OSPEDALE DI SUSA: SEMPRE PIÙ DIFFICILE NASCERE, MA ADESSO SI PUÒ ABORTIRE. LE INTERRUZIONI VOLONTARIE DI GRAVIDANZA TRASFERITE DALL’EX OSPEDALE DI AVIGLIANA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

Se da un lato sono sempre di meno i parti effettuati nell’ospedale di Susa, nel reparto Ginecologia da qualche tempo è attivo un nuovo servizio del’Asl: quello degli interventi per effettuare gli aborti, le interruzioni volontarie di gravidanza.

È una vera e propria novità per Susa, visto che in precedenza questi interventi venivano effettuati nell’ex ospedale di Avigliana, oggi diventato poliambulatorio/centro di assistenza primaria.

Lo ha reso noto l’Asl: “Il servizio è attivo presso il reparto di Ginecologia, attraverso la stesura di procedure operative condivise a livello ospedaliero e territoriale”. Di questi interventi se ne occupano a turno tre ginecologi non obiettori: “Si calcola una media di 100/120 aborti all’anno – aggiungono dall’Asl – dopo la riconversione di Avigliana, si è scelto di non trasferire tale servizio a Rivoli optando per Susa, considerato che si tratta di un intervento solitamente effettuato senza difficoltà, tramite day hospital”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.