L’ASL, TAGLI AI PAGAMENTI PER GLI INFERMIERI: “COSTRETTI PER L’EMERGENZA PANDEMICA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALL’UFFICIO STAMPA DELL’ASL TO3

In merito alla recente comunicazione relativa al pagamento degli straordinari per il personale del Comparto della nostra Azienda, la Direzione dell’AslTo3 precisa che:

“Il pagamento degli straordinari, e di tutte le altre indennità previste dal contratto, gravano su un Fondo economico predefinito, non superabile dall’Azienda.
Nel corso del 2021 l’AslTo3 ha corrisposto un ingente importo per le indennità di malattia infettiva e di terapia intensiva, in seguito all’impegno del personale in tali attività per far fronte alla pandemia. Inoltre, sempre per l’anno 2021, a quel Fondo si è attinto per erogare indennità a vario titolo ai numerosi operatori assunti a tempo determinato per l’emergenza Covid ( tra cui 140 infermieri).
Pertanto, l’impatto complessivo dell’emergenza pandemica ha necessariamente costretto l’Azienda a corrispondere una cifra totale di straordinario pari al 50% di quanto richiesto per i primi sei mesi del 2021, con riserva di corrispondere il restante 50% e il saldo degli ultimi sei mesi dell’anno entro i primi mesi del 2022. Questo subordinatamente all’integrazione del Fondo da parte della Regione che è attesa per le prossime settimane ed è erogata in funzione dell’incremento del personale”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

11 COMMENTI

  1. Ringraziate i NoVax in terapia intensiva che ci costano 10000-20000 Euro al giorno. I soldi non sono infiniti. O paghiamo gli straordinari, o le cure a questi ritardati.

    • Ok ,ho capito ,la sua è una provocazione ed io voglioaccontentarla signor o signora che si firma coperta corta, lo sa invece chi è che deve ringraziare ? In primis questo attuale governo che fa pena , poi la sanità che da un bel pò che non va bene e la lista potrebbe continuare ,ma voglio essere breve ed arrivare al dunque ; sono proprio le persone cattive come lei e mi spiace giudicare però dal commento e chiaro come il sole che lei con queste offese gratuite se lo va a cercare, non voglio mettermi al suo basso livello in quanto sono una persona che usa ancora il cervello e il cuore,per comprendere che non vale la pena ….Mi permetto però di darle un consiglio,la smetta con questo odio nei confronti dei no-vax. Si faccia piuttosto delle domande , si informi e poi può anche chiamarli ritardati ,perchè vede tra questi che lei giudica ignoranti ci sono tantissimi medici,farmacisti,insegnanti e anche infermieri che si sono fatti sospendere. Quindi se persone e non solo analfabeti,che hanno conseguito un titolo di studio non lo vogliono fare si domandi perchè,forse troverà la risposta….La saluto, sa le ho scritto perchè lei è moooltoooo infelice e mi fa pena.

      • Non è una provocazione, è contabilità. I numeri che ho riportato solo reali, potete chiedere al primario del reparto Covid di Rivoli. Con quello che costa la permanenza in TI di settimane di UN solo NoVax ci si paga gli straordinari per un mese a tutti i dipendenti delle ASL del Piemonte.

      • Dimenticavo. Avere un titolo di studio o non essere tecnicamente analfabeti non significa essere competenti su tutto. Infermieri e insegnanti non sono medici e tantomeno virologi. Così come non lo sono tanti medici di base non specializzati. La scienza si fa nei laboratori, non in TV o sui social. In giro ci sono medici che dicono delle “vaccate” senza senso sui vaccini e sul Covid, tanto da fare dubitare su come abbiano conseguito il titolo, o su quali reali interessi stiano perseguendo. Alcuni di loro sono stati anche “pizzicati” perché abusavano della loro posizione per delegittimare i vaccini e vendere false cure a “gonzi” che si fidavano di loro.

    • L hai imparato a memoria il ritornello? Vedremo e li stiamo vedendo i vaccini e vaccinati, e smettiamola di avercela con qualcuno

      • Infatti lo stiamo vedendo: i non vaccinati muoiono 33 volte di più dei vaccinati con 3 dosi. Dato che diventa 56 volte per gli over 80.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.