OSPEDALE DI SUSA: CONTROLLI GRATUITI CONTRO L’EPATITE C

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DELL’ASL TO3

SUSA – Nuova giornata di prevenzione dell’Epatite C e delle malattie correlate, cirrosi epatica e tumore al fegato, organizzata dall’Asl To3 nell’ambito del piano di screening promosso dal Ministero della Salute. Sabato 11 giugno sarà possibile effettuare gratuitamente il test per l’Hcv, il virus che può portare la malattia.

La giornata è rivolta a tutti i nati fra il 1969 e il 1989, residenti sul territorio dell’Asl To3. Sarà possibile accedere al test, senza necessità di prenotazione né di ricetta medica, presentando solo la tessera sanitaria, nelle seguenti sedi e orari:

1) Ospedale Agnelli di Pinerolo – Via Brigata Cagliari, 39 (Ingresso principale – Ore 8.30 / 11.30)

2) Ospedale di Rivoli – Via Rivalta, 29 (Ingresso Principale – Ore 8.30 / 11.30)

3) Ospedale di Susa – Corso Inghilterra, 66 (Ingresso Principale – Ore 8.30 /11.30)

Il test consiste in un semplice prelievo di sangue capillare dalla punta di un dito, con esito immediato. In caso di positività, verrà eseguito un prelievo di sangue per la conferma della presenza del virus (HCV-RNA). Se questa è confermata, verrà prenotata una visita presso uno specialista per l’avvio del percorso di cura. Tutti questi passaggi sono gratuiti e non necessitano di prescrizione medica.

CHE COS’È L’EPATITE C

L’Epatite C è un’infezione del fegato causata dal Virus HCV che si trasmette entrando in contatto con il sangue di una persona infetta anche in quantità non visibili (ad esempio attraverso la condivisione di piercing, rasoi, spazzolini, tagliaunghie oppure tatuaggi non regolamentati). L’infezione, quasi sempre senza sintomi, può guarire spontaneamente, ma nell’85% dei casi persiste nel fegato e diventa “cronica”. In questo caso e in assenza di adeguate terapie le conseguenze possono essere gravi: il 20-30% dei pazienti con epatite cronica C sviluppa cirrosi epatica e l’1-4% tumore al fegato.

PERCHÈ ESEGUIRE IL TEST DI SCREENING

L’infezione può essere asintomatica per lungo tempo. Rintracciare il virus nelle fasi iniziali invece è fondamentale per avviare le opportune terapie, che consentono di eradicare il virus nel 95-98 % dei casi, portando a completa guarigione, e prevenendo anche il possibile contagio di altre persone.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.