.

Sono tre le categorie di persone a cui è rivolto questo progetto:

  • Cittadini che sono stati vicino a persone contagiate dal Coronavirus (casi confermati ufficialmente).
  • Cittadini con sintomi Covid certificati dal medico curante.
  • Cittadini che sono in isolamento da oltre 10 giorni e non hanno avvertito alcun sintomo riconducibile al virus.

A Bardonecchia si sono sottoposte al test circa 300 persone – conclude Garnier – Fra qualche giorno riceveremo i risultati dei test molecolari. Dobbiamo aspettarci un numero importante di persone positive, dovuto all’alto numero di tamponi effettuati. L’obiettivo è quello di evitare focolai e di isolare al più presto le persone positive“.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

11 COMMENTI

  1. Il tampone nel naso può ledere le pareti se non fatto da persone super competenti, chi ha avuto patologie proprio in quell area, beh…. Non era meglio il sierologico?

  2. Tutti i comuni avrebbero dovuto provvedere a suo tempo a questa operazione. Comunque anche adesso va bene. Tutti quelli che hanno le happy-idee si commentano da soli. Sigh !.

    • Certo, per voi l’importante è riuscire a farvi infilare nel naso una specie di cotton fioc… se poi è anche un’avventura gratuita meglio ancora no?!

  3. Ogni comune avrebbe dovuto a suo tempo provvedere a questo. Alla buon’ora. Tutti quelli che hanno le happy-idee si commentano da soli. Sigh !

  4. sarà anche giusto il tampone, ma per carità quando chiudiamo bar e ristoranti e lasciamo libero l asporto(?) ma ci stiamo rendendo conto che si sarebbe tutto dovuto chiudere e sigillare tutto come ha fatto a suo tempo la Cina, ma voi siete veramente sicuri che l asporto viene consegnato in maniera , non voglio dire sterile, ma in ogni modo con qualche garanzia igienica, e lo stesso parrucchieri ecc. Conte ripensaci! Io credo che i medici fanno bene ad insistere su questo punto CHIUDIAMO TUTTO, proviamo, almeno x un mese, capisco che qualcuno si arrabatti cosi con l asporto perchè deve anche mangiare tutti i giorni, ma comunque NON VA VA BENE, Cirio pensaci tu

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.