OULX, CON FRANCIA E ROMANIA UN NUOVO PROGETTO EUROPEO AL DES AMBROIS

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn


OULX – Al via un nuovo progetto europeo “Erasmus+ Actecim (“Attori del territorio per un’educazione alla cittadinanza mondiale) all’istituto Des Ambrois. “Questo progetto ha come finalità la costruzione di un percorso di formazione sulla cittadinanza mondiale – spiega la professoressa Christine Fundone –  e partecipano tre Paesi: la Francia con la regione Auvergne-Rhône Alpes, la Romania con la regione Dolj e l’Italia con il Piemonte. Si tratta di un piano didattico triennale che prevede la collaborazione di universitari, enti del territorio, scuole e Ong”.

Il Des Ambrois partecipa con due classi della terza media di Oulx e due delle superiori: la I Linguistico e la III Turistico. “Gli allievi, futuri cittadini del mondo,  condividono un lavoro di preparazione – aggiunge la prof. Fundone – si terranno in aula vari interventi con esperti dei cambiamenti climatici e rappresentanti delle Ong. Inoltre una rappresentanza di 15 allievi di Oulx andrà ad aprile in Romania”. Il primo incontro del progetto si è tenuto a fine gennaio, e un allievo della terza media ci ha inviato un resoconto.

L’articolo inviato a ValsusaOggi da uno studente delle medie di Oulx

Lunedì 30 gennaii è venuto nella nostra scuola il guardiaparco Giuseppe Roux Pognant che ci ha fornito informazioni in merito ai cambiamenti climatici e alle conseguenze che essi hanno sulle migrazioni degli uccelli e delle piante.                                                                                               Ci ha spiegato che cos’è la fenologia e quali piante si studiano in particolare nel Gran Bosco di Salbertrand, ovvero il larice e il sorbo. Ci ha detto come le zecche, la tortrice del larice e le processionarie si sono espanse sul territorio e come le erbe tenere, nascendo troppo tardi, portino alla morte di alcuni giovani esemplari di stambecchi. Ci ha parlato di certe specie di uccelli e di come sono cambiate le rotte migratorie così che alcuni volatili che prima non c’erano sul nostro territorio sono venuti ad abitare le Alpi. È stato un incontro molto interessante e costruttivo.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.