METEO VALSUSA: UN INIZIO SETTIMANA “POLARE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

a cura di METEO VALLE SUSA

Inizio settimana caratterizzato dal grande freddo, a causa del continuo afflusso di aria gelida siberiana, che terrà sotto scacco le nostre zone fino alla giornata di mercoledì. A seguire non si escludono sorprese nevose.

COMMENTO

In considerazione della notevole incertezza previsionale circa l’evoluzione successiva alle prossime 48 ore, il bollettino odierno arriverà nei dettagli soltanto fino a martedì.

SITUAZIONE ED EVOLUZIONE

Come già ampiamente discusso, una massa d’aria gelida è stata sospinta verso la Russia e successivamente l’Europa (Italia compresa) da un anomalo aumento termico nelle zone polari e sta causando un repentino crollo termico sulle nostre zone, dove per tutta la giornata odierna ha nevicato e ora si registrano temperature ampiamente negative. Nelle prossime ore il cielo tenderà a rasserenarsi e sia la giornata di lunedì che quella di martedì risulteranno abbastanza soleggiate seppur con cielo tra poco e parzialmente nuvoloso e probabilmente mai del tutto sereno, se non per brevi periodi. Da mercoledì invece la situazione inizierà a cambiare per effetto di una depressione atlantica che, avvicinandosi all’Italia da ovest, potrebbe (e qui il condizionale è d’obbligo) determinare la risalita di correnti umide e miti dai quadranti meridionali. Il contrasto fra l’aria gelida preesistente (il classico “cuscino freddo”) e quella molto più mite in arrivo darebbe luogo ad una nevicata “da addolcimento” termico su parte del nord Italia. Tuttavia su questa ipotesi i modelli sono ancora molto ballerini e dunque ci aggiorneremo martedì. Volendo fare delle ipotesi, il possibile peggioramento appena descritto si esaurirebbe nella serata di giovedì, lasciando in eredità per i giorni successivi un tipo di tempo caratterizzato da correnti atlantiche e dunque da condizioni abbastanza soleggiate in pianura e maggiori nubi sulle aree confinali. Il tutto in un contesto termico decisamente più mite, addirittura su livelli superiori alla media del periodo.

TEMPERATURE

Le temperature sono già scese notevolmente a tutte le quote e, in particolare al di sopra dei 1000 metri, si registrano già temperature sui -10°C. Sul fondovalle e la pianura i valori scenderanno ancora di molti gradi non appena il cielo si rasserenerà. La prossima notte probabilmente vedrà alcune schiarite ma non ancora un rasserenamento totale mentre la notte fra lunedì e martedì dovrebbe presentarsi mediamente poco nuvolosa e sarà lì che su pianura e fondovalle si raggiungeranno i valori più bassi. A seguire, probabilmente anche la notte fra martedì e mercoledì potrebbe vedere valori notevolmente negativi ma sarà più probabile la presenza di nuvolosità (e quindi minor calo termico). A seguire i valori termici tenderanno ad aumentare. Una nota la meritano anche le temperature massime, che stenteranno a raggiungere/superare gli 0 °C anche in pianura almeno fino a mercoledì.

RIASSUNTO PREVISIONALE

LUNEDÌ: cielo tra poco e parzialmente nuvoloso con condizioni abbastanza soleggiate. Ventilazione debole dai quadranti orientali. Temperature molto rigide con minime notturne mediamente sui -4/-8 °C in pianura (eventualmente anche oltre se il cielo dovesse rasserenarsi del tutto) e -12/-16 °C a 1500 metri, massime attorno a 0 °C su fondovalle e pianura (possibile giornata di ghiaccio su molte zone) e difficilmente sopra i -6/-8 °C a 1500 metri.

MARTEDÌ: sereno o poco nuvoloso con nubi in leggero aumento dalla sera. Venti deboli. Temperature sempre molto rigide. Quella fra lunedì e martedì probabilmente sarà la notte più gelida al piano per via del cielo in gran parte sereno: si avranno minime che agevolmente raggiungeranno i -10 °C e localmente potrebbero avvicinarsi ai -15 °C. Massime sempre attorno a 0 °C. In quota freddo intenso sia di giorno che di notte: a 1500 metri minime sui -15 °C e massime sui -6/-9°C.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Sono veramente schifata della situazione neve nei comuni di bassa valle. E’ incredibile che tutti gli inverni i comuni non puliscono le strade dalla neve. Come al solito la bugia enorme che non hanno soldi peccato, che tutti gli anni stornano i soldi dal capitolo neve a favore di altre spese…sicuramente meno importanti………
    VERGOGNATEVI

Rispondi a roberta Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.