LA VALSUSA PIANGE LA MORTE DI MARIA TERZIANO: MEMORIA STORICA DI MATTIE E DEL FRANCOPROVENZALE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

MATTIE – La Valsusa piange la morte di una delle sue memorie storiche. Oggi è mancata la signora Maria Terziano. Il messaggio di cordoglio è stato pubblicato dal Comune di Mattie: “Sarebbe lungo elencare il suo impegno, prima con il marito Luigi, poi da sola, per il mantenimento della memoria storica e del patois: l’opuscolo delle lezioni di matieral, la Martina, le testimonianze rese su pubblicazioni e siti. I ricordi…prima che venga notte!”.

Maria Terziano, classe 1930, era un punto di riferimento per tutta la comunità di Mattie e dei paesi limitrofi della bassa Valsusa. Ha collaborato per anni con il Comune, il Cesdomeo (Centro Studi Documentazione Memoria Orale), con l’associazione Ametegis, la Chambra d’Oc e altri enti di ricerca, donando la sua testimonianza e le sue memorie per gli studi sui mestieri tradizionali nelle valli francoprovenzali e sulla vita di un tempo, così come sulle antiche canzoni francoprovenzali.

Ha collaborato alla realizzazione di tantissime mostre e ricerche dedicate alla storia di Mattie: da quelle sulla lingua mattiese, fino ai cognomi e le casate antiche, senza dimenticare il dizionario francoprovenzale o l’approfondimento sulle ragazze dell’Azione Cattolica nel 1925. La signora Terziano era una fonte di sapere inestimabile.

Insieme all’amato marito Luigi Gillo aveva consentito la pubblicazione di libri e ricerche sullo studio del dialetto di Mattie, la traduzione e la trascrizione di parole, frasi e testi.

Per ricordare il suo impegno per la cultura locale, pubblichiamo qui sotto la sua testimonianza riguardo i mestieri di un tempo a Mattie, curata da Chambra d’Oc con una video-intervista.

“Quasi tutti [gli abitanti di Mattie un tempo] facevano i contadini. Poi i margari, tutti avevano una mucca a casa, o due. Poi, sulla nostra montagna ci sono tante di quelle grange diroccate perché monticavano… dicevano meré ameun, magari prendevano solo 4 o 5 bestie e guadagnavano qualcosa. Ma la maggior parte lavorava la terra, qualcuno andava già in fabbrica (forse dopo, proprio dire quando hanno cominciato…), qualcuno già in ferrovia. Dopo è poi successo che non c’era più… I bambini, finita la scuola, andavano, ancora ai miei tempi, andavano da garzone negli alpeggi, d’estate, ad esempio al Moncenisio.
E altro, beh ma c’erano i fabbri, c’è una famiglia nel cortile qui vicino a me che è soprannominata “quelli del Fabbro”. Piantavano la canapa ed è rimasto il soprannome di quelli che lo facevano, però la tela la portavano a fare a Coazze. Però mi ricordo che la piantavano ancora ai tempi della guerra la canapa.
C’era il mulino e i mugnai, sarti e sartorie… Poi quando hanno aperto il cotonificio allora da qui andavano tutti in fabbrica, erano diventati tutti operai.
E poi gli zoccolai, facevano gli zoccoli, e c’è ancora il soprannome, dopo i cestai, quelli che facevano le ceste, le gerle di salice, perché le gerle fatte con le liste di castagno passava a venderle Michele di Giaveno. Era della Maddalena [borgata montana di Giaveno, capoluogo della Valle del Tauneri] e arrivava con quattro o cinque gerle una dentro l’altra, girava dappertutto e le vendeva, le gerle fatte con le liste di castagno, non quelle fatte con i salici.
Poi c’era anche, un momento, c’erano anche quelli del Tessitore e arrivavano da Coazze e filavano la canapa. Gli antenati di mia nonna arrivavano da Coazze e Giletti, nella stalla, ho dormito fino a 10 anni nella stalla d’inverno, c’erano due grossi buchi e mia nonna diceva che tenevano i bastoni per filare la canapa, perché la cardavano. Poi un altro soprannome era quello del Britióou [“colui che pettina la canapa”], ai Giordani, i gemelli, perché le spazzole di ferro servivano per pettinare la canapa…
Ecco si sono conservati dei soprannomi proprio legati al mestiere che facevano una volta. Dopo è poi sparito tutto. Ma c’erano anche i forni dove facevano il pane, diciamo che qui erano tutti fornai perché tutti lo facevano… loro facevano il lievito madre e dopo facevano il pane. Comunque, c’era il forno ai Giodani, al Vallone e anche qui (Gillo).
Un tempo avevamo tutti una mucca e il raccolto più grosso era dato dalle castagne. Tanto è vero che io, i miei avevano una bottega e vendevano anche caffaro e zolfo per le viti, ma non tutti avevano i soldi per pagare e allora con le prime castagne venivano a pagare. I più poveri erano i più onesti. Erano una ricchezza [le castagne]… Beh le patate le mangiavamo perché non c’era altro e poi ne vendevamo anche un po’. E poi una cosa caratteristica di Mattie erano i fagioli. Si faceva anche la festa dei fagioli in occasione della festa patronale, il 16 settembre San Cornelio e San Cipriano, che era chiamata la festa dei fagioli perché era proprio il massimo. Mi ricordo, c’erano dei terreni chiamati “Le sanhes”, terreni umidi e venivano lunghi così. Passavano i carri a comprare i fagioli già sgranati e messi nei sacchi, e venivano anche da Giaveno, mi ricordo che erano in due con un carretto e venivano a comprare i fagioli. Era proprio una festa tradizionale, infatti, non si chiamava festa patronale in patois, bensì festa dei fagioli”.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Avevo conosciuto la sig.ra Maria nel Maggio del 2012, molto buona e gentile, mi diede un pane benedetto.
    Ho sempre avuto un bellissimo ricordo di Mattie, le sue persone affabili ed i suoi territori: le Sanhes, la Cre’ du Cou, la pista forestale del Bosco Nero.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.