LA VALSUSINA FIORENZA ARISIO SI CANDIDA ALLE ELEZIONI CON UNIONE POPOLARE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Fiorenza Arisio

AVIGLIANA – La consigliera comunale ed ex assessora Fiorenza Arisio sarà candidata capolista alla Camera in provincia di Torino per il partito Unione Popolare di Luigi De Magistris. L’annuncio è stato dato ieri in conferenza stampa a Torino.

Sono quindi due i candidati valsusini, entrambi No Tav, in campo con il nuovo partito di sinistra dell’ex sindaco di Napoli: Arisio e Scibona. In Valsusa Unione Popolare è infatti sostenuta dal partito Rifondazione Comunista di Avigliana, che ha promosso la raccolta firme in alcuni paesi per poter presentare le liste in questi ultimi giorni.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

35 COMMENTI

  1. Che bella coppia, un Ex Senatore arrivato in parlamento per puro caso e una che ci ha già provato in tutti i modi a entrare in parlamento racimolando sempre lo 0,X%. Fanno quasi tenerezza.

    • Faranno anche tenerezza ma intanto li abbiamo sul groppone noi a nostre spese. Ormai l’Italia è il paese in cui lo sport nazionale è l’accaparramento delle poltrone, ad ogni livello. Non interessa a nessuno il bene comune, nessuno lo fa per la patria ed il popolo. Ben inteso, alla base magari ci possono anche essere queste motivazioni, ma poi quando sei lì, ti adegui alla massa e come tante sardine segui la corrente in gruppo adeguandot
      i ed usufruendo dei benefici. Peccato che quelli a finire in scatola siamo sempre noi però.

    • Che bello fare i leoni da tastiera protetti dall’anonimato di un profilo fake! Quali sarebbero di grazia “tutti i modi a entrare in parlamento” che avrei provato? Me li può elencare dato che a me non risultano? Magari sa più cose di me di quante non ne sappia io stessa…

      • Spettabile Signora ARISIO, le auguro vivamente di essere eletta in modo da essere portavoce e baluardo del pensiero dei cittadini che rappresenterà politicamente e non dia a retta a elementi gretti che la contrastano senza nulla sapere. In bocca al lupo.

      • 2014, Candidata alla Regione Piemonte con “L’altro Piemonte a sinistra”.
        2016, Candidata alle Amministrative del comune di Torino con “Torino in Comune – La sinistra”.

        In effetti con gli emolumenti del Comune di Avigliana è difficile tirare a campare.

        • Bene, e quindi dove sarebbero “tutti i modi per entrare in parlamento”? (sempre se ha idea di cosa sia il Parlamento…)
          Per quanto riguarda invece gli emolumenti del Comune di Avigliana, la informo che se avessi mai pensato di candidarmi guidata dall’avidità del per poter campare con gli emolumenti da assessore anziché da spirito di servizio, non lo avrei certamente fatto, dato che in un Comune come quello di Avigliana, ossia sotto i 15000 abitanti, un assessore prende meno di un callcenterista (ovviamente con tutto il rispetto per chi lavora nei callcenter) e a confronto ha una responsabilità ed un impegno lavorativo non da poco…

          • Infatti ha provato a candidarsi in posizioni che invece garantiscono emolumenti di tutt’altro livello, e non certo per spirito di servizio. Con scarsi risultati, ovviamente.

        • Bene, e quindi dove sarebbero “tutti i modi per entrare in parlamento”? (sempre se ha idea di cosa sia il Parlamento…)
          Per quanto riguarda invece gli emolumenti del Comune di Avigliana, la informo che se avessi mai pensato di candidarmi guidata dall’avidità del per poter campare con gli emolumenti da assessore anziché da spirito di servizio, non lo avrei certamente fatto, dato che in un Comune come quello di Avigliana, ossia sotto i 15000 abitanti, un assessore prende meno di un callcenterista (ovviamente con tutto il rispetto per chi lavora nei callcenter) e a confronto ha una responsabilità ed un impegno lavorativo non da poco…

  2. Non entro nel merito delle loro capacità e/o meriti. E nemmeno so se mi recherò a votare e se li voterò, ma una cosa è certa almeno queste 2 persone così come Pittau e Trivero hanno avuto il coraggio di mettere faccia, nome e cognome con pochissime garanzie di uscirne vittoriosi e tante certezze di essere presi in giro e ridicolizzati . Noi, leoni da tastiera sempre pronti a sbeffeggiare su social e forum che tollerano l’ anonimato , possiamo dire di avere lo stesso coraggio ? Io di sicuro no , e voi ? Mauro Galliano- Condove-

    • Lei ha un grosso problema con il riconoscimento delle persone…
      Ma io invece che farmi chiamare Il Merovingio ™ avessi come nickname Mario Rossi che differenza farebbe?
      L’anonimato nel mio caso serve a preservarmi da ulteriori danneggiamenti/minacce/intimidazioni da parte di quei democraticissimi e petalosi no tav che infestano la Valle.Credo di averlo spiegato più e più volte.Evidentemente non era stato attento durante la lezione…
      Attenzione che la rimando a settembre.
      Concludendo:se le aggradano i commenti potrebbero essere anche firmati Thor,figlio di Odino e le andrebbero bene.In caso contrario per postare un commento a lei non gradito ci vorrebbe almeno la copia della tessera sanitaria e l esame del DNA.
      Poi quando uno come Bruno/Shahrazād si presenta
      come una fanciulla protagonista
      di una favola persiana tra l’altro bellissima (la favola,non Bruno) va tutto bene e non gli chiede nome,cognome,data di nascita,indirizzo di residenza,codice fiscale/partita IVA?
      Per non parlare di quelli che intervengono sul medesimo post con due o tre nickname diversi,vero Gwen?
      Oppure degli “utenti” che arrivano direttamente dai centri asociali o che appoggiano gli stessi;quelli li riconosci subito per il tenore e l’aggressività dei commenti e dal fatto che ti danno del tu come se li conoscessi da una vita,forse ignorano che la lingua italiana prevede anche l’uso del Lei e del Voi.
      Intravedo un po’ di ipocrisia in tutto questo…
      E poi come faccio a sapere se lei è effettivamente chi dice di essere e non un adolescente brufoloso che abita nella periferia di Pittsburgh?

      Stavo a scherzá…

  3. Certo che essere notav è importantissimo grandi progetti (lotta, distruzione, spese a carico degli altri, manifestazioni violente….) un bel biglietto da visita per non essere votati!!!!

    • Essere NoTav è importante per evitare di sprecare soldi pubblici in un’opera inutile e dannosa per la salute dei cittadini che abitano questa valle: è stato amesso dagli stessi proponenti l’opera che il traffico merci che doveva giustificare una simile spesa di denaro pubblico (9 miliardi di €!) non ci potrà essere perché le stime di traffico erano state troppo ottimistiche (e al momento, la linea storica è ben lungi dall’essere satura dato che ci passano 1/3 dei treni che ci potrebbero transitare già da subito, se ci fossero le merci!). Del “Corridoio 5”, che doveva collegare Lisbona a Kiev (!!) non c’è più traccia e la Commissaria dei trasporti dell’UE Adina-Ioana Vălean ha ricordato poche settimane fa che se Italia e Francia non fissano definitivamente i termini per il finanziamento complessivo dell’opera (comprese le tratte di adduzione) con una Decisione di Esecuzione, i contributi che l’Europa avrebbe dato sono a rischio e di conseguenza verranno ridestinati (ergo: se il futuro governo vorrà andare avanti a fare l’opera, la pagheremo interamente noi!). I cantieri del solo tunnel di base, se mai verranno aperti, produrranno polveri che (secondo quanto scritto nei Quaderni dell’Osservatorio) porteranno un aumento delle malattie polmonari nella popolazione coinvolta che va dal 3 al 10%. Inoltre, dato che è stimato, dai proponenti l’opera, che i cantieri per la sola costruizione del tunnel di base emetteranno 10 mln di tonnellate di CO2 (che come è noto permane nell’atmosfera per 100 anni) ed è altamente probabile che scavando sotto l’Ambin si troveranno rocce radioattive (delle prospezioni dell’Eni negli anni ’70 lo avevano già evidenziato) lo scavo del tunnel di base, a patto che parta, produrrà inquinanti in atmosfera e contribuirà a peggiorare l’effetto serra causando ulteriori disastri dal punto di vista climatico (nonostante si debbano diminuire le emissioni entro il 2030 per non fare aumentare di più di 2° le temperature). Infine, se quanto sopra elencato non bastasse ancora, è previsto che vengano anche intercettate venute d’acqua che faranno disperdere ulteriormente questo bene prezioso (credo che con la siccità di quest’anno ci siamo accorti tutti di cosa voglia dire restarne senza…) così, oltre al danno climatico, si aggiungerà anche quello pratico di non avere nemmeno più l’acqua corrente o per irrigare i campi…
      Chiedo sommessamente a chi ritiene che l’opera si debba fare, quanti ospedali, treni per i pendolari e aule decenti per i nostri figli si potrebbero costruire e manutenere con i 9 miliardi di € che dovrebbero appena servire per fare un buco sotto alla montagna che non serve a nulla e che provoca danni alla salute e all’ambiente.
      Questi sono solo alcuni dei motivi per cui è importantissimo essere NoTav: per questo basterebbe informarsi un minimo per capire quale sia il mio biglietto da visita, ma so già che a cercare di lavare la testa all’asino si perde il ranno ed il sapone…
      Cordiali saluti a chi non si sa nemmeno firmare con il proprio nome ma pensa di avere in tasca la Verità!

      • Gli stessi Bla Bla Bla ripetuti da 20 anni a pappagallo (copia e incolla) da parte di chi non ha alcuna competenza in materia (CV alla mano) per fare certe affermazioni, né per dimostrarle, né per confutarle. Tifoseria spicciola e atti di fede in per una battaglia ideologica priva di elementi a sostegno. Nulla di nuovo?

        • La competenza se non ce l’ho per titolo di studio (immagino che lei che si chiama Bla Bla Bla, avrà invece sicuramante una laurea in ingegneria strutturale come minimo), ce l’ho per il fatto che è da 20 anni che seguo da vicino esperti del Politecnico e mi tengo costantemente informata leggendo la documentazione della Commissione europea, oltre che su ciò che scrivono nei Quaderni dell’Osservatorio. Tutto ciò che ho scritto è “dimostrato” dai documenti ufficiali proprio dell’Osservatorio: lei ne ha mai letto uno? Sarei felice di conoscere le controdeduzioni di chi si professa Si Tav, sicuramente non per tifoseria (per carità!) e che non ha mai saputo dare delle motivazioni sensate per la costruzione del tunnel di base. Lei ha qualcosa di nuovo da proporre?

          • Chi sarebbero gli “esperti del Politecnico”? Tartaglia? Zucchetti? Cioè quelli da cui il Politecnico stesso ha preso più volte le distanze perché hanno impropriamente accostato la facoltà ai loro personali e privati deliri NoTav? Ciò che ha scritto a mo’ di storiella trita e ritrita non è in alcun documento “ufficiale”, tantomeno le favole da procurato allarme sulle malattie polmonari, sull’uranio presente in quantità modiche e in tutt’altro luogo rispetto a dove passa il tunnel di base, o le falde acquifere prosciugate. A Chiomonte sono stati scavati 7 km di tunnel senza che una sola falda abbia perduto un litro di acqua, o che un etto di Uranio o Amianto siano finiti nello smanino, dati ARPA alla mano. Io i documenti lì ho letti molto bene, e anche capiti perché ho le competenze necessarie che lei non ha. Lei vive di luce riflessa, e per lo più di gente che non ha alcuna referenza e autorevolezza sul tema.

            A proposito di disastri, ricordiamo quelli veri e documentati:
            https://avigliananotizie.it/amazon-lascia-avigliana/

      • Forse non è ben informata,i cantieri del tunnel di base sono aperti da un bel po’.E nel frattempo hanno raddoppiato il tunnel autostradale.

        • Caro Merovingio, ovvero Michele Ferraudo, del tunnel di base non è stato scavato nemmeno ancora un metro: la galleria di Chiomonte, in cui hanno problemi a far fare sopralluoghi per le alte temperature che ci sono all’interno, è solo un tunnel geognostico, ossia utilizzato per fare prospezioni, e che forse, dico forse (se riusciranno ad acciuffare i finanziamenti europei che invece sembra che non riusciranno a prendere) potrebbe diventare al massimo una discenderia di accesso laterale al tunnel di base effettivo. Per esserne certi, basta vedere com’è stato scavato, ossia in modo perpendicolare a quello che dovrebbe essere la direzione del tunnel di base, per cui temo proprio che chi non è ben informato sia qualcun altro…

          • Ma che sta dicendo? Io l’ho pure visitato il tunnel durante una delle visite guidate, e non sono uscito alla brace. Vada anche lei, magari impara qualcosa. Faccia anche un giro in Francia, potrebbe scoprire che lì esistono già 9km di tunnel di base belli che finiti.

    • La cosa che mi colpisce è che ripetono in loop sempre le stesse cose viste e riviste.Non c’è un minimo di autocritica e di distanziamento dalle azioni della loro ala violenta che purtroppo ha preso il sopravvento.
      Ma chi vogliono incantare?

  4. Forse dipenderà da scarsa lettura delle Costituzione e persino dello Statuto di Carlo Alberto ma candidarsi per un mandato elettorale NON significa voler “accaparrarsi delle poltrone” o “metterci la faccia”.
    È semplicemente una scelta civica e l’esercizio di un diritto nell’interesse comune dello Stato e dei cittadini, nel rispetto delle sue regole.
    Che poi nel cesto, sgomitando, ci finiscano spesso troppe mele marce è più responsabilità degli elettori che degli eletti.
    Buona strada ai candidati della Valle con un’aggiunta di simpatia per Fiorenza per meritata stima.

  5. Secondo me candidarsi invece vuol proprio dire anche e soprattutto “metterci la faccia”. Rimando al mittente del solito tracotante e maleducato ( nel senso che è stato educato male fin da piccolo) commentatore anonimo le accuse di “scarsa lettura della costituzione” . Chi ha sulla coscienza ben documentati episodi di discriminazione e abuso di potere e che vive nell’ ombra dell’ anonimato ( esporsi significa rimetterci in soldoni ) farebbe bene a leggersi lui tutta la costituzione e limitarsi a commentare senza offendere così pesantemente le capacità letterarie e la cultura altrui , soprattutto di chi è dotato di quel minimo di cogl….ni da firmarsi !

  6. Date a Cesare quello che è di Cesare.
    Pur restando su posizioni di partenza distantissime mi ritrovo ad apprezzare parte delle repliche de Il Merovingio.
    Lucidissima è la sua dissertazione, in replica al sedicente Mauro Galliano-Condove sui nickname o nom de plume utilizzati on line.
    Aggiungerei solo che, per chi esercita o ambisce esercitare ruoli pubblici, il firmarsi non è una questione di dimensione di testicoli ma di pura necessità di mettersi in evidenza.
    Il resto del mondo, che di questi personaggi di fatto subisce le azioni e spesso le incapacità, ha tutte le migliori ragioni per firmarsi come gli pare quando ne rimarca l’inadeguatezza e gli errori.
    Va da sé che le sottostanti repliche e controrepliche tra commentatori continuino ad indirizzarsi al nominativo da ciascuno liberamente scelto.
    De Il Merovingio cpntinua a spiacere l’irriducibile accanimento pro tav che che fa il paio con il manifesto rifiuto di interrogarsi (in proprio e senza necessità di pubbliche abiure) sugli argomenti a sfavore.
    شهرزاد, Shahrazād in questo di associa pienamente ad Arisio.
    La documentata ed autorevole mole di argomentazioni contrarie, maturata e pubblicata in trent’anni, è patrimonio di tutti coloro che l’hanno letta, senza necessità di titoli accademici o oscuri e privilegiati ruoli di “addetti ai lavori”.

  7. Come volevasi dimostrare.
    Giusto il tempo di scriverlo che subito salta fuori un signor Bla Bla Bla a vantare il proprio possesso di competenze, ovviamente oscuro.
    Talmente competente da ignorare che Telt con l’acqua che solo quel misero buco di Chiomonte sta drenando si è già inventata futuri allevamenti di storioni e irrigazioni di vigne.
    Intanto già adesso la deve raffreddare prima di immetterla nella Dora.
    Non saranno temperature da barbecue ma calda lo è di sicuro, oltre ogni ragionevole dubbio.

    • E quali falde nel raggio di 20km sono rimaste senza acqua? Me le elenchi? Sono tutte rigorosamente controllate da anni. L’acqua intercettata dal tunnel geognostico non appartiene ad alcuna falda di superficie, ma è acqua in aggiunta che non avrebbe mai raggiunto la superficie. Confondere la temperatura dell’acqua con quella del Tunnel è proprio roba da NoTav medio, ignorante e arrogante.

  8. Bene, e quindi dove sarebbero “tutti i modi per entrare in parlamento”? (sempre se ha idea di cosa sia il Parlamento…)
    Per quanto riguarda invece gli emolumenti del Comune di Avigliana, la informo che se avessi mai pensato di candidarmi guidata dall’avidità del per poter campare con gli emolumenti da assessore anziché da spirito di servizio, non lo avrei certamente fatto, dato che in un Comune come quello di Avigliana, ossia sotto i 15000 abitanti, un assessore prende meno di un callcenterista (ovviamente con tutto il rispetto per chi lavora nei callcenter) e a confronto ha una responsabilità ed un impegno lavorativo non da poco…

  9. in risposta a Bla bla bla, al cui non si può rispondere direttamente: certo che gli esperti sono Poggio e Tartaglia, e se il rettore del Politecnico (non il Politecnico) ne ha preso le distanze, è perché, facendo parte dell’entourage del centro-sinistra (che sponsorizza la NLTL) per motivi politici e di finanziamenti che possono arrivare al Poli, non vede di buon occhio il fatto che qualcuno gli possa rompere le uova nel paniere.
    Per quanto riguarda invece gli altri dati, i circa 10 mln di tonnellate di CO2 che sarebbero emesse in fase di cantiere sono dati di LTF, e si suppone che tali emissioni verrebbero recuperate solo nel 2055 se i dati di traffico fossero quelli dello scenario del “decennio perduto” che era ritenuto il più rappresentativo dai proponenti l’opera. Ora, viste le svariate crisi (e la stessa ammissione dell’Osservatorio) rispetto al fatto che tale scenario era fin troppo ottimistico, mentre lo scenario reale è invece quello della recessione, le stime di traffico fatte non permetterebbero il recupero della CO2 emessa in fase di cantiere nemmeno entro il 2055, bensì nel 2080! Faccio notare che, per evitare di far aumentare le temperature oltre i 2° C, le emissioni di CO2 devono essere azzerate entro il 2030…
    Per quanto riguarda invece i giacimenti uraniferi nel massiccio dell’Ambin, già trovati dall’Agip negli anni ’70, qui c’è una mappa dell’Agip degli anni ’80: http://torino.pro-natura.it/valle-susa-giacimento-uranio/ e qui c’è un estratto delle note geologiche ancora precedenti: http://torino.pro-natura.it/wp-content/uploads/2018/12/giacimenti-uraniferi-italiani-estratto.pdf
    Per quanto riguarda le venute d’acqua che sono state documentate con tanto di filmati lato francese, cercherò il filmato e metterò qui il link.
    Infine, per quanto riguarda Amazon, se non fosse la più grande scemenza mai sentita, sarei quasi lusingata che lei mi attribuisca il “superpotere” di far addirittura spostare un colosso internazionale come quello! Se così fosse davvero, vuol dire che andando a manifestare davanti al cantiere di Chiomonte, avrei dovuto evitare di far fare i lavori del tunnel geognostico! Visto che secondo lei basta la mia presnza a determinare uno spostamento di una multinazionale del genere, magari adesso ci penso e programmo una mia personale manifestazione a Chiomonte o San Didero: vedi mai che se ne vadano solo perché gli faccio “Bouhhh!!” o chiedo che rispettino i diritti dei lavoratori (come ho fatto all’epoca!)

    • Il Politecnico di Torino ne ha preso le distanze perché è un’Università seria e non una libera associazione di svitati che si alzano al mattino e sparano stupidaggini antiscientifiche, millantando studi che che non sono nulla più di ricerche su google e articoli conditi di strampalate opinioni. Al Politecnico non è mai stato commissionato alcuno studio sulla Torino-Lione. E quand’anche fosse stato fatto, avrebbero prodotto della documentazione scientifica oggettiva e verificabile, com’è d’uso nel campo dell’Ingegneria. I suoi “esperti” hanno spacciato la loro spazzatura NoTav per qualcosa di collegato al Politecnico, caricando pure dei documenti aperti al pubblico sulle aree che i docenti hanno presso i server dell’Ateneo. E proprio per questo motivo il Politecnico ha sacrosantamente preso le distanze da questi personaggi. Peraltro uno di loro è più noto per le querele ricevute a causa del suo vizietto di minacciare la gente su internet, piuttosto che per i suoi conseguimenti scientifici. Le sue accuse politiche all’operato di un’Università sono un misto tra la sciocchezza e la diffamazione.

      La smetta di postare link e sollevare argomentazioni tecniche su cui, è evidente a chiunque quelle conoscenze le hai, lei non ha alcuna conoscenza, né competenza, né autorevolezza. Ci fa veramente una magra figura, come quella di Amazon. Si occupi del suo mestiere di psicologa.

  10. Lo scorso inverno il Politecnico di Torino e l’associazione Ithaca (da esso partecipata) hanno vinto un bando da 4 mln € di Frontex per l’elaborazione di “mappe di riferimento (politiche, topografiche, di trasporto, economiche, geologiche, fisiche, climatiche ecc), mappe tematiche (migrazione, criminalità, nazionalità, operazioni, ricerca e soccorso ecc), mappe infografiche (immagini, grafici e testo su una mappa tematica) e libri di mappe” e Saracco è anche stato contestato in proposito dagli studenti e dalla Commissione per l’integrità della ricerca del Polito.
    I professori del Politecnico a cui faccio riferimento io sono esperti riconosciuti anche a livello internazionale nel loro campi, e quello che lei dice essere noto per le querele, ha condotto studi sul radon presente nelle polveri sottili che possono essere sollevate dal cantiere, reperibili a questo link: https://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/Articoli/RESRAD-VALSUSA-ITALIAN%20con%20abstract-eng%20e%20boxes-eng.pdf
    Infine, i link che metto io in questi commenti rimandano a documenti che non sono stati smentiti da nessuno dal punto di vista tecnico/scientifico: sarebbe interessante sapere quali sono le competenze che ha invece lei per sostenere che quella è “spazzatura NoTav”, oltre ovviamente al fatto di essere evidentemente un Si Tav senza nemmeno il coraggio di farsi riconoscere e qualificarsi.

    • CVD. Gli estremisti di sinistra come lei hanno in comune molte cose con gli estremisti di destra, lo sa? Pensate di essere esperti su tutto (infrastrutture, vaccini, economia, …) solo perché fate quattro click su Google o scimmiottate opinioni di signori nessuno privi di ogni competenza specifica e autorevolezza, e non perdete occasione per etichettare come politica ogni dichiarazione o pubblicazione scientifica di professionisti certificati nell’ambito delle loro competenze. Un misto tra ridicolo e patetico, che si riassume con la parola ignoranza.

      • la supponenza e l’incapacità di elaborare qualsiasi pensiero critico che vada al di là di quelle che sono le opinioni del mainstream, sono invece le caratteristiche dei “leoni da tastiera” che si nascondono sotto nomi come quello che ha scelto lei, che non per nulla non sa spiegare niente, e anziché argomentare qualcosa rispetto alla documentazione e pubblicazioni di persone competenti, sa solo denigrare chi porta i dati che sostengono opinioni differenti dalle sue. L’attacco e la denigrazione personale sono le armi usate appunto da chi non ha argomenti ma taccia di estremismo chiunque non si allinei come un bel soldatino al pensiero unico imperante. In sintesi: il nulla!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.