SAUZE D’OULX PIANGE LA MORTE DI GAETANO SIRACUSA “IL BAFFO”: ERA IL RE DEI TAPPETI ELASTICI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Gaetano Siracusa

SAUZE D’OULX – L’alta Val Susa è in lutto per la morte dell’amato Gaetano Siracusa, noto a tanti con il soprannome “il Baffo”: il mitico uomo dei tappeti elastici a Sauze d’Oulx. È mancato ieri, mercoledì 26 settembre, all’ospedale di Susa. Siracusa lascia la moglie Ivana e i quattro figli Sonia, Leonardo, Maurizio e Marco, con i rispettivi compagni Pier, Francesca, Sara ed Elena. Il Baffo era una vera e propria istituzione per Sauze: nato a Caltanissetta nel marzo 1932, era emigrato in Valsusa negli anni ’80. Per anni ha gestito la leggendaria discoteca “Olimpic” di Beaulard, che a quell’epoca era il punto di ritrovo di tanti giovani di tutto il territorio (per salire a ballare nella frazione di Oulx venivano organizzati anche i pullman da Avigliana) aiutato alla consolle dal figlio Leonardo. Gaetano era instancabile: nello stesso locale il Baffo sfornava pure la pizze e aveva aperto con successo anche il ristorante-pizzeria.

Successivamente Gaetano si sposta a Pian del Sole, sopra Claviere, occupandosi di ristorazione con al fianco la cuoca di sempre: l’inseparabile moglie Ivana. Per tre anni (dal 1986 al 1989) si trasferisce in zona bassa Valle, prendendo casa a Bussoleno e poi Meana, ma le montagne dell’alta Val Susa gli mancavano troppo e decide così di ritornare “al freddo”.

Questa volta approda a Sauze d’Oulx, al mitico centro sportivo “Pin Court” gestito dalla figlia Sonia. E proprio negli anni ’90 che nasce la sua passione per lo svago e il divertimento dei più piccoli e delle famiglie, aprendo il piccolo parco divertimenti coi tappeti elastici e le palline. Ai tappeti elastici di Gaetano hanno saltato praticamente tutti i bambini nati e cresciuti a Sauze d’Oulx dagli anni ’90 in poi, senza dimenticare i tantissimi turisti e i bimbi dei paesi limitrofi. In questa attività viene aiutato dal figlio Maurizio.

Passano gli anni, Gaetano cambia l’attività e anche il soprannome: il “Baffo” diventa il “Grand Papi” (il “nonno”, nomignolo scelto dai bambini di Monginevro, dove aveva aperto i tappeti elastici per una stagione).

Gaetano Siracusa era Testimone di Geova: ha prestato servizio alla comunità locale dell’alta valle fino a quando la salute gli ha permesso di farlo e nonostante i problemi che nascono con il passare inesorabile del tempo. Nonostante tutto, non ha mai perso la forza e la voglia di vivere: amava chiacchierare e ricordare i bei tempi passati anche negli ultimi giorni, con il suo delicato filo di voce.

I funerali di Gaetano si terranno presso la sala del regno dei Testimoni di Geova a Beaulard (via San Giusto 26) venerdì 28 settembre alle ore 15. I famigliari hanno chiesto espressamente “un abbigliamento allegro, vivace e non da lutto. Niente fiori, ma inviateci un pensiero, date il vostro amore alle persone che più vi stanno a cuore”.

Proprio per rispecchiare appieno lo spirito di Gaetano, il suo carattere positivo, sempre alla ricerca della gioia di vivere e del piacere di stare insieme in allegria.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Rispondi a salamalek Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.