OGGI IL COMUNE DI CAPRIE SI ILLUMINA DI VIOLA, PER LA GIORNATA MONDIALE DEI BIMBI PREMATURI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image
di CORINNE NOCERA

Ogni anno circa 15 milioni di bambini nascono prima del termine e ben 1 milione di loro non sopravvive: la giornata mondiale della prematurità è una manifestazione globale, celebrata in più di 60 paesi, che dal 2011 ha come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della prematurità e della malattia nei neonati, per dare voce alle famiglie dei piccoli pazienti che, talvolta, hanno gravi problemi di salute o purtroppo non sopravvivono.

In tutto il mondo oggi, 17 novembre, verranno illuminati monumenti o centri di interesse con il colore viola, scelto per rappresentare la prematurità. A Torino ovviamente toccherà alla Mole Antonelliana illuminarsi di viola: dalle 18.15, l’associazione “Piccoli Passi Onlus” organizza un incontro aperto ai media e a tutti i cittadini, con lo scopo di sensibilizzare e informare su un tema così importante ma spesso ancora poco conosciuto e regolato dalle leggi.

Anche la Valsusa è vicina ai bambini, infatti il Comune di Caprie ha aderito a questa iniziativa su richiesta di due giovani del posto, Roberto e Letizia, genitori della piccola Sara, nata di 500 grammi e ricoverata per 4 mesi all’ospedale Sant’Anna di Torino.

Adesso la bimba sta bene, cresce e ha 2 anni e mezzo: anche per celebrare la sua vittoria e la sua voglia di vivere, oggi il monumento di fronte al municipio si colorerà di viola, dalle 18 alle 23.

“Questa è un’iniziativa che abbiamo deciso io e mia moglie, con il permesso del Comune, per dare coraggio e forza ai genitori che passano dalla terapia intensiva come noi – ci spiega Roberto – in occasione ringrazio tantissimo Davide Rizzo ed il Comune”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.