LA VALSUSA PIANGE LA MORTE DELLA GIOVANE MARTINA ZONA, INVESTITA DAL TRENO A SANT’ANTONINO DI SUSA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

Potrebbe essere un primo piano raffigurante 1 persona
La giovane Martina Zona aveva 19 anni

SANT’ANTONINO DI SUSA – Il paese è in lutto per la tragedia avvenuta oggi pomeriggio sulla linea ferroviaria Torino – Bardonecchia. La giovane Martina Zona, 19 anni, è stata investita da un treno regionale intorno alle 14.30.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polfer, i vigili del fuoco e il 118. La macchinista che conduceva il treno è sotto choc: è stata accompagnata all’ospedale di Susa. La vittima sarebbe sbucata all’improvviso da un cespuglio vicino ai binari: le forze dell’ordine stanno indagando per capire se si è trattato di incidente o di un gesto anticonservativo.

Dalle ore 18.10 il traffico ferroviario sulla linea ferroviaria, precedentemente sospeso in prossimità di Sant’Antonino di Susa, è in graduale ripresa dopo l’autorizzazione alla ripartenza dei treni.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

9 COMMENTI

  1. volevo scrivere la stessa cosa, anticonservativo ? nel caso sia stato davvero intenzionale abbiamo così tanta paura a chiamarlo con il suo nome ? suicidio
    Cambiarne il nome non ne sminuisce la gravità, smettiamola con queste stupidaggini e piuttosto indaghiamo sulle cause e su come poter aiutare le persone in modo che evitino questi gesti.

  2. Indipendentemente da questa tragedia, risulta che il suicidio è la 2nda causa di morte degli adoloscenti (dopo gli incidenti stradali).

  3. Purtroppo, questo stramaledetto covid ha fatto e sta facendo danni. Non aiuta nemmeno queste “forzature” io le chiamo così, chiamo con questo nome tutti i divieti, molti veramente assurdi dove posso capire il sistema di prevenzione per questo covid ma molti sistemi ci stanno facendo veramente ammalare, fisicamente e mentalmente.
    È non ci fanno nemmeno stare bene le mille imposizioni
    Lasciateci vivere o almeno sopravvivere

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.