LE CASE CANTONIERE DELLA VAL SUSA POTRANNO DIVENTARE OSTELLI PER LA VIA FRANCIGENA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  

 
Le vecchie case cantoniere, presenti in Val Susa come nel resto d’Italia, oggi inutilizzate a abbandonate, potranno essere riconvertite in ostelli in funzione del turismo sostenibile e della Via Francigena. La proposta è stata lanciata dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, intervenuto alcuni giorni fa a Roma a un convegno sui cammini e il Giubileo. “Il tutto – ha detto il ministro – per puntare su un modello di turismo sostenibile e di qualità, valorizzando l’idea dell’Italia come museo diffuso”. Concretamente, si possono valorizzare questi edifici graIe alla nuova legge Artbonus, la quale prevede che i beni abbandonati del demanio, come case cantoniere, caselli, stazioni ferroviarie o marittime, fortificazioni e i fari, potranno essere concessi ad uso gratuito a imprese, cooperative e associazioni, costituite in prevalenza da soggetti fino a quaranta anni, con oneri di manutenzione straordinaria a carico del concessionario. Lo scopo è favorire, attraverso la nascita di ostelli, la realizzazione di percorsi pedonali, ciclabili, equestri, mototuristici, fluviali e ferroviari.

E proprio le case cantoniere abbandonate, fanno parte di questo progetto di valorizzazione. Il ministero dei Beni culturali, insieme al Demanio e all’Anas ha fatto il primo monitoraggio: in tutta Italia ce ne sono 1.600 che possono rinascere, conservando l’insegna del passato, ma trasformandosi in ostelli per la Via Francigena, che attraversa proprio la Valle di Susa.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.