NUOVO RAID DI FURTI TRA CHIANOCCO E BUSSOLENO. I LADRI HANNO SVALIGIATO UNA CASA, E FATTO ALTRI TRE TENTATIVI NELLA STESSA NOTTE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  

Un nuovo raid di furti e tentati furti in bassa Val Susa. Venerdì notte i ladri hanno preso di mira alcune abitazioni tra Chianocco e Bussoleno. La banda è riuscita a svaligiare una casa, e poi ha preso di mira almeno tre alloggi, tentando di intrufolarsi dentro. Per fortuna negli altri tre casi non ci sono riusciti, ma la paura è tanta. Soprattutto dopo il colpo avvenuto a Bruzolo nei giorni scorsi, dove due anziani si sono ritrovati in camera da letto la banda, formata da tre giovani tra i 20 e 30 anni. Forse è la stessa banda che sta colpendo in bassa Valle, con modalità spesso simili.

 E dopo l’ultimo raid a Chianocco, sale la rabbia tra i residenti. A parlare è Giuliana, una donna che abita di una delle case colpite dai ladri nell’ultimo fine settimana: “Ho passato la notte in bianco a causa della visita dei ladri, che hanno nuovamente imperversato tra Chianocco e Bussoleno – spiega – i carabinieri, intervenuti tempestivamente, e che ringraziamo dal profondo del cuore per la professionalità e la rapidità dell’intervento, purtroppo non hanno potuto fare altro che constatare che i ladri si erano dati alla fuga. In una società dove tutti hanno tutti i diritti, e un po’ meno doveri…l’unico che non viene tutelato come ci si aspetterebbe è il cittadino onesto, quello che paga le tasse, con le quali vengono mantenuti gli altri, quelli che hanno tutti i diritti. Non è dietrologia, non è vittimismo e nemmeno intolleranza o altro, ma quando si vede uno Stato che “taglia” sulle forze dell’ordine e non è in grado di garantire la sicurezza dei propri cittadini, allocando le caserme capillarmente sul territorio invece di dismetterle, qualcosa non funziona…c’è chi dice che in Italia c’è troppa gente armata: difatti i delinquenti sono tanti e sono tutti armati, mentre il cittadino onesto come arma ha solo la pazienza”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.