NEVICATA IN VALSUSA, PULIZIA INSUFFICIENTE SULLA STATALE 24 E SULLE STRADE PROVINCIALI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

La strada provinciale Oulx – Bardonecchia oggi pomeriggio

di FABIO TANZILLI

OULX – Oggi pomeriggio dalle 16 alle 20 abbiamo percorso in auto la statale 24 del Monginevro, la strada provinciale 335 per Bardonecchia e la strada provinciale 215 Oulx – Sauze, constatando la totale inefficienza dell’Anas  e della Città Metropolitana nella pulizia delle strade. Si possono comprendere le difficoltà in paesi come Bardonecchia, dove di neve ne è caduta quasi 1 metro (anche se trattandosi di un paese di alta montagna, un minimo di organizzazione in più sarebbe stata opportuna), ma trovarsi con le strade completamente sporche su una strada di collegamento internazionale è scandaloso.

I mezzi spazzaneve non passavano mai, lasciando che le corsie si riempissero di neve. Il tutto, nonostante l’autostrada a Oulx a Bardonecchia fosse stata chiusa al traffico per i tir finiti di traverso. Paradossalmente, proprio sulla 335 sono passati in seguito a pulire la strada i mezzi della Sitaf che, dal Frejus, dovevano risalire per lo svincolo di Oulx con l’obiettivo di pulire l’autostrada.

E cosa dire dell’altra strada provinciale 215 che collega Oulx a Sauze d’Oulx? Sembrava una pista di sci. Questa volta non si può dare la colpa ai turisti della domenica che spesso purtroppo viaggiano senza catene e senza le gomme adatte. Le strade erano zeppe di neve e gli spazzaneve passavano raramente.

Il tutto fa nascere numerose perplessità sulle ambizioni politiche da parte della Città Metropolitana, che adesso vorrebbe prendere in mano anche la gestione delle autostrade. Se non sono in grado di garantire la sicurezza e la viabilità delle infrastrutture attuali, come possono pretendere di gestire al meglio un’autostrada alpina (la cui pulizia in caso di neve già oggi viene criticata ripetutamente)?

Anche in alcuni Comuni la situazione è stata davvero critica: non si capisce se il tutto nasca dall’organizzazione attuata negli ultimi anni dalla politica locale valsusina, che ha scelto di affidare all’Acsel la gestione dello sgombero neve, per poi rigirarla con “mini-appalti” alle ditte locali, sempre più al ribasso per poter ottenere gli incarichi, che non sempre riescono a svolgere il lavoro in modo ottimale.

Ricordandoci che nevicate come quella di oggi ci sembrano tanto eccezionali, ma anni fa – come ricordano i nostri vecchi – erano invece una cosa “normale” per l’alta Val Susa in inverno.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

18 COMMENTI

  1. Caro Valsusaoggi.
    Sono accuse senza senso verso l’amministrazione pubblica.L’autostrada Oulx-Bardonecchia risulta bloccata da ore, è un’autostrada a due corse più corsia d’emergenza, dritta, lieve pendenza, COLLEGAMENTO internazionale, molto ben più importante della ss24 335 215. Non mi venire a dire che la colpa sono i camionisti, la Sitaf ha la piena responsabilità dell’accaduto! L’Anas non è certo un organo molto efficiente ma la Sitaf non è da meno!

  2. Ma per favore..
    Ma che articolo poco oggettivo….
    La nevicata è stata eccezionale,rendiamocene conto.un metro e mezzo di neve in paese non capita mai.nel passato nessuno si metteva in marcia a cercare criticitá nella criticitá chi doveva pulire puliva e gli altri a casa ad aspettare

    • Dal tono dell’intervento di Btw direi che lei è direttamente coinvolto nello sgombero neve che non funziona; intanto un metro e mezzo di neve è caduta solo da qualche parte, non a Salbertrand, né ad Oulx né a Cesana, e poi si tratta di neve leggera (facile da sgomberare) e caduta in 48 ore non in due ore. Allora niente sconti a chi NON HA TOLTO LA NEVE sia perché semplicemente non passava sulle strade e poi perché sono stati visti mezzi passare con la lama alzata, vuole dire che si stavano spostando tutti? Invece di invocare il passato e romanzarlo sarebbe meglio affrontare il presente, senza troppe pretese ovviamente (nessuno chiede le strade lustre e asciutte) ma il minimo da giustificare un guadagno per chi dovrebbe lavorare quello sì.

  3. Forse è necessario focalizzare con attenzione quanta neve è scesa in così poco tempo…
    Sicuramente i nostri vecchi ricordano eventi simili, ma ricordiamoci anche che allora non ci sarebbero state tutte le problematiche di spostamento.
    È vero ci sono disagi di ogni genere.. addirittura la linea ferroviaria nella tratta Bardonecchia-Bussoleno è ferma e non è chiaro quando sarà ripristinata.
    Questo è piuttosto ridicolo se si pensa che il treno teoricamente dovrebbe essere l’unico mezzo di trasporto “comodo”, in questi casi,se solo fossero stati puliti i cambi ecc..
    Infine,oltre alle faccende politiche, ritengo sia doveroso ringraziare chi in questi giorni organizza e lavora ininterrottamente, notte e giorno, per gestire nel miglior modo possibile questa problematica nei luoghi in cui la neve ha superato il metro di altezza!

  4. Probabilmente quello che dirò scatenerà un inferno…Ma quante automobili montano gli pneumatici da neve? Tanti dicono “ah io ho le catene in macchina” ma le sanno montare poi? Io vivo in bassa valle, e qui la maggior parte della gente ragiona così, poi li trovi in statale ai 30km/h fissi…ricordo solamente che le dotazioni invernali sono obbligatorie per legge…

    • Ma cosa centra l ACSEL con sitaf e Anas o città metropolitana? E poi che che cresta dovrebbe fare? Ha fatto degli appalti non dei mini appalti su richiesta dei comuni e a cui tutti potevano partecipare.

  5. Al di là di tutte le osservazioni lette forse basterebbe appaltare lo sgombero neve per le strade statali ad una ditta attrezzata per questo tipo di lavoro e sufficientemente preparata per le nevicate……e non giocare continuamente al ribasso del costo.
    ricordo che non siamo ai tropici…..
    fate un giro per le statali e troverete sicuramente spazzaneve senza sale o meglio senza catene…

  6. Ciao io dico che chi fa appalti come la citta metropolitana ecc. Fanno tutte gare truccate e danno in mano appalti di sgombero neve a gente che non ha i macchinari per svolgere il servizio a prezzi ovviamente molto bassi e le ditte attrezzate per lo svolgimento invece sono con i macchinari fermi a casa!
    Io parlo di tutte le strade montane come anche la sp 23 del.sestriere

  7. Caduta neve eccezionale sicuramente, ma oggi abbiamo a disposizione mezzi con cavalli a gogò, sia su trattori che su camion, lame ad alto innevamento, catene rompighiaccio, spargisale x tutti i gusti, ma è ovvio che se gli appalti sono sempre a ribasso chi prende l’appalto tiene la lama alta x non consumarne la gengiva che poi va cambiata. E i camion che girano per lavoro dovrebbero investire su catene di buona qualità, perché spostare un tiro intraversato non è semplice.

  8. Pare che l’appalto della pulizia strade sia in mano ad una ditta di Venezia. Che senso ha, se fosse vero? E soprattutto, chi ci guadagna?

  9. a Bussoleno non c’è di certo un metro e mezzo di neve, e le strade vengono pulite molto male. Ancora ieri in Via Circonvallazione e Via Mattie si pattinava, addirittura lunedì ho rischiato di non ripartire al semaforo di Via Mattie, per quanta neve c’era, con le ruote termiche!! Un po’ di sale e sabbia costano troppo?? Oppure vogliamo parlare del ghiaccio che permane per settimane nei vicoli e nella Via Fontan?? E la neve accanto ai marciapiedi, ammassata dagli spartineve, con operai, cantieri di lavoro etc possibile che non si possa rimuovere?? Pure i marciapiedi sono pericolosi, pieni di ghiaccio e zero sale, soprattutto per le persone anziane che devono recarsi in centro se non altro per acquistarsi un pezzo di pane. Idem certe strade di Bruzolo, per niente pulite. Non saprei altrove… Anche la SS 24 da Bussoleno a San Giorio faceva pietà, poi ho svoltato per attraversare sulla SS 25 che era più pulita. Nevicata eccezionale?? Ma quanti anni ha chi scrive questi commenti?? Fino a una ventina di anni fa, la neve si accumulava ben più di adesso, solo che forse c’era un po’ più senso di responsabilità e un po’ di voglia di lavorare in più, la neve nei paesi più grandi, si raccoglieva dai bordi delle strade dopo che era passato lo spartineve, si caricava su camion e poi si versava in Dora o si accumulava in punti dove non recasse pericolo ai pedoni e agli automobilisti. Non abitiamo mica a Roma o in Sicilia, dove con 5 cm di neve si blocca tutto!! Tra l’altro in tempi migliori si pagavano persino delle persone per pulire bene i marciapiedi, dando loro la possibilità di guadagnare qualcosa.

  10. affrontate il presente come dice il galletto che scrutava i lavori, prendete la pala e spalate i marciapiedi invece di girare in macchina a fare foto per scrivere che non era pulito e vedere che qui e là non sono passati o con la lama alzata (magari mentre lavorate)e poi vogliamo che sia tutto pulito per tirare fuori la macchina
    ci vorrebbero 3 metri di neve per far capire che nessuno ti viene a prendere dalla finestra
    le lamentele sono facili da fare,spalare è più difficile…buttare il sale anche.per le termiche poi con più di trenta cm non servono a nulla se non si hanno le catene meglio stare fermi
    un sacco di gente lavora per farci spostare,qualcuno forse no o qualche appalto sarà anche truccato.
    ma non stiamo parlando di una settimana dopo l’evento ma del giorno dopo
    tutti impazienti

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.