LA VALSUSA PIANGE LA MORTE DELLA MAESTRA ROSANNA SUPPO: “UNA DONNA SPECIALE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ALBERTO DOSIO

ALMESE / BUTTIGLIERA ALTA – La Valsusa piange la morte della maestra Rosanna Suppo. Aveva solo 57 anni: lascia il marito Marino, le figlie Sonia (con Diego e la piccola Emma) ed Erica (con Andrea), la sorella Sandra con la sua famiglia, Angela e Chiara. Prima di diventare insegnante per gli istituti comprensivi di Avigliana e Buttigliera Alta, aveva lavorato come vigile urbano ad Almese.

Il rosario si terrà giovedì 18 marzo alle ore 18.45 nella chiesa parrocchiale di Almese. I funerali avranno luogo venerdì 19 marzo alle ore 15 (sempre nella chiesa parrocchiale), giungendo dalla sua abitazione. 

In occasione delle esequie, la famiglia chiede di non acquistare fiori, ma di fare eventualmente delle offerte per la Fondazione piemontese per la ricerca contro il cancro di Candiolo.

Vi sono notizie che quando arrivano hanno un effetto devastante per le persone e per tutta la comunità. Rosanna ha condotto una vita specchiata e spesa per i suoi cari e per i suoi concittadini. Una vocazione che le è stata trasmessa dal suo caro papà Livio, molto conosciuto soprattutto per i molti anni trascorsi come presidente della Società Cooperativa Operaia e membro attivo della banda musicale almesina. Madre premurosa e seria professionista, circa vent’anni orsono aveva ricoperto con passione ed equilibrio la carica di vigile urbano ad Almese. Tuttavia la sua vera vocazione era indirizzata all’educazione dei bambini. Tanti genitori la ricordano in queste ore: “E’ stata una maestra dolcissima e impeccabile”.

La comunicazione del Comune di Buttigliera Alta: “Il sindaco, l’assessorato alle Politiche Educative e l’amministrazione tutta si uniscono al cordoglio per la scomparsa di Rosanna Suppo, educatrice che ha lavorato nelle scuole dell’infanzia cittadine, la Girandola e ultimamente l’Aquilone, di cui è stata anche fiduciaria. Grazie per l’impegno e la professionalità al servizio dei più piccoli”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.