LETTERA / LA VALSUSA “SÌ TAV” E “SÌ TIR”: IL RE È NUDO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di RICCARDO HUMBERT

Un mio carissimo amico, favorevole all’apertura del tunnel tra Torino e Lione poiché onestamente ed eticamente convinto che spazzerebbe via i tir dalle strade, mi confida preoccupato che la notizia dell’apertura della seconda canna del Frejus e la costruzione di un nuovo autoporto grosso il doppio del precedente lo turbano.

Non riesce a far conciliare le cose e si sente anche un po’ tradito. I casi sono due, mi dice, o la dirigenza autostradale ha subìto un preoccupante shock anafilattico e si è ritrovata contagiata dalla sindrome di Tafazzi oppure, in barba ad ogni proclama, la finalità è molto più semplicemente quella di aumentare il traffico autostradale, oltretutto con l’appoggio dei signori che fanno il buco e che sovvenzionano il nuovo autoporto.

Nessuno, a meno che non sia un pazzo, andrebbe mai a spendere un sacco di soldi per costruire due opere del genere con la finalità di diminuire il traffico, tanto più quando l’autostrada gli appartiene.

C’è qualcosa che non quadra, sostiene il mio amico, anche perchè a breve il Tunnel del Monte Bianco chiuderà per quattro mesi e alla sua riapertura, si dice, non permetterà più il transito ai mezzi pesanti.

Strano, gli rispondo, eppure è ancora viva la commozione con la quale noi tutti abbiamo constatato la grande umanità e il senso etico dei propugnatori del buco nella difesa della fauna locale: hanno addirittura costruito un corridoio per la farfalla e hanno impedito al gatto di Dana Lauriola di essere torturato da un veterinario che, in quanto valsusino, è notoriamente un sovversivo!

Il mio amico mi risponde che forse potremmo essere ancora più commossi se della grande attenzione e umanità elargita verso gli animali questi signori ne riservassero un po’ anche per gli esseri umani considerato che sono proprio loro a sostenere che ci sarà un aumento di malattie cardiovascolari e respiratorie pari al 10/15%, in particolar modo tra le fasce più deboli, cioè bambini e anziani; ma per l’essere umano non sono previsti né corridoi né veterinari.

Sono disorientato, dico al mio amico, ma quello contrario al buco non ero io? Siccome però è onesto mi confida che ormai, secondo lui, non è più questione di essere pro o contro, poiché il potere e il profitto sono trasversali e superiori ad ogni tipo di etica e di valore umano e quando si incontrano non c’è conflitto ideologico che tenga.

In pubblicità si chiama claim, è quella frasetta che, a fine spot, svela la principale promessa fatta ai consumatori/clienti, poiché ormai tali siamo. Avendo dunque perso ogni connotazione umana la maschera può tranquillamente venire abbassata e ora che ci vorrebbero rieducati a proclami e a tv ci credono pronti per metabolizzare il claim in questione: Si Tav e Si Tir.

In contemporanea. Questo è lo scopo; ma ora, almeno, il re è nudo.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

26 COMMENTI

  1. Agli occhi degli stolti il re non è ancora abbastanza nudo.
    Vedono drappeggi e damaschi in filigrana d’oro in ogni mirabolante promessa che infaticabili pifferai propinano da decenni.
    Nessuno è più cieco di chi non vuol vedere e nessuno è più credulone di chi, imbottito di panzane, crede di avere in tasca la verità (che ne dici Merovingio, Ti riesce a riconoscerti in questo fermo immagine?).
    Destino di Cassandra era dire la verità senza essere ascoltata.
    Destino di tutti noi è la rovina del nostro futuro perché in troppi non solo non ascoltano ma si rifiutano di ascoltare.

    • Qualcuno cieco c’è, i notav che hanno finto di non vedere quel buco da 12 km fatto in quella stessa montagna che dicono sarebbe tanto pericoloso bucare.
      Ed i più noti ed importanti tra loro erano all’inaugurazione di quel tunnel.
      Una vergogna, ambientalisti prezzolati dai signori della gomma e del nero fumo.

    • Io non credo di avere la verità in tasca come lei suggerisce,io considero solo i fatti che mi confermano che le proteste dei no tav sono solo a senso unico e volontariamente o involontariamente hanno di fatto favorito il trasporto su gomma.Tragga da sé le conclusioni se non è completamente obnubilato dall’ideologia che vi hanno consultato in testa.Raddoppio del tunnel autostradale:qualche protesta di facciata.Dove erano gli ecologisti no tav quando per decenni l’area del nuovo autoporto è rimasta abbandonata a se stessa?Per non parlare del deposito di materiale di scavo proveniente da lavori stradali eseguiti in Valle:anche quello è rimasto dove era per decenni per poi tornare alla ribalta solo in funzione di ulteriore ostacolo ai lavori per la realizzazione della Tav.Dove erano gli ecologisti no tav quando si sono scavati decine di chilometri di gallerie?L’uranio/amianto è un problema che salta fuori solo se si scava per la Tav?In un altro commento ho scritto che siete pilotati da gente più furba di voi che ha interessi economici da tutelare e lei me lo conferma.Il sonno della ragione genera mostri e voi no tutto è un bel pezzo che dormite.Intanto avete consegnato il movimento in mano ai centri sociali che stanno cercando di trasformare la Valle in un campo di battaglia per soddisfare la loro ideologia malata.Grazie molte,la stragrande maggioranza dei valligiani è contentissima di tutto ciò.Non capite che la Tav per questi elementi è solo una occasione per andato contro il sistema e della Valle e dei suoi abitanti
      non gliene può fregare di meno?Se invece di un tunnel ferroviario si volesse costruire una filiale di Gardaland non ci sarebbe differenza.

      • Ancora una volta il merovingio anzichè fornire DATI formula domande , domande , ma di sostanza ASSOLUTAMENTE ZERO. Ho visto più volte commenti che gli chiedevano di fornirli ma ,nulla!!
        solovuote parole retoriche
        Una cosa per i sitav sanno fare bene , insultare !!

        • Domande che formulo ed a cui non ho mai avuto risposta da chi è contrario all’opera,caro la mia/mio Scherazade, nickname azzeccato per chi come lei racconta storie con la pretesa che esse vengano prese per buone in maniera acritica.I motivi per cui la Tav debba essere realizzata sono evidenti e si riassumono essenzialmente in una riduzione dei costi di trasporto dovuti ad una maggiore capacità della nuova linea collocata all’altezza del fondovalle.E tanto per chiarire non mi sembra di aver insultato nessuno al contrario di alcuni elementi no tav che infestano queste pagine che non si limitano all’insulto,ma minacciano pure.

  2. Ci sei o ci fai?
    Se la Sitaf ha potuto raddoppiare il tunnel autostradale e rinviare di qualche decennio la nuova ferrovia è stato proprio grazie al movimento notav.

  3. Il limite dei Merovingi è non credere che esistono altri mondi possibili …… e restare aggrappati al peggiore.

  4. A me riesce difficile credere che chi scrive certe cose sia veramente così disinformato. Piuttosto mi sembrano i soliti furbetti che fanno propaganda sulla scarsa conoscenza dei covalligiani sul tema. Premesso che il nuovo treno non ha lo scopro di “eliminare i TIR”, cosa mai promessa né accaduta da nessuna altra parte, ma di riequilibrare il traffico treno/TIR che oggi è 8%/92% per portarlo a 50%/50%, laddove c’è un’autostrada su cui passano TIR e merci, grosse aree di servizio, piazzali e “autoporti” sono sempre serviti. In Valsusa ci sono oggi Bardonecchia, Salbertrand e Susa, ma quello di Susa, come dovrebbe essere noto, verrà soppiantato dalla nuova ferrovia. Per cui è necessaria una nuova area per sostituire ciò che già c’è. Nulla di nuovo, si rimpiazza qualcosa che già c’è. E se qualcuno non capisce a cosa serva un autoporto consiglio di andare a vedere il piazzale di Traduerivi quando il Frejus è chiuso ai mezzi pesanti per festività, lavori o eventi meteorologici, poi immaginate gli stessi TIR bloccati su autostrada e statali. E non è che se i TIR si dimezzano, spariscono. Peraltro quel continuare a citare quel dato palesemente falso e inventato sulle malattie cardiovascolari e respiratorie, dovrebbe iniziare ad essere perseguito a norma di legge per procurato allarme. I NoTav sono la massima espressione di ignoranza e falsità che si possa trovare in zona. Inutili e dannosi.

    • beata ignoranza è proprio la tua. Attualmente sui trenie nel tunnel ferroviario del frejus ci possono già passare tutti i tipi di TIR caricati sui carri MA CIO NON VIENE FATTO.
      In fatto di IGNORANZA sei proprio un degno campione, Vatti a leggere le relazioni ufficiali (cosa che non hai mai fatto) vedrai che tutti i dati citati dai no tav sono tutti dati scritti in quei rapporti.

      • Ciò non viene fatto perché è economicamente sconveniente portare treni da 1200t con 3 locomotori, a quasi 1300m di quota, con limiti di sagoma dei vagoni, facendo più strada e mettendoci più tempo. Con il Tunnel di base si potrà arrivare a 2000t con 1 locomotore, a quota di pianura l, con decine di km di ferrovia in meno da percorrere, minor tempo e senza limiti di sagoma dei vagoni. La beata ignoranza è appunto di quelli come te che parlano per slogan non avendo alcuna competenza sul tema e ignorando i motivi per cui qualcosa non si fa, come se i costi di trasporto fossero un parametro che non esiste nell’equazione.

  5. “Un aumento di malattie cardiovascolari e respiratorie pari al 10/15%, in particolar modo tra le fasce più deboli, cioè bambini e anziani”???? questo è puro e semplice terrorismo psicologico. So bene come è nato e come è stato diffuso negli anni un tale fake. Ovvero estrapolando la frase da una VIA che riportava nella prima parte le critiche di parte avversa (conformemente a quanto richiesto dal modello DPSIR dell‟Agenzia Europea per l’Ambiente) e dimenticando la parte successiva del documento dove si dice con quali mezzi questa eventualità sia evitata. Da parte mia proverei un po’ di vergogna a ricorrere a simili mezzi, per compiacere a petrolieri, concessionari autostradali, compagnie aeree, settori arretrati dell’autotrasporto.

  6. in vallata tra qualche decennio ci sarà la tav così come un passaggio incredibile di tir. Quindi cari si tav e cari no tav incominciate a fare scorta di vasellina biologica.

  7. Ok! Devo riconoscere che anche Merovingio ha un suo concetto di mondo migliore:
    GARDALAND

    A Ferraudo vorrei far notare che un gigante come Sitaf per raddoppiare il suo tunnel non ha sicuramente avuto la necessità dell’aiuto di un nano (al suo confronto) come il Movimento no tav.

  8. tutti bei commenti peccato che ci siano alcune affermazioni che tipo quella di beppegrillo che vorrebbe denunciare i notav per terrorismo psicologico, questa è la dimostrazione che SEI IGNORANTE xche quei dati sono i dati UFFICIALI nero su bianco , forniti dai proponenti l’opera ( che sono tutt’altro che scemi , e per pararsi il culo hanno messo le mani avanti , )

    • Lei che dà agli altri dell’ignorante e manco è in grado di capire quanto legge. Non sono io (Gillio peraltro e non Grillo) ad aver parlato di denuncia ma di vergogna. Non ho neppure detto che quelle parole siano false, ma semplicemente che sono quelle che si leggono nella prima parte del documento e che riassumono le critiche negative prodotte da terzi. Ho invece aggiunto che nella seconda parte del documento si spiega dettagliatamente quali misure siano messe in campo per evitare che i lavori possano arrecare il minimo danno alla salute dei residenti. E di queste non si dice! Posso aggiungere che se non ci fosse del fanatismo si capirebbe subito e da soli che una VIA che ammette danni non potrebbe essere mai essere approvata e che, anzi, sarebbe considerata atto criminale. Diversamente la procedura non avrebbe una sua ragion d’essere.

  9. Finché ci sarà gasolio i camion gireranno, si inventeranno motivi per far girare merci e consumare. Anche per costruire il tav ci vuole gasolio, ci vogliono i camion e gli escavatori.

  10. Visto che e’ il suo amico a pensare cio’ perche’ non l’ ha scritta lui che e’ Si Tav, avrebbe avuto più effetto.Comunque sia più o meno Tir, mi sembra che stanno facendo un’ asta a chi offre di più! Sembra che la Tav la devono dare per forza , vi corrono dietro per darvela…mai che avessero usato lo stesso sistema per aiutare la gente , nel 1703 erano migliori 10 anni 0 tasse per costruire le abitazioni dopo i terremoti.Proprio messi male qua!

    • Che commento inutile.Nel 1700 a 50 anni eri anziano se avevi la fortuna di arrivarci.Ora viviamo mediamente oltre 80 anni.Si chiama progresso.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.