OULX, DUE GIOVANI PER IL SERVIZIO CIVILE AL DES AMBROIS

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

 

di ELENA IDONE

OULX – Martedì 14 marzo, tre ex studenti dell’istituto superiore Des Ambrois hanno iniziato il servizio civile presso la scuola che li aveva visti come alunni.

”Sarà un duro anno che ci metterà alla prova ma che al contempo ci formerà, come cittadini e come futuri lavoratori”, dicono Cristina e Federico, che intendono portare a termine questo percorso per una crescita personale.

Cristina, 27 anni e Federico, 28 affronteranno questa nuova esperienza: Federico, nella fattispecie, a partire da quando aveva 16 anni ha sempre fatto lavori stagionali; il servizio civile per lui è una nuova esperienza ed un banco di prova. I ragazzi resteranno per un anno presso l’istituto Des Ambrois, dove si occuperanno della biblioteca a 360°, dall’archivio al prestito. Saranno presenti presso la scuola 5 giorni a settimana, per 6 ore al giorno. In totale il servizio civile richiede una presenza di 1400 ore.

Federico si auspica, al termine di questa esperienza, di andare via con tanta soddisfazione, a differenza di tanti altri lavori dove ha raccolto poco dal punto di vista personale ed emotivo, che non l’hanno fatto crescere abbastanza. “Ci piacerebbe aiutare chi ha bisogno di aiuto nella ricerca di libri”- dicono i ragazzi. “Questo è un servizio che si effettua con serietà e severità, aggiunge la vicepreside Barbara Debernardi – per la scuola è un’esperienza ricca e un aiuto concreto, per loro tutto ciò è spendibile per il loro futuro” .

E aggiunge: “Sicuramente questi ragazzi saranno delle valide braccia sulle quali poter contare, durante il consueto mercatino di libri che organizziamo nel mese di Aprile, il cui ricavato andrà in Salvador.”

Ricordiamo che l’IISS Des Ambrois sostiene a distanza la comunità di San Francisco d’Echeverria nonché il suo asilo composto da bimbi orfani e figli di ragazze madri.

“I nostri auguri migliori a Cristina e Federico per questo nuovo percorso un po’ in salita”, conlude Barbara Debernardi.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.