INCONTRO A VENAUS CON L’EX SINDACO SFIDUCIATO: “UN COLPO DI MANO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

VENAUS – Dopo essere stato sfiduciato dalla sua stessa maggioranza, con le dimissioni in blocco di sette consiglieri comunali e il successivo commissariamento del Comune, l’ex sindaco Avernino Di Croce ha organizzato un incontro pubblico per affrontare la questione. Si terrà mercoledì 15 luglio alle 18, presso il salone polivalente.

L’ex sindaco ha invitato all’incontro anche i sette ex consiglieri comunali che hanno deciso di porre fine al suo mandato. Nella mail in cui ha invitato i giornali all’incontro, definisce l’operazione come un “colpo di mano”.

“Le dimissioni in blocco e a sorpresa, come un fulmine e a ciel sereno, ha comportato l’automatico scioglimento del Consiglio comunale e la nomina di un Commissario prefettizio – scrive Di Croce – il sottoscritto sindaco uscente, non ha rilasciato alcuna dichiarazione, riservandosi di indire una apposita conferenza stampa pubblica alla presenza della cittadinanza, desiderosa peraltro di conoscere le ragioni vere o presunte di un siffatto colpo di mano, allo scopo di fornire ampia spiegazione dell’accaduto e rispondere pubblicamente alle domande dei giornalisti e dei cittadini”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Visto che le elezioni hanno un costo , io le farei pagare a quei sette buffoni dimissionari , perchè hanno scelto circa un anno fa di far parte di quella lista e quindi conoscevano la persona del Sindaco i suoi eventuali difetti e pregi . Un’azione del genere potrà essere eclatante ma dimostra una pochezza assoluta sia morale che intellettiva nei consiglieri dimissionari . Quindi è lapalissiano che è tutto manovrato ed è ora di finirla con giochetti di potere che sono , come detto un costo per la cittadinanza . Purtroppo il politichese non si espleta solo a Roma al governo centrale ma , anche in piccole realtà comunali dove invece bisognerebbe tutti remare per il bene del paese mandando al diavolo qualsiasi colore politico ; possibile che non ci si accorge che i colori politici sono oramai obsoleti e quello che conta è il programma di come e cosa bisogna fare per il bene del paese ed ovviamente deve essere rispettato in tutti i suoi punti , se no a casa a coltivare l’orto

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.