LA PISCINA DI BARDONECCHIA ANCORA CHIUSA: “PROBLEMI E MALFUNZIONAMENTI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BARDONECCHIA

BARDONECCHIA – Dopo alcuni mesi desideriamo informare bardonecchiesi e turisti sulla situazione dell’impianto natatorio comunale. Ci scusiamo per questo ritardo, ma attendevamo di poter dare risposte certe e pertinenti. Per massima chiarezza e trasparenza facciamo un piccolo passo indietro elencando temi ed interventi. I gestori di ristorante e impianto natatorio si erano aggiudicati rispettivamente un bando del 2008 per una durata complessiva di 12 anni. Nel 2020 scade quindi la loro gestione. L’amministrazione comunale grazie ad un contributo della Regione Piemonte e alla disponibilità di risorse proprie, ha potuto intervenire sulla piscina e sul palazzetto dello sport. Lavori importanti indirizzati soprattutto al risparmio energetico che sfiorano (per i due siti) complessivamente i 4 milioni di euro. Per chiarezza, ancora una volta, teniamo a precisare che i vecchi gestori NON sono stati esclusi né sfrattati. Semplicemente era scaduto il termine previsto dal bando, che in seguito non è stato ripubblicato per dare modo alle imprese di eseguire i lavori, in piena epoca covid. Attendendo l’ultimazione dei lavori e per cercare di velocizzare al massimo l’iter amministrativo, nel mese di Aprile 2022 il comune ha pubblicato una manifestazione di interesse per una gestione temporanea. A questa manifestazione di interesse hanno risposto 5 operatori. Uno dei requisiti della manifestazione di interesse era di avere gestito impianti natatori con caratteristiche paragonabili al nostro. Inoltre, la richiesta di aver prodotto un certo giro d’affari negli ultimi anni di gestione del proprio impianto, fa parte delle necessarie richieste di un bando di questa entità, ma non era determinante, tenuto conto della pandemia, per l’affidamento della gestione. Il vero forte rallentamento di tutto l’iter si è tuttavia verificato a causa di alcune difficoltà oggettive: l’approvvigionamento dei materiali necessari (parti metalliche e tecnologiche, materiali isolanti, ecc ecc), il considerevole aumento dei relativi costi, problemi di salute seri da parte di alcune persone addette alla direzione lavori ed alcuni malfunzionamenti che, purtroppo, si sono potuti riscontrare solo dopo il termine dei lavori di riqualificazione energetica. Queste sono alcune delle problematiche che fanno allungare ulteriormente i tempi di apertura della nostra piscina. Siamo ora in attesa dei preventivi e dei tempi di consegna dei materiali da acquistare o revisionare. Anche noi avremmo voluto vedere realizzate le nostre aspettative e speranze, siamo sicuri che gli sforzi, l’attesa, il rigoroso rispetto delle norme, ci porteranno ad avere un impianto di notevole pregio, unico in valle. Rassicuriamo tutti che monitoriamo quotidianamente la situazione e ci impegnamo a informarvi ogni qualvolta ci siano progressi nei lavori.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.