INCIDENTE MORTALE: 41ENNE SI SCHIANTA IN AUTO A CASELETTE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

 

di FABRIZIO PASQUINO

CASELETTE – Incidente mortale lunedi 2 aprile, intorno alle 20 in via Valdellatorre, all’altezza della Piota, sullo stradone che porta verso il cimitero. Una Mercedes coupé Slk grigio, guidata da un 41enne, stava percorrendo ad alta velocità la strada in direzione di Caselette. La vittima è Davide Albrile, idraulico residente a Caselette.

Alcuni testimoni raccontano di una improvvisa sterzata sulla destra contro il marciapiede sulla via e, dopo una frenata, una rocambolesca virata a sinistra contro il muro di un edificio che ospita un’azienda al piano terra, e una abitazione al primo piano. La vittima stava tornando a casa dopo la festa di Pasquetta insieme agli amici, che erano a bordo di altre auto e hanno assistito alla tragedia.

Sul posto sono intervenuti subito i Carabinieri, i Vigili del fuoco per estrarre il corpo del giovane automobilista e l’ambulanza. Ma per il guidatore non c’è stato nulla da fare. Anche il sindaco Banchieri è andato sul posto. L’uomo è morto sul colpo dopo le ferite riportate dal forte impatto dell’auto contro il muro.

“L’alta velocità del veicolo è confermata e quasi sicuramente è all’origine dell’incidente – conferma il comandante dei carabinieri, Luca Mariano – ma non sappiamo se il conducente abbia avuto un malore o sia capitato altro lungo la strada. Sarà l’autopsia, se verrà deciso di farla, o quanto riportato dai testimoni a far capire meglio le cause”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

6 COMMENTI

  1. Ottima osservazione, quella della cintura! Stranamente è una cosa di cui non si scrive mai negli articoli, è fondamentale ma non se ne fa mai capire l’importanza!
    Personalmente, vista l’auto demolita ma non troppo, credo che la cintura lo avrebbe salvato

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.