LETTERA / IL 25 APRILE A CONDOVE E GLI ERRORI DI UN GIORNALE: “LA RESISTENZA MERITA RISPETTO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di GIULIANO DOLFINI

CONDOVE – Fatto salvo che ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, parole e pensieri con qualsiasi mezzo, nei giorni precedenti la consegna della medaglia d’oro al valor civile alla comunità di Condove per la Resistenza, su un altro giornale telematico locale – diffuso sul web – (non si tratta di ValsusaOggi) è comparsa questa frase. “Si svolgerà a Condove l’anniversario della liberazione il 25 aprile da parte dell’esercito anglo-americano. Data fondamentale per la nostra storia moderna, il primo passo per un nuovo sistema costituzionale. Il programma prevede la medaglia d’oro sul gonfalone del paese”.
Un dettaglio: oltre gli inglesi e gli americani, vi presero parte il rinnovato esercito italiano, poi reparti sud americani, francesi, africani, neozelandesi e polacchi. Ed infine – da Roma in su – vi furono 235 mila partigiani combattenti, uomini e donne. E non solo italiani. Tanto per non dimenticare i fatti accaduti.
Sul fumoso “primo passo verso la Costituzione”, ohibò occorre un minimo di chiarezza. Fatto salva la vittoria militare contro il nazi-fascismo, sarebbe curioso capire cosa c’entrano gli Alleati con la nostra Costituzione, scritta dai 75 “padri costituenti” del Senato e della Camera dei deputati, con inizio il 2 giugno 1946. E promulgata il 22 dicembre 1947.
Di Piero Calamandrei, giurista, componente della commissione costituente, è celebre il suo discorso. “Se voi volete andare in pellegrinaggio dove è nata la nostra Costituzione, andate sulle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, lì che è nata la nostra Costituzione”.
Comunque, capisco che è “humanun errare est”. E dato che nessuno è infallibile, per carità, è sempre saggio correggersi.
Anche perché i 77 partigiani caduti ed i 41 civili morti sui nostri monti (sono i fondatori della Costituzione) hanno una memoria storica ed umana che merita il dovuto rispetto, come indicato da Piero Calamandrei. Che è anche doverosa verso i loro figli e parenti.
Infatti il presidente della Repubblica Mattarella, ed il ministro dell’Interno Lamorgese, hanno conferito alla comunità condovese – per le tragiche vicissitudini – la medaglia d’oro al valor civile per la Resistenza.
Sempre su questo giornale locale in rete, nella successiva cronaca della commemorazione del 25 aprile – giornata storica per Condove – questa motivazione è stata ignorata. Per carità, libera scelta… Ma allora “est diabolicum perseverare…”. O no?

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 14 persone, persone in piedi e attività all'aperto

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Ma c’è anche qualcuno che si prende la briga di leggerlo quel “giornale”? Comunque non mi stupisce che scriva certe cose, conoscendo chi sta dietro all’alias “REDAZIONE”.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.