OULX, AL DES AMBROIS LA FESTA DEL LIBRO PER FINANZIARE PROGETTI DI SOLIDARIETÀ

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  


Anche quest’anno il liceo Des Ambrois ha proposto la sua “Festa di San Jordi”. Giovedi 23 aprile è stata la giornata dedicata al libero scambio di libri e di rose. Nell’atrio della sede dell’Istituto superiore è stato allestito uno spazio espositivo di gioielli e oggetti-dono di carta e alcune bancarelle di libri usati. L’iniziativa contribuirà a finanziare il progetto Sete di Giustizia della scuola. Gli studenti hanno offerto tanti libri di narrativa e poesia per le bancarelle, grazie all’impegno della prof. Debernardi e di altri docenti. Il mercatino dei libri, ad un prezzo esemplare di solo 1 euro, si è tenuto dalle 9 alle 12.45: i libri che non hanno trovato una casa nel corso della festa, entreranno a far parte della biblioteca di Jordi dell’Istituto.

 

La Giornata del Libro che cade il giorno della festa di San Giorgio, nacque in Spagna nel 1926 per commemorare la figura di Miguel de CervantesSuccessivamente questo giorno (che è legato anche  alla scomparsa dello scrittore catalano Josep Pla e del drammaturgo inglese William Shakespeare) fu proclamato dallUNESCOGiornata Mondiale del Libro e dei Diritti d’autore”. Oggi oltre 80 paesi festeggiano la Giornata del Libro proprio il 23 aprile.

In Spagna nel giorno di San Jordi (San Giorgio in catalano) le persone che si vogliono bene si scambiano in dono una rosa e un libro. Questa tradizione collega la Festa del Libro alla leggenda del cavaliere Jordi. Secondo questa leggenda, infatti, nelle acque di un lago libico viveva unDrago, essere mostruoso che spargeva il terrore tra la popolazione della vicina cittadina, costretta a versare il tributo di due agnelli al giorno per placare la sua ira. Quando gli animali cominciarono a scarseggiare, gli abitanti furono obbligati a tirare a sorte una persona da offrire in sacrificio. La scelta cadde sulla figlia del re, che sarebbe stata divorata se San Giorgio non fosse riuscito a sconfiggere il mostro. Dal sangue del drago ucciso fiorì una rosa che il giovane Jordi raccolse e regalò alla principessa.

Di qui la tradizione del duplice dono, che trasforma la Festa di San Giorgio in un momento di cultura e di tenerezza.

Dal 2005, Anno Internazionale del Libro e della Lettura, la tradizione si è allargata oltre i confini della Spagna e anche in Italia molte Istituzioni e Associazioni culturali hanno presentato proprio nel giorno di San Giorgio iniziative dedicate al piacere delle lettura.

L’Istituto Des Ambrois da anni aderisce all’iniziativa, con la sua Biblioteca di Jordi e il progetto book-crossing.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.