NUOVA SCUOLA MATERNA A CONDOVE: IL COMUNE ATTENDE I SOLDI PER DARE IL VIA AI LAVORI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
La scuola dell’infanzia Rodari (foto dal sito dell’istituto comprensivo di Condove)

di NORMA RAIMONDO

CONDOVE – Per la nuova scuola materna Gianni Rodari, l’amministrazione comunale sta aspettando riscontri (e soprattutto i soldi ndR) dalla Regione Piemonte tramite finanziamento del ministero, al fine di avere maggiori chiarimenti sulla ripartizione, a livello nazionale,  dei fondi previsti per la programmazione triennale riferita all’edilizia scolastica. Abbiamo chiesto ulteriori informazioni e dalla Regione hanno fatto sapere che proprio pochi giorni fa il ministero ha dato il via libera ai 100 milioni di euro disponibili per il bando piemontese dedicato agli interventi in edilizia scolastica: “La procedura va avanti, ma i tempi sono purtroppo lunghi – spiegano dall’assessorato regionale all’Istruzione – da Roma dobbiamo ancora incassare i fondi del 2017, ma il ministro ha garantito che si sarebbe attivato per velocizzare l’erogazione dei finanziamenti”.

Il Comune di Condove figura in graduatoria al terzo posto nel piano delle opere: il finanziamento richiesto è di 1 milione 952 mila euro e  dovrebbe consentire l’edificazione di un plesso nuovo. Nell’attesa, consapevole che chi fa da sé fa per tre, l’amministrazione condovese, grazie alla forza lavoro di un nuovo operaio comunale che ha preso servizio il 1 giugno, nel periodo estivo ha concentrato l’attenzione sugli edifici scolastici, facendo in modo che a settembre si presentassero in ordine per la ripresa delle attività.

“Negli anni scorsi – precisa il vice sindaco Jacopo Suppo – la mancanza di manodopera ci faceva inevitabilmente procedere agli interventi necessari con ritardo e difficoltà. Quest’anno, invece, grazie agli operai comunali, siamo potuti intervenire in maniera tempestiva. Certo, si parla di edifici datati, che hanno sempre bisogno di qualche rattoppo, ma siamo soddisfatti del risultato raggiunto, visto che molti lavori sono stati fatti in autonomia, senza perdita di tempo e senza spreco di denaro pubblico tra  bandi di gara, affidamento lavori, ecc.”. I primi a beneficiarne, giovedì  mattina, sono stati gli studenti delle scuole medie, che hanno già iniziato le lezioni presso la scuola Re dove si è intervenuti con il rifacimento della scala di ingresso dell’edificio e del suo pianerottolo, nonché dell’ingresso della palestra, effettuati da parte degli operai comunali. Inoltre, sono stati effettuati lavori puntuali di antisfondellamento dei solai in alcune porzioni di aule e corridoi e nella totalità del corridoio d’ingresso della palestra, per una spesa complessiva di oltre 8 mila euro. Lunedì rientreranno in classe anche i bimbi della materna Rodari, ove si è proceduto alla modifica dei messicani del tetto piano per ovviare al problema di infiltrazione nei dormitori, alla sistemazione degli scarichi dell’acqua piovana della rampa di accesso ed all’intonacatura, rasatura e verniciatura del locale sporzionamento.

Migliorie anche all’elementare Cosimo Bertacchi che, oltre alla manutenzione delle plafoniere nelle aule e corridoi, dispone ora di portoni in legno degli ingressi risistemati dopo il loro cedimento, apribili con facilità e non più a spallate. Interessato da alcune modifiche anche il cortile interno, dove proprio in queste ore, dopo lo spostamento del vialetto pedonale, è in atto la posa del manto sintetico. “Una soluzione – conclude il vice sindaco – che rappresenta la ciliegina sulla torta dei vari interventi. La spesa effettuata, di circa 12 mila euro, restituisce dignità ad uno spazio importante, che era davvero diventato inguardabile per lo stato in cui versava. Un manto erboso naturale sarebbe durato ben poco, visto che ogni giorno vi avrebbero giocato circa 200 bambini. La soluzione sintetica coniuga pulizia, ordine, resistenza, sicurezza ed è di facile gestione. Oltre che, indubbiamente, bella”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.