OSPEDALE DI RIVOLI, IL PRONTO SOCCORSO RIMARRA’ POTENZIATO FINO A SETTEMBRE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
L'ospedale di Rivoli
L’ospedale di Rivoli

“L’assessorato alla Sanità ha concordato con la nuova Direzione dell’ASL TO3 di mantenere l’area medica aggiuntiva al 6° piano dell’ospedale di Rivoli per ulteriori 4 mesi ovvero fino a settembre 2015”: è quanto annunciato dall’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta quest’oggi rispondendo in Aula a un Question time posto dal consigliere regionale Nino Boeti.

“Nel gennaio scorso – ha spiegato Saitta – come per la verità ogni anno nelle festività natalizie, si era verificato un ingente afflusso di pazienti ai pronto soccorso di numerosi ospedali fra cui quello di Rivoli. Per fronteggiare la situazione che determinava disagi e lunghe attese da parte dei pazienti e tensioni fra gli operatori sanitari per lo stress a cui erano sottoposti, avevo convocato tutti i direttori generali delle aziende dove i casi erano più gravi e attivato azioni a valenza temporanea finalizzate fra l’altro a favorire il deflusso dei pazienti in attesa, in particolare in quei presidi caratterizzati da storica carenza di posti letto di area medica come nel caso dell’ospedale di Rivoli. Avevamo concordato che la Direzione dell’ASL TO3 attivasse per il periodo da fine gennaio/31 maggio 2015 un’area di ricovero aggiuntiva di medicina con 26 posti letto al 6° piano dell’ospedale. Area che nei primi mesi dell’anno ha fornito un ottimo supporto per normalizzare la situazione di sovraffollamento al Pronto soccorso di Rivoli”.

“Tenendo conto ora che la frequenza delle emergenze si acutizza sia durante la stagione invernale (soprattutto a causa dell’influenza), ma anche con l’arrivo del caldo estivo – ha concluso l’assessore Saitta – ho concordato con la nuova Direzione dell’ASL TO3 di mantenere l’area medica aggiuntiva al 6° piano per ulteriori 4 mesi ovvero fino a settembre 2015. A quella data, faremo il punto della situazione e verificheremo le azioni necessarie”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.