OSPEDALE DI SUSA, DAL 30 NOVEMBRE CHIUDE PER SEMPRE IL PUNTO NASCITE: ECCO COME L’ASL CAMBIERÀ IL SERVIZIO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

RICEVIAMO DALL’ASL

Il prossimo lunedì 30 novembre sarà una data importante per la popolazione residente nel Distretto di Susa, in particolare quella femminile ed in età pediatrica: in concomitanza con la già nota chiusura del punto nascite decolla un modello assistenziale del tutto innovativo, dedicato all’area materno infantile, espressamente progettato per la realtà segusina in prima persona dal Direttore Generale Dr. Flavio Boraso, che già nella sua precedente Direzione presso l’ASL TO4 aveva sperimentato con successo una riorganizzazione dei servizi molto simile a seguito della chiusura del punto nascita di Courgnè (circa 700 parti all’anno).                        Un sistema nuovo di presa in carico delle pazienti, ad oggi ancora poco diffuso, in poche altre regioni italiane, alle quali si aggiunge ora il Piemonte con le prime realtà sanitarie citate. Un progetto condiviso con l’Assessorato Regionale alla Sanità, in coerenza con gli impegni che anche l’Assessore Antonio Saitta si era preso con il territorio, ed in linea con le disposizioni ministeriali che non prevedono punti nascita in ospedali che non siano sede di DEA (come invece accade per Rivoli e Pinerolo) e comunque con un numero di parti inferiore a 1000 all’anno.

 

LA PRESA IN CARICO IN UN PERCORSO COORDINATO – Spiegare sinteticamente il contenuto di un progetto così articolato non è facile; in estrema sintesi, finora la paziente gravida, anche in casi clinici complessi, svolgeva gli accertamenti necessari prenotando personalmente le singole prestazioni prescritte da Medici di famiglia e specialisti ed attendendo il tempo necessario per effettuarle nelle varie sedi.

Con il nuovo modello di Day Service Materno Infantile, le donne che necessitano di più esami ed accertamenti anche complessi, comprese le gravide e puerpere, i neonati e i bambini/adolescenti vengono presi in carico nell’ambito di un percorso diagnostico-terapeutico dedicato, coordinato ed incentrato sulla soluzione complessiva del problema clinico e non più sulla singola prestazione.

Percorsi e presa in carico in Day Service che potranno venire richiesti dai Medici di Famiglia e dai Pediatri di Libera Scelta, dagli Specialisti ospedalieri e territoriali e dai Medici dell’urgenza; un punto unico di segreteria amministrativa gestirà la fase della presa in carico e della destinazione dei pazienti al percorso più idoneo che sia Ostetrico – Ginecologico o Pediatrico e da quel momento un tutor gestirà la sequenza di prenotazioni di tutti gli esami e le prestazioni necessarie che verranno coordinate fra loro, ravvicinate nel tempo grazie ad un accesso rapido e facilitato.

 

Il tutor che prenderà in carico il percorso diagnostico della singola paziente o del paziente pediatrico potrà essere secondo necessità un Ginecologo, un’Ostetrica, un Pediatra od un’infermiera pediatrica.

Il nuovo Day Service rappresenta l’offerta di un servizio aggiuntivo, costituito da percorsi di presa in carico che non annullano, ma affiancano la tradizionale diagnostica del singolo esame o prestazione da svolgere, sistema che manterrà la propria piena attività pur non rientrando nei percorsi del Day Service Materno – Infantile.

 

GLI OBIETTIVI DEL NUOVO DAY SERVICE – La presa in carico nel nuovo servizio di Day Service persegue, quindi, molteplici obiettivi: migliorerà per esempio la presa in carico dei pazienti e la continuità assistenziale anche dopo dimissioni da Ospedali, eviterà molti disagi e spostamenti, ridurrà gli accessi inappropriati al pronto soccorso, ridurrà i tempi di attesa in quanto, grazie al sistema di prenotazioni coordinate, l’intero percorso dovrebbe concludersi di norma entro 30 giorni; il tutto a sostegno della sicurezza e della qualità del servizio reso ad una fascia della popolazione (donne e bambini) molto fragile che nel solo distretto di Susa rappresenta circa il 50% della popolazione residente pari ad oltre 45.000 persone.

Detto molto chiaramente se la chiusura del punto nascite, disposta da norme nazionali e conseguentemente regionali, coinvolgeva finora un centinaio di donne ogni anno che dovranno accedere a Rivoli, i notevoli vantaggi del nuovo servizio potrà essere fruito da un numero rilevante di persone.

 

L’INCREMENTO DI ORE DEDICATE – Un miglioramento la cui evidenza oggettiva è data dall’incremento settimanale di ore dedicate a prestazioni ostetriche-ginecologiche che raddoppieranno, passando dalle 37 ore attuali ad oltre 60 ore con la conferma di tutte le prestazioni attuali quali, ad esempio, visite, pap test, ecografie, screening, IVG, incontri di accompagnamento alla nascita, uro-dinamica ginecologica, a cui si aggiungeranno attività di counseling ostetrico-ginecologico, ambulatori della gravidanza fisiologica, sostegno all’allattamento ed alla menopausa, visite di controllo in puerperio ecc.

 

Altresì nei percorsi pediatrici, l’attivazione del Day Service farà aumentare le attuali 18 ore settimanali dedicate alle varie attività, a ben 59 ore (comprese le 40 nuove ore di ambulatorio pediatrico).

 

Dunque uno sforzo aggiuntivo dell’Azienda che ha comportato il coinvolgimento della Direzione Generale, della Direzione Sanitaria di Susa, dei servizi di Ostetricia-Ginecologia e Pediatria, dei dirigenti e coordinatori infermieristici e relativi operatori, dei servizi afferenti al 118, dei servizi delle cure territoriali; un percorso di progettazione del sistema che ha comportato la necessaria formazione ed informazione a tutti gli operatori coinvolti: sono stati infatti organizzati incontri con i rappresentanti delle istituzioni del territorio, con i rappresentanti dei lavoratori e con i dipendenti stessi dell’Azienda afferenti alle aree interessate.

 

Una preparazione accurata del nuovo sistema partita a settembre, e che si svilupperà fino al giorno di attivazione previsto per il 30 novembre; un periodo nel quale verrà svolta una capillare azione informativa pubblica fatta di comunicazioni dirette ai sindaci, ai Medici di Famiglia e Pediatri di Libera Scelta, agli Specialisti Ospedalieri ed ambulatoriali, alle farmacie, attraverso manifesti informativi in diverse lingue veicolati non solo in ospedale e sul territorio, ma anche nei Comuni, negli studi medici e negli esercizi commerciali.

 

“ Attraverso l’attivazione del Day Service, la qualità dell’assistenza assicurata ad un’ampia fascia della popolazione femminile, neonatale e pediatrica farà un notevole passo avanti “ sottolinea il Dr. Flavio Boraso – Direttore Generale dell’ASL TO3 “ un miglioramento che, attraverso i percorsi mirati di presa in carico, supera enormemente l’aspetto inevitabile della chiusura del punto nascite fornendo risposta molto più ampia e qualificata ai bisogni reali che coinvolgono un numero elevato di pazienti; l’organizzazione del sistema è stato un percorso impegnativo e per questo intendo ringraziare tutte le professionalità coinvolte che dapprima hanno lavorato al progetto e che ne seguiranno l’attuazione pratica. Ringrazio altresì l’Assessorato Regionale alla Sanità per averci affiancato nel condividere il decollo di questa impegnativa innovazione che testimonia l’attenzione del sistema sanitario verso questa area territoriale. Come tutte le innovazioni, se sarà necessario, apporteremo nel tempo i necessari ulteriori miglioramenti. Posso comprendere l’amarezza e il disagio di chi non condivide la chiusura del punto nascita, ma fermo restando l’obbligo normativo in tal senso, ritengo si stia offrendo alla popolazione un servizio altrettanto utile, che se si esclude il singolo momento del parto, offre alle donne ed al bambino un potenziamento dei servizi di prossimità in una zona indiscutibilmente disagiata”.

Il nuovo modello verrà, comunque, sperimentato ed eventualmente rimodulato a seconda delle esigenze che si verranno a creare in corso d’opera.

Nessun tipo di parto o attività connessa potrà più essere effettuata, a Susa, dal 30 Novembre 2015 e, a tal fine, sono stati messe in atto tutte le condizioni utili affinché le donne e gli operatori possano agire in sicurezza.

APPROFONDIMENTO DEI SERVIZI

A partire dal 30 Novembre 2015, sarà attivato il nuovo Day Service Materno-Infantile presso il Presidio Ospedaliero di Susa. Il nuovo Servizio sarà aperto in orario diurno dal lunedì al venerdì con la presenza quotidiana di personale ostetrico e infermieristico pediatrico; il ginecologo sarà presente per tre giorni a settimana, il pediatra per cinque giorni a settimana.

Il Day Service Materno–Infantile di Susa consiste in un modello assistenziale che assicura un percorso agevole ed efficiente concentrando in tempi ristretti le prestazioni erogabili, limitando gli accessi dell’utente in Ospedale. Il Servizio è articolato in una vera e propria attività in rete di prestazioni ambulatoriali (in base a procedure interne condivise tra le parti) gestite dal medico specialista ospedaliero e dal referente ostetrico e/o inf. pediatrico, che permette all’utente di essere inquadrato, in tempi ristretti, dal punto di vista clinico-diagnostico e terapeutico-assistenziale ed accolto e accompagnato per tutta la durata del percorso, bypassando l’allungamento burocratico dei tempi che si interpongono tra la richiesta e l’effettuazione di ogni singola prestazione e consentendo una programmazione e una pianificazione di attività e risorse. Si tratta di un modello di attività specialistica ambulatoriale che si rende particolarmente utile nella gestione di situazioni cliniche per le quali il ricovero risulta inappropriato, ma tali da richiedere una presa in carico della persona assistita, garantendo continuità e qualità assistenziale.

Nell’ambito del Day Service Materno-Infantile si svolgeranno le prestazioni rivolte ad assicurare il percorso di assistenza della donna in gravidanza e di assistenza della donna e del bambino nel post-nascita e del paziente pediatrico secondo una modalità per Percorsi Assistenziali.

Il Day Service Materno-Infantile svolgerà la propria attività in stretta collaborazione con i Consultori Familiari, garantendo: i corsi di accompagnamento alla nascita, gli incontri informativi con le neo mamme, il sostegno per l’allattamento al seno, i corsi di massaggio neonatale, il punto di ascolto delle donne in menopausa, il punto di accoglienza delle donne in caso di maltrattamento e la rieducazione del pavimento pelvico.

ATTIVAZIONE DEL PERCORSO MATERNO-INFANTILE

I pazienti che potranno accedere al Day Service Materno–Infantile sono:

  • Utenti gravide e puerpere
  • Utenti donne in qualsiasi fase della loro vita (dalla adolescenza alla terza età);
  • Utenti neonati e pediatrici.

Il flusso di utenti al suddetto servizio potrà provenire da:

  • Medico di famiglia (MMG)
  • Pediatra di famiglia (PLS)
  • Medici ospedalieri
  • Medici dei servizi territoriali
  • Medici di Pronto Soccorso (per iter diagnostici iniziati in PS per un problema acuto che non richiede ricovero),

i quali richiederanno una visita specialistica o propongono l’attivazione di un Percorso diagnostico-terapeutico specifico.

I PERCORSI MATERNO-INFANTILI (PACC)

Inizialmente i Percorsi diagnostico-terapeutici in ambito materno-infantile che saranno garantiti saranno i seguenti:

  • Area Pediatrica
    • Percorso post-dimissione
    • Patologia complessa
    • Pre-ricovero chirurgico
  • Area Ginecologica
    • Gravidanza fisiologica
    • Menopausa
    • Percorso ginecologico

Di seguito lo schema del processo ambulatoriale all’interno del Day Service Materno-Infantile:

  DSe

Ostetrico

Dse

Ginecologico

Dse

Inf. Pediatrico

Dse

Pediatrico

LUN 8-15.30 9-14 8-17 9-17
MAR 8-17 9-14 8-17 9-17
MER 8-15.30 9-14 8-17 9-17
GIO 8-15.30   8-17 9-17
VEN 8-15.30   8-17 9-17

Prestazioni ambulatoriali del Day Service Materno-Infantile

 

 

OSTETRICIA-GINECOLOGIA

Ambulatorio ginecologico:Visite ginecologiche, Pap Test, Batteriologici vaginali, Ecografia ostetriche/ginecologiche, Screening prenatale (tri test), Urodinamica ginecologica
Bilanci  di salute
IAN (incontri di accompagnamento alla nascita)
interventi chirurgici e dimissioni ginecologici e ostetrici
IVG
Pre-ricovero ginecologico
Pre-ricovero ostetrico
ATTIVITA’ AGGIUNTIVA DSe
Counselling ostetrico: Accoglienza donne Accoglienza donne stranierePunto informazione telefonico
Ambulatorio della gravidanza fisiologica
Prestazioni specialistiche sanitarie ambulatoriali:

–       Medicazioni

–       Terapia ev/im

Visite di controllo in puerperio (Presa in carico precoce donna dopo la dimissione)
Sostegno allattamento
Sostegno ostetrico alla menopausa :

–       Counselling

–       Riabilitazione del piano perineale

PEDIATRIA
Prelievi esterni (accesso diretto):
ECG (accesso diretto)
Ambulatorio Allattamento
ECO Renale-Anche
Ambulatorio Allergologia
Visite Controllo Neonatali
ATTIVITA’ AGGIUNTIVA DSe
Ambulatorio pediatrico/neonatale
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Chiamparino, Saitta e lo stesso Boraso dovrebbero vergognarsi. Da giovane papà spero che non succeda mai nulla, ma ogni “anomalia” che potrebbe verificarsi sarà da attribuire esclusivamente al loro operato.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.