METEO VALSUSA / ARRIVA IL MALTEMPO, TANTISSIMA PIOGGIA E NEVE: “AUMENTERÀ LA PORTATA DI FIUMI E TORRENTI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

A CURA DI METEO VALLE DI SUSA

AGGIORNAMENTO: grave fase di maltempo in vista tra domenica e martedì, con riflessi già da sabato. Tantissima pioggia in pianura e metri di neve in montagna, nella speranza che la quota neve non si alzi troppo sotto la spinta delle impetuose correnti sciroccali previste.

SITUAZIONE: Siamo alle porte di una lunga e delicata fase di maltempo. Una configurazione barica “da manuale”, con una depressione fredda che sprofonda sulla penisola Iberica, fino in Africa, e determina una risposta sciroccale su tutta Italia, che va a concentrare tutta l’umidità proprio sull’angolo nord-occidentale del Paese (noi), dove la catena alpina offre uno sbarramento. La formazione di un anticiclone sull’est-Europa impedisce alla depressione di fare passi verso levante, costringendola a rimanere in loco per più giorni. Fossimo in autunno o in primavera, il rischio alluvionale sarebbe oltremodo concreto. Essendo in pieno inverno, esso resta basso grazie al fatto che in quota l’acqua sarà neve e resterà dunque intrappolata in forma solida, non riversandosi istantaneamente in fiumi e torrenti. La quota neve sarà però un po’ alta, soprattutto nella seconda parte dell’evento, cioè fra lunedì e martedì, quando potrebbe anche risalire fin sui 1300/1500 metri.

Ma andiamo con ordine:

– Tra venerdì e sabato, la depressione in formazione tra Spagna e Baleari inizierà a far affluire aria umida dai quadranti meridionali verso le nostre zone: ne scaturirà una nuvolosità diffusa e bassa sulle pianure, che progressivamente si estenderà anche alle alte quote. Quanto alle precipitazioni, in questa prima fase sono attese deboli ed intermittenti, più convinte solo dalla sera di sabato e nel corso di domenica.

– Domenica pomeriggio/sera entreremo nella fase clou, con la depressione che si approfondirà sul Mediterraneo, dando luogo ad un richiamo sciroccale davvero imponente e conseguenti precipitazioni intense e persistenti che inizieranno ad interessare tutta l’area alpina e prealpina occidentale e risulteranno probabilmente molto abbondanti lunedì, mentre assai meno intense risulteranno le precipitazioni sulle pianure, specie da Torino verso est. Questa fase durerà almeno 48 ore, ovvero minimo fino a martedì mattina. Sono attese nevicate copiose e persistenti su tutte le aree montuose al di sopra dei 1000 metri, ma con limite in generale lenta risalita. Le zone più colpite dalla fenomenologia saranno quelle tra la bassa e la media valle, dove sono attese cumulate di notevole rilievo, fino anche a 200 mm di pioggia o più e fino a 1-2 metri di neve oltre i 1500 metri. Leggermente meno colpite le aree più interne e confinali, dove comunque si avranno accumuli nevosi ugualmente importanti. Sarà da mettere in conto un importante aumento della portata di fiumi e torrenti di bassa valle e pianura, la cui entità non è al momento valutabile. In montagna, si avrà un aumento del rischio valanghe.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Alla fine sarà solo il solito fuoco di paglia. La valle ha bisogno di tanta acqua. Altrimenti la prossima estate sarà dura per tutti. Speriamo bene.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.