LA SCUOLA DI SALBERTRAND ALLA MARATONA DANTESCA DELL’UNIVERSITÀ

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla DIREZIONE DIDATTICA “P.P LAMBERT”

SALBERTRAND – Doppio impegno per i bambini e le docenti della Scuola Primaria di Salbertrand. Il 13 dicembre, a Torino, l’insegnante Sara Murdaca ha infatti preso parte con un gruppo di suoi allievi ed ex allievi alla Maratona dantesca tenutasi nella cornice dell’Aula Magna del Rettorato dell’Università, per la lettura di alcuni canti del Paradiso, affidati proprio ai giovanissimi interpreti dell’alta Valle.

Il progetto, che ha storia antica, era stato avviato una decina di anni fa con due classi della Primaria di Cesana Torinese, che aveva partecipato e vinto un concorso nazionale di teatro dedicato allo studio della Divina Commedia fra i più giovani. Due anni fa Erminia Ardissino, docente universitaria promotrice dell’idea, ha deciso di continuare a collaborare con Sara Murdaca, nel frattempo trasferitasi a Salbertrand.

Il lavoro si è all’epoca concluso nella produzione del murale che è oggi esposto sul muro della scuola. L’anno scorso il comitato che organizza la maratona dantesca al Rettorato, venuto a sapere di queste attività singolari per una scuola Primaria, ha nuovamente contattato la scuola, per la loro seconda edizione e la presentazione del Purgatorio, e i ragazzi della Lambert hanno riscosso un grande successo per l’interpretazione spontanea del narrato.

Anche quest’anno i giovani studenti di Salbertrand si sono fatti onore, accanto agli altri lettori, studenti delle scuole medie e superiori, oltre che universitari e docenti. Nuovi applausi sono poi stati riservati loro il 17 dicembre, nello spettacolo di Natale regalato a cittadini e famiglie, in collaborazione con i bambini della scuola materna.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.