MIGRANTI IN VALSUSA, I PROGETTI DELLA REGIONE PER I MINORI E PER L’INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di MONICA CERUTTI (Assessore della Regione Piemonte)

Sono tre le azioni decise martedì 8 maggio durante il tavolo convocato per discutere di migranti in Val di Susa. In primo luogo, la Regione vuole lavorare all’apertura di nuovi punti informativi. Oltre a quello di Bardonecchia, un nuovo punto dovrebbe essere aperto a Oulx e si vuole verificare la possibilità di promuoverne uno anche nella stazione di Porta Nuova, a Torino.

In secondo luogo, il nostro ente vuole affrontare la principale criticità emersa, quella dei minori non accompagnati. É già stato avviato un programma di accoglienza, ma è sorta l’esigenza di stabilire un dialogo  sul tema con le  Regioni francesi limitrofe, oltre che affrontare la questione  dei respingimenti dei minori alla frontiera. La Regione si è incaricata di portare le istanze del territorio della Val di Susa a conoscenza dell’ambasciatore francese Christian Masset, che sarà a Torino per l’inaugurazione del Salone del libro. Inoltre, vorremmo percorrere la strada del ricongiungimento dei minori con i parenti quando residenti altrove in Europa.
Come terzo punto, sarà verificata la possibilità di avviare i migranti in percorsi di inserimento sociolavorativo. Voglio sottolineare come la Val di Susa stia già dando prova di una grande capacità di solidarietà e di risposta alla situazione. La microaccoglienza oggi dà ospitalità a 150 persone tra bassa e alta valle. Si può parlare su questo fronte di modello Val di Susa. Al Tavolo con la Regione c’erano i sindaci dei Comuni più interessati dal fenomeno migranti (Bardonecchia, Clavière, Oulx), la prefettura, la Croce Rossa italiana, il Consorzio socioassistenziale della Val Susa e l’associazione Rainbow4Africa.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Mio figlio non e’ migrante, mio figlio e’ italiano, mio figlio ha genitori, nonni, bisnonni e via discorrendo italiani, negli anni ha inviato centinaia e centinaia di curriculum, ha 33 anni ma a oggi non ha un lavoro che le possa dare una certa sicurezza economica e progettare un minimo di futuro, sposarsi, avere dei figli ecc.ecc.
    POTETE INSERIRE ANCHE LUI NEL PROGETTO E AIUTARLO AD AVERE UN LAVORO COME FATE CON GLI ESTRACOMUNIRARI CLANDESTINI CHE HANNO PIU’AIUTI DEI NOSTRI FIGLI?

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.