NOVITÀ PER ANDARE IN FRANCIA: SENZA TAMPONE PER CHI È VACCINATO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Lago del Moncenisio

PARIGI – Questa mattina, venerdì 4 giugno, il ministro dei Trasporti francese Jean-Baptiste Djebbari, ha annunciato che a partire da mercoledì 9 giugno sarà consentito in Francia l’ingresso a tutti i cittadini europei vaccinati contro il Covid.

Chi è stato vaccinato con le due dosi potrà dunque passare la frontiera dall’Italia senza il tampone molecolare, chi non ha ancora ricevuto le due dosi dovrà sottoporsi a tampone, ma verrà accettato anche l’antigenico.

Ai viaggiatori provenienti dal Regno Unito e dagli Stati Uniti sarà ancora richiesta la prova di un test negativo (PCR o antigene), che siano vaccinati o meno.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

9 COMMENTI

  1. E per chi proviene dall’Africa, dall’America del Sud, dal Medio Oriente, dal Sud-Est Asiatico, dal Pakistan o dalla Cina niente? Precauzioni e restrizioni peraltro inutili solo tra Europei e Paesi amici come UK e USA? Per tutti gli altri entrata libera?

    • E questa dove l’ha letta? Tutti i migranti vengono sottoposti a tampone e messi in quarantena, senza contare che i voli da molti Paesi sono ancora vietati. Legga un po’ di piu.

    • “vaccata all’italiana?” Che c’entra l’Italia? Hai letto bene l’articolo? Sono disposizioni dell’autorità Francese per entrare in Francia. Vale per per tutti i cittadini comunitari.

  2. Anche per i francesi in ingresso in Italia vale la medesima regola?
    Comunque, per quest’anno si può stare anche in Italia.

    • Varrebbe anche per loro, certo. Ma se gli italiani non controllano, non è colpa dei francesi. Ognuno pensi ai propri confini.

      • No no e’ colpa di chi non e’ corretto , no di chi fa o meno i controlli. Cavolo e’ più di un anno che c’ e’ il coviddi , non serve il controllo a spiegarlo. Dovrebbero sapere che senza mascherina e senza distanziamento ci sono dei rischi.Dovrebbero sapere che se altre nazionalita’ fanno come loro potrebbero infettarli , che l’ infezione potrebbe essere rilevante al punto anche di mettere a rischio una vita e farla morire.Se una persona di nazionalita’ diversa va a casa sua senza sapere di essere positiva ,contagia uno dei parenti stretti di un francese , questo si ammala al punto che non ce la fa e muore, fa piacere????? Direi di no, direi che vedere morire un/a marito/moglie, un genitore , un figlio, un/a fratelli/ sorella ecc., non e’ piacevole. Quindi non credo serva un controllo , serve solo un po’ di umanita’ e rispetto da tutti e per tutto il mondo.

    • Vorrei ricordarle che viviamo sul confine, per andare in Francia basta salire fino al Moncenisio, o fare un giro al Monginevro o a Briancon, senza fare chissà che viaggio. Apprezzo questa iniziativa, la trovo corretta, spero venga stabilita in tutta Europa, è giusto che chi si fa vaccinare guadagni un po’ di libertà in piu, anche se il distanziamento e le mascherine vanno mantenuti anche con il vaccino ed è giusto che sia così. Speriamo che l’Italia si adegui con chi entra e con chi esce, in maniera da incoraggiare sempre più persone a vaccinarsi, perchè dare troppa libertà se le persone non si vaccinano è un grave errore.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.