NUOVO AUTOPORTO A SAN DIDERO, IL SINDACO E I CITTADINI ALL’ATTACCO: “NON DAREMO I TERRENI A TELT, RESISTEREMO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di LUCA MARTIN

SAN DIDERO – Si prospetta una lunga e dura battaglia tra TELT e il Comune di San Didero, per quanto riguarda gli espropri per i lavori dell’autoporto della Sitaf.Una lotta, però, che non spaventa il piccolo comune valsusino, pronto a dare battaglia fino all’ultimo per difendere il proprio territorio. 


Volontà, esplicitata chiaramente dal sindaco del Paese, Loredana Bellone, nell’assemblea tenutasi ieri sera, venerdì 28 ottobre: <<La nostra intenzione è quella di non rinunciare assolutamente all’uso civico dei terreni. Nella zona dell’autoporto, infatti, sorge un parcheggio che viene utilizzato dalla collettività>> ha spiegato il primo cittadino, ribadendo in modo limpido non solo la volontà dell’amministrazione comunale, bensì anche quella dei singoli proprietari <<purtroppo non tutti gli interessati erano presenti all’incontro, ma la volontà comune è quella di resistere agli assalti di TELT e di non cedere>>.

Vi è una forte perplessità inerentemente alla (dubbia) necessità effettiva di imbastire un cantiere in quel di San Didero. Il sindaco Bellone ha così commentato: <<E’ stato appurato che non vi è e non vi sarà alcun bisogno di trasferire l’autoporto di Susa. Dunque, quale sarebbe l’utilità di fare i lavori che punta a fare la TELT? A nostro modo di vedere, si tratta di pura speculazione. Un modo come un altro per far vedere che i soldi vengono investiti da qualche parte>>.

Il Comune dovrà far pervenire una risposta alla ditta, responsabile della realizzazione e della gestione della Sezione Transfrontaliera della Torino-Lione, intorno al 6/7 novembre: <<I proprietari si accorderanno secondo una linea comune, ci saranno lettere prestampate che saranno compilate dalle singole particelle. Allo stesso modo, sarà organizzata la risposta da parte del Comune. Ribadiremo una volta di più che non siamo disposti a rinunciare all’uso civico della zona. Su quel parcheggio sorgono attività di commercio di frutta e verdura e quest’ultimo si ritrova ad essere anche funzionale per i camionisti che volessero sostarvi per qualche ora di riposo. Noi resisteremo>>.

Fortissima determinazione, dunque, nelle parole del sindaco di San Didero, intenzionata a dare battaglia fino all’ultimo alla volontà della TELT di espropriare i terreni. Una battaglia lunga, che il Comune, il movimento No Tav e i proprietari non hanno alcuna intenzione di perdere.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.