INCIDENTE IN VALSUSA, AUTO INVESTE DUE RAGAZZI SUL MONOPATTINO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA MUSACCHIO

AVIGLIANA – Questo pomeriggio, lunedì 7 giugno, c’è stato un incidente in corso Laghi nelle vicinanze del centro commerciale Le Torri ad Avigliana. Un’automobile ha investito due fratelli giovanissimi, i quali avrebbero attraversato la strada a bordo di un monopattino.

Sul posto sono intervenuti i vigili della polizia locale e l’ambulanza della croce verde, che ha soccorso i due ragazzi, i quali saranno trasportati all’ospedale di Rivoli.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

17 COMMENTI

  1. Ai monopattini non dovrebbe essere permesso transitare su aree pubbliche ove vi sono altri veicoli. Si tratta di una utopia post pandemia alimentata dalla falsa prospettiva ecologista.

  2. Questi monopattini elettrici devono essere proibiti a chiunque non abbia un titolo di guida valido. Almeno il patentino. Sono equiparati alle bici ma in realtà non lo sono perché non richiedono alcuno sforzo fisico da chi li conduce e questo comporta la possibilità di trasporto di un passeggero oltre a poter scorrazzare illimitatamente alla massima velocità. Da quarantenne monopattinista chiedo alle istituzioni di intervenire nel vietarli ai minori.

  3. Questi monopattini elettrici devono essere proibiti a chiunque non abbia un titolo di guida valido. Almeno il patentino. Sono equiparati alle bici ma in realtà non lo sono perché non richiedono alcuno sforzo fisico da chi li conduce e questo comporta la possibilità di trasporto di un passeggero oltre a poter scorrazzare illimitatamente alla massima velocità. Da quarantenne monopattinista chiedo alle istituzioni di intervenire nel vietarli ai minori.

  4. Ovviamente auguro con tutto il cuore ai ragazzini di guarire il più presto. Lancio però un appello perchè al di sotto dei 16 anni non sia possibile guidare un monopattino senza la presenza dei genitori che sorveglino oppure di un altro adulto, e perchè a chi dai 14 anni in su utilizza questo mezzo di locomozione sfrecciando sia su strade che marciapiedi, che vengano imposte leggi precise, che venga multato chi non le rispetta e che venga richiesto un patentino da acquisire a scuola guida, perchè purtroppo molti non si rendono conto della pericolosità di attraversare le strade senza guardare, viaggiare senza giubbotto catarifrangente anche quando è quasi buio, andare troppo veloci, viaggiare a centro strada e così via, divenendo dei pericoli per loro stessi e per gli automobilisti, a loro volta spesso troppo spericolati ma anche ignari che all’improvviso possa sbucare un monopattino che taglia la strada. Più regole ferree e contravvenzioni per tutti e molti incidenti sarebbero evitabili.

    • Ma prima di dire stupidaggini, si informi! Dove è scritto che i ragazzi utilizzavano un monopattino elettrico, che attraversavano la strada senza rispettare le regole e che non avevano il titolo per guidare il monopattino?

      • Intanto sia un po’ più cortese. Se leggesse bene il commento, capirebbe che è un discorso non rivolto ai ragazzi in questione, che come ho detto, spero guariscano al piu presto, ma un discorso generale, questi monopattini hanno solo aggiunto un pericolo in piu sulle strade e non hanno risolto nessun problema ecologico, è solo una moda del momento, mal gestita dal codice della strada e dagli utilizzatori di questi mezzi potenzialmente molto pericolosi perchè sfrecciano a velocità elevata senza rispettare alcuna regola. Io prego solo di non trovarmene mai uno che mi taglia all’improvviso la strada o mi investe su qualche marciapiede. Molto meglio una vecchia bicicletta,se utilizzata con coscienza e rispettando le regole che ovviamente devono rispettare prima di tutto gli automobilisti. Passo e chiudo.

      • Io confermo quanto detto in quanto ero presente al momento dell’incidente. Erano due ragazzini su un monopattino (già illegale perché non si può andare in due) che si sono bellamente buttati in un incrocio senza seguire neanche la segnaletica stradale ne i semafori

  5. Il problema non sono i monopattini, ma chi li guida che spesso è un incapace. Monopattini con due persone, senza luci, sul marciapiede, ecc…
    Vedo spesso due ragazzine con un coso monoruota sfrecciare sul marciapiede in corso Laghi e mai nessuno che dice nulla.

  6. Il monopattino….Il mezzo di locomozione amato da gretini eco-nazi e dalla dittatura del pensiero unico e guidato da imbecilli di ogni età…

  7. L’utizzatore tipo del monopattino é un adulto, lo vedi sfrecciare incurante di tutto e di tutti. Transita contromano, in diagonale e se gli fa comodo anche sui marciapiedi. Faccia al vento, si sente in diritto di fare ciò che vuole perché usa il mezzo di trasporto del momento. Per lui non esiste stop o senso unico. Si sente green, smart e impunito. Il viso è arrogante e presuntuoso di chi è sicuro di fare ciò che vuole in barba agli altri. Puoi vedertelo sbucare all’improvviso ove non dovrebbe esserci. La vera colpa è di chi ha permesso un uso sulle pubbliche strade di questi “trabiccoli” e ne ha incentivato l’acquisto per molti con i soldi di tutti.

  8. Intanto sia un po’ più cortese. Se leggesse bene il commento, capirebbe che è un discorso non rivolto ai ragazzi in questione, che come ho detto, spero guariscano al piu presto, ma un discorso generale, questi monopattini hanno solo aggiunto un pericolo in piu sulle strade e non hanno risolto nessun problema ecologico, è solo una moda del momento, mal gestita dal codice della strada e dagli utilizzatori di questi mezzi potenzialmente molto pericolosi perchè sfrecciano a velocità elevata senza rispettare alcuna regola. Io prego solo di non trovarmene mai uno che mi taglia all’improvviso la strada o mi investe su qualche marciapiede. Molto meglio una vecchia bicicletta,se utilizzata con coscienza e rispettando le regole che ovviamente devono rispettare prima di tutto gli automobilisti. Passo e chiudo.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.